“INZAGHI PUÒ VINCERE LA CHAMPIONS” – LA PROVOCAZIONE DI ZAZZARONI: "QUEST’ANNO TUTTO È SPIAZZANTE. IN CAMPIONATO SIMONE NE HA PERSE 11, NELLE COPPE INTERNAZIONALI E NAZIONALI HA MOSTRATO VOLTO E VALORI OPPOSTI. SCIOCCO, POI, SENTIRSI BATTUTI IN PARTENZA. A ISTANBUL, SUCCEDONO SPESSO COSE STRANE, TIPO MILAN-LIVERPOOL. SE IL CITY RIPETERÀ LA STESSA PRESTAZIONE DI IERI COL REAL È CONSIGLIABILE RISPARMIARE I SOLDI DEL VIAGGIO. MA DA QUI AL 10 GIUGNO...”

-

Condividi questo articolo


Ivan Zazzaroni per il Corriere dello Sport

 

simone inzaghi guardiola simone inzaghi guardiola

Se Guardiola voleva impressionarci c’è riuscito. I suoi sembravano quattordici, non undici. Arrivavano da ogni parte, si infilavano ovunque, catturavano tutti i palloni possibili, tagliavano le linee e naturalmente non sbagliavano un passaggio. Mai visto Grealish giocare così, da fenomeno, all’eccellenza di Bernardo, Gundogan (prova strepitosa) e De Bruyne in fondo siamo abituati. Nella prima mezz’ora il Real non ha addirittura toccato palla, soltanto al 34’ ha dato segnali di vita centrando la traversa con Kroos. 

 

Per nulla spaventato - il mostro non si spaventa mai, fa un altro mestiere - Bernardo ha spento le illusioni madridiste con il raddoppio e la finale di Istanbul ha trovato la seconda partecipante.  

 

simone inzaghi inter milan euroderby 3 simone inzaghi inter milan euroderby 3

Per tutto il primo tempo mi sono messo nei panni degli interisti - terrore in stile Shining - ma durante l’intervallo sono giunto a questa ottimistica conclusione: Inzaghi può vincere la Champions. Perché quest’anno tutto è spiazzante, sorprendente: in campionato Simone ne ha perse undici, nelle coppe internazionali e nazionali ha mostrato volto e valori opposti. Impossibile individuare il punto d’equilibrio; sciocco, poi, sentirsi battuti in partenza. A Istanbul, peraltro, succedono spesso cose strane, tipo una squadra che vince 3-0 nel primo tempo ma la coppa la alza chi i tre gol li aveva subiti .

simone inzaghi re di coppe inter milan simone inzaghi re di coppe inter milan

 

Le ore che hanno preceduto la definizione dell’ultimo ostacolo sono state riempite di previsioni, timori e dubbi, pochissime certezze. Ho sentito Cambiasso, Zanetti e Chiellini augurarsi il City perché «la Champions è la casa del Madrid». Altri hanno puntato sulla squadra di Ancelotti segnalando i numeri stagionali di Haaland e la qualità di Bernardo, De Bruyne, Rodri e Gundogan.

 

Il campo ha chiarito che se il City ripeterà la stessa prestazione è consigliabile risparmiare i soldi del viaggio. Ma da qui al 10 giugno possono succedere tante cose... 

 

simone inzaghi inter milan euroderby 1 simone inzaghi inter milan euroderby 1

Personalmente mi dispiace per Ancelotti. Ma, come ha spiegato recentemente Giannis Antetokounmpo , « dovete capire che nello sport non esiste la logica del fallimento. Ci sono i giorni buoni e quelli meno buoni, a volte riesci a vincere e altre no. Ci sono momenti in cui capisci che è il tuo turno e altre volte no. Questo è lo sport: non puoi sempre vincere, vincono anche gli altri. E quest’anno vincerà qualcun altro».

 

Ieri era il momento no di Carlo: il solo Courtois non poteva bastargli e di fronte all’aggressività del City si è evidenziato un limite di Kroos, Modric e Benzema: col pallone tra i piedi sono supertop; senza, è dura per loro.

carlo ancelotti pep guardiola 2 carlo ancelotti pep guardiola 2 carlo ancelotti pep guardiola 1 carlo ancelotti pep guardiola 1 GUARDIOLA CITY REAL 56 GUARDIOLA CITY REAL 56 NOEL GALLAGHER GUARDIOLA NOEL GALLAGHER GUARDIOLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?