“L’ARBITRO PAIRETTO MI HA MINACCIATO. E SAPEVA GIA’ DI ESSERE L’ADDETTO AL VAR A ROMA” – GASPERINI, IERI SQUALIFICATO, SGANCIA LA BOMBA: "SONO SCHIFATO. CONTRO IL GENOA MI AVEVA DETTO CHE CI SAREMMO RIVISTI A ROMA. COME LO SAPEVA?” – IL CAPO DEGLI ARBITRI NICCHI, CHE AVEVA PAVENTATO IL RISCHIO DI UNA NUOVA CALCIOPOLI, NON ESCLUDE UNA DENUNCIA IN SEDE PENALE…- LA REPLICA DI GASP

-

Condividi questo articolo


gasperini gasperini

Da it.euronews.com

 

“Se mi aspetto l’apertura di un’inchiesta su ciò che ho detto su Pairetto? Prontissimo. Non ho detto sciocchezze, è un problema loro i tempi e le designazioni”. Così Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta, risponde a una domanda sulla polemica nata da sue dichiarazioni fatte in settimana, che potrebbero portare anche a una denuncia in sede penale da parte dell’Aia, secondo quanto detto dal presidente Marcello Nicchi. “A noi possono dire tutto anche ad inizio anno, non credo diaver detto una cosa da denuncia – dice ancora Gasperini -. Noi abbiamo le nostre immagini e loro le radio. Mi dispiace aver messo in difficoltà la squadra con la mia squalifica odierna”.

pairetto pairetto

 

 

 

2. GASPERINI E IL CASO VAR

Matteo Spini per “la Gazzetta dello Sport”

 

Il giorno dell' Europa è arrivato? L' Atalanta spera di sì: battendo il Milan, avrebbe la certezza del bis nelle coppe.

 

Ancora il 13 maggio, ancora contro il Milan: saprebbe tanto di déjà-vu, visto che esattamente un anno fa, nella stessa data, Bergamo si iscrisse all' Europa League, pareggiando contro i rossoneri. Era la terzultima giornata, oggi è la penultima, allora bastava un punto, oggi ne servirebbero tre.

 

gasperini gasperini

VELENI L' attesa a Bergamo è altissima: la testa di un' intera città è sulla partita di stasera, l' ultima dell' anno in casa, quella che da tempo tutti hanno indicato come decisiva. La tensione sale quasi inevitabilmente, anche a Zingonia: le dichiarazioni di ieri di Gian Piero Gasperini, intrise di polemiche, sono al veleno. Il tecnico si riferisce alla sua squalifica, che lo obbligherà oggi a sedersi in tribuna, lasciando il suo posto in panchina al vice Gritti: «Sono schifato, molto. Sono andato fuori in altre occasioni: quando ho sbagliato ho pagato, ma questa sanzione è umiliante. La squalifica e il massimo della multa sono un' esagerazione, una macchia indelebile per me: oltretutto, l' Atalanta è la terza squadra meno ammonita del campionato e io ritengo fondamentale l' educazione dei miei giocatori con gli arbitri. Sono stato messo fuori in una partita decisiva e dovrò guardarla dalla tribuna: mi spiace mettere in difficoltà l' Atalanta per una cosa esclusivamente mia, ma purtroppo non ci si può fare niente», ha tuonato ieri.

Marcello Nicchi Marcello Nicchi

 

GASP VS PAIRETTO Gasp se la prende con Luca Pairetto, che in Lazio-Atalanta di domenica scorsa era addetto al Var, sette giorni dopo essere stato il quarto uomo in Atalanta-Genoa: «Posso dire di essere stato minacciato durante la gara contro il Genoa: Pairetto mi ha detto che ci saremmo rivisti a Roma e non sarebbero stati concessi certi comportamenti». Il tecnico sarebbe convinto di poterlo dimostrare attraverso testimoni. «Non so come potesse sapere che sarebbe stato a Roma: forse gli arbitri, nella loro organizzazione, lo sanno già prima», aggiunge Gasp.

gasperini gasperini

 

Che è stato squalificato per «espressioni gravemente offensive nei confronti del Var», al termine di Lazio-Atalanta: «A fine partita, siamo rimasti sul campo, increduli, ad aspettare un utilizzo ridicolo del Var. Attendevamo un eventuale rigore su un episodio che non esisteva (un presunto mani in area di Cristante, ndr ), dopo il fischio finale, con qualche giocatore già negli spogliatoi. Il Var è utile, ma non così». Gasperini ad alta tensione, dunque, forse anche infastidito dalla designazione per oggi di Guida, l' arbitro che l' ha espulso contro la Roma.

 

MISSIONE EUROPA Il veleno per la squalifica riesce a distogliere solo parzialmente il pensiero dalla partita. «È diventata la più importante dell' anno - dice Gasperini -. Deciderà il futuro, dovremo affrontarla con la mentalità giusta. Avremmo fatto la firma per arrivare a questo punto in questa situazione. Sarà equilibrata: il Milan è un' ottima squadra, con giocatori di livello. Non importa chiudere al sesto o al settimo posto, l' importante è garantirsi l' Europa. L' ambiente ci spinge verso questo obiettivo, che inseguiamo da mesi», il commento di Gasperini. L' Europa League, dopotutto, vale più delle polemiche.

Marcello Nicchi Marcello Nicchi

 

 

gasperini gasperini gasperini gasperini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA