IL MALE OSCURO DEL CALCIO – LA SLA FA UN'ALTRA VITTIMA: GIOVANNONE BERTINI E’ MORTO QUESTA MATTINA IN UNA CLINICA ROMANA - ALL'EX CALCIATORE DI ROMA, FIORENTINA, ASCOLI LA MALATTIA ERA STATA DIAGNOSTICATA NEL 2016 - DAL 1960 AD OGGI SIAMO GIÀ A QUASI 50 VITTIME DELLA SLA TRA GLI EX CALCIATORI...

-

Condividi questo articolo

giovanni bertini giovanni bertini

Da gazzetta.it

Un'altra vittima della Sla. E' morto questa mattina in una clinica romana Giovanni Bertini, ex calciatore - tra le altre - di Roma, Fiorentina, Ascoli, Catania e Benevento. Nel giugno 2016 gli era stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica: dal 1960 ad oggi siamo già a quasi 50 vittime della Sla tra gli ex calciatori. Numero altissimo, dato il tasso di diffusione della malattia (per fortuna molto basso).

 

CARRIERA

Bertini, 68 anni, detto "Giovannone" giocò da difensore negli anni '70. Cresciuto nell'Ostiense, arrivò nella Roma di Marchini ed esordì in A non ancora 19enne, il 14 dicembre 1969 (in Fiorentina-Roma 2-2). Nella stagione successiva le presenze si dimezzarono e nel novembre del '71 venne ceduto in prestito all'Arezzo, dove disputò 7 gare in Serie B. Rientrato a Roma, collezionò altre 20 presenze nelle 2 stagioni successive prima di essere ceduto al Taranto. In carriera ha totalizzato 54 presenze in A e 29 in B. E' stato anche opinionista, tra le altre emittenti, di Tv2000. La Roma lo ha ricordato questa mattina con un tweet.

giovanni bertini giovanni bertini

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute