MARADONA, AGNELLI E IL CORTEGGIAMENTO DELLA JUVE, PIRLO, L’ATTACCO ALLE MAFIE: LAPO ELKANN SCATENATO A “CAMPIONI DEL MONDO” SU RADIO2 - "L’AVVOCATO AVREBBE VOLUTO A TUTTI I COSTI DIEGO ALLA JUVE. L’ERRORE FU COMMESSO DA BONIPERTI - INDEGNO CHE IN TANTI ABBIANO IRONIZZATO SULLA MORTE DI MARADONA. E’ STATO SPREMUTO COME UN LIMONE. QUELLO CHE E’ SUCCESSO A LUI POTEVA SUCCEDERE A ME”. E POI LA PANDEMIA, LE MAFIE E PIRLO: "NOI JUVENTINI SIAMO GENTE VIZIATA ABITUATA A VINCERE SUBITO E SEMPRE. MA AL “MAESTRO” VA DATO TEMPO…”

-

Condividi questo articolo

Francesco Persili per Dagospia

 

lapo maradona lapo maradona

“Maradona? L’Avvocato lo avrebbe voluto a tutti i costi alla Juve”. Lapo Elkann rivela a “Campioni del mondo”, la trasmissione condotta da Marco Lollobrigida su “Radio 2”, il grande rimpianto di  Gianni Agnelli. “Mio nonno lo voleva acquistare. L’errore, in quel caso, fu commesso da Boniperti…”. L’Avvocato era innamorato del Pibe. Una volta lasciò Capri in elicottero per andare a gustarselo dal vivo al Partenio di Avellino.

lapo maradona lapo maradona

 

Diego riuscì a resistere al corteggiamento. Ad Agnelli disse che non avrebbe mai potuto fare tradire i napoletani perché si sentivo uno di loro. “Non ha mai mollato il Napoli nonostante le offerte di altre squadre per una questione di lealtà e fedeltà”, rimarca Lapo: "Per il Napoli Maradona fu la luce dal cielo”.

 

lapo elkann gianni agnelli lapo elkann gianni agnelli

Il rampollo di casa Agnelli era molto amico del “Diez”: “Era un uomo d’amore, con un cuore immenso. In tanti hanno ironizzato e scherzato sulla sua morte? Lo trovo indegno e vergognoso perché oltre ad essere il più grande calciatore della storia era un essere umano fragile, sensibile, molto solo. Quando ho saputo della sua morte ho pianto quasi tutto il giorno. Quello che è successo a Diego sarebbe potuto succedere a me. Ho rivisto e rivissuto con Diego delle cose della mia vita. Io ho trovato aiuto e supporto, Diego no.

 

boniperti boniperti

È stato spremuto come limone. Molte persone lo hanno sfruttato finché tornava comodo. L’amore che Diego dava generosamente agli altri, non gli è stato restituito da chi gli era vicino. Non ho nessuna voglia di giudicare. La vita è difficile per tutti. Non conta essere ricchi o famosi. Da amico orgoglioso dico solo che avrei voluto aiutarlo di più”.

 

andrea pirlo foto mezzelani gmt 027 andrea pirlo foto mezzelani gmt 027

Lapo parla anche delle campagne di solidarietà della fondazione Laps, invita a tenere alta la guardia contro le mafie che sfruttano la pandemia per rafforzare la propria influenza in tutto il territorio italiano (tra marzo e luglio 2020 i reati delle organizzazioni criminali sono aumentati rispetto al 20199 e parla anche degli alti e bassi della Juve: “Va dato tempo a Pirlo per dimostrare le sue capacità. Noi juventini siamo gente viziata abituata a vincere subito e sempre. Sono stati cambiati tanti calciatori, il compito di Pirlo non è facile. Io tifo per lui. In campo era il Maestro, lo diventerà presto anche in panchina..."

maradona napoli juve maradona napoli juve LAPO ELKANN 4 LAPO ELKANN 4 il gol di diego armando maradona alla juventus il gol di diego armando maradona alla juventus LAPO ELKANN ELEONORA DANIELE LAPO ELKANN ELEONORA DANIELE LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS

 

maradona napoli juve maradona napoli juve Giovanni Agnelli con Lapo e John Elkann Giovanni Agnelli con Lapo e John Elkann pirlo pirlo LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS andrea pirlo foto mezzelani gmt 025 andrea pirlo foto mezzelani gmt 025 LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS LAPO ELKANN FONDAZIONE LAPS

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute