MASAI O NON CE LO SAI CHE SI INCAZZANO? LA PARTITA IN FAMIGLIA DI JOHN McENROE CONTRO IL FRATELLO PATRICK IN TANZANIA MANDA SU TUTTE LE FURIE I GUERRIERI MASAI – LO STRANO "SAFARI TENNISTICO" SULLA TERRA ROSSA DEL SERENGETI E' STATO ORGANIZZATO DALL'AGENZIA "INSIDER EXPEDITIONS" CON L'OK DELLE AUTORITA' DELLA TANZANIA: CENTO SPETTATORI HANNO PAGATO 27 MILA DOLLARI PER PARTECIPARE - SOLO CHE L'EVENTO SI INSERISCE NEL CONFLITTO TRA GOVERNO E COMUNITA' MASAI CHE...

-

Condividi questo articolo


Michele Farina per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

john mcenroe masai john mcenroe masai

Una «partita epica», così è stata definita dagli organizzatori, che si gioca in Africa. Una rivincita nella savana, dove mai pallina era rimbalzata prima d’ora. Appuntamento oggi sulla «terra rossa» dei Serengeti, il paradiso degli elefanti con tremila leoni nei dintorni e il Kilimangiaro all’orizzonte.

 

Da una parte John McEnroe, 64 anni, sette Slam vinti, il tennista più amato e odiato di sempre. Dall’altra — si trattasse davvero di una sfida «epica» ancorché tra vecchie glorie — potrebbe starci un Bjorn Borg. E invece no. Mal riposti anche i paragoni arditi con la boxe, con il «Rumble in the Jungle» del 1974 quando Mohammed Ali sfidò Foreman sul ring equatoriale di Kinshasa. Il match nel bush (su un campo sintetico fatto arrivare dalla Cina e subito smontato) sembra più che altro un’esibizione di cattivo gusto.

john mcenroe masai john mcenroe masai

 

Non piace agli abitanti del luogo, i guerrieri-pastori Masai sempre più estromessi dai loro territori ancestrali, che promettono contestazioni a bordo campo. A sfidare il Genius del tennis nell’area protetta di Ngorongoro, in una terra resa famosa dalla grande transumanza di antilopi e gnu, sarà il fratello Patrick, più giovane (57 anni) e meno bravo.

 

Una partita in famiglia, nobilmente presentata come il culmine di un’avventura tesa a portare l’arte della racchetta in un angolo di mondo dimenticato dalla dea Eupallina.

 

In realtà intorno ai McEnroe (sopra John, con gli occhiali, e Patrick) , più che bambini Masai desiderosi di imparare i segreti dello smash, ronzeranno i cento spettatori arrivati da lontano, i fortunati che hanno pagato fino a 27 mila dollari per alloggiare nei Four Seasons Lodge e partecipare al safari tennistico più stravagante della storia, organizzato dall’agenzia Insider Expeditions con la benedizione delle autorità della Tanzania.

patrick e john mcenroe patrick e john mcenroe

 

A riceverli si è scomodata la presidente in persona, Samia Suluhu Hassan, 63 anni, eletta nel 2021 alla guida di un Paese alla disperata ricerca di investimenti (gli Emirati Arabi hanno appena assunto il controllo del porto della capitale), alle prese con la povertà endemica e il cambiamento climatico (le inondazioni di questi giorni hanno fatto almeno 47 vittime a Katesh, poco più a sud delle mete toccate dalla «spedizione» McEnroe).

 

Protestano Amnesty International e Human Rights Watch, dando voce alle associazioni locali: il safari McEnroe si inserisce nel conflitto crescente tra il governo e le comunità Masai che vengono allontanate dalle loro terre nella zona del vulcano spento Ngorongoro.

 

Nel 2022 l’Onu ha chiesto alla presidente Hassan di porre fine al piano di spostamenti

masai masai

forzati di 82 mila persone verso un’area a 600 km di distanza. Ha un bel dire il portavoce di McEnroe e dell’associazione benefica da lui fondata, il Johnny Mac Tennis Project di New York (a cui andrà parte dei proventi del tour): «John è un ambientalista non vuole entrare in questioni politiche». Ci entra eccome. Con un doppio fallo: un favore di immagine al governo, truccato da opera buona. Dopo l’«epica» partita, i fratelli Mac e i cento vip visiteranno l’area del cratere spento di Ngorongoro, dove ai Masai è proibito recarsi con le loro greggi.

 

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP