UN MONDIALE DI PIPPE – ZAZZARONI: "E’ UN TORNEO DI BASSA QUALITÀ. ANCHE A LIVELLO INTERNAZIONALE SONO FINITI I CAMPIONI E QUINDI SI SONO RIDOTTE LE DISTANZE TRA LE SELEZIONI TOP E IL RESTO DEL MONDO. UN MBAPPÉ O UN HAALAND NASCERÀ SEMPRE, MA I VENTI, TRENTA GIOCATORI D’ALTO LIVELLO CHE NON SONO MAI MANCATI NEGLI ANNI 80, 90 E 2000, OGGI SONO SPARITI O A FINE CORSA – I CASI MUSIALA E ANSU FATI…

-

Condividi questo articolo


Ivan Zazzaroni per il Corriere dello Sport

 

musiala musiala

In Qatar ho visto pochi allenatori e molti improvvisati, ma anche dei Sassuolo, qualche Atalanta e un paio di Torino, squadre di gente motivatissima, fresca di testa e gambe, tecnicamente inferiore.  - ma non troppo - ai giocatori delle nazionali più prestigiose. Penso a Giappone, Corea del Sud, Marocco e perfino a Stati Uniti, Australia e Iran. I valori e i risultati a sorpresa che registriamo ogni settimana in campionato li ho ritrovati in questo Mondiale, un torneo di bassa qualità per un’evidente ragione: anche a livello internazionale sono finiti i campioni e quindi si sono sensibilmente ridotte le distanze tra le selezioni top e il resto del mondo.  

 

 

 Non a caso ci siamo aggrappati a Messi, l’Elevato, 35 anni, diciotto dei quali ad altissimo livello, e Ronaldo, quasi 38, da venti in primissima fila. E abbiamo accompagnato il tramonto di Suarez e Cavani, Godin e Thomas Muller, e Pepe; sofferto insieme a Lewandowski, 34, disarmato dalle follie di Michniewicz; e ogni tanto ci chiediamo quanto valgano realmente Lukaku, De Bruyne e Hazard. 

ansu fati ansu fati

 

Quando, in radio, ho domandato agli ascoltatori quali fossero per loro le stelle della fase a gironi, ho ricevuto queste risposte: Szczesny, Gvardiol, difensore ventenne della Croazia e Julian Alvarez. Il più votato è stato tuttavia il camerunese Vincent Aboubakar che sul passaporto ha trent’anni (...) e gioca in Arabia, nell’Al-Nassr che punta proprio a Ronaldo.  

Quattro anni fa in campo c’era più qualità, ma solo perché i nomi che ho segnalato avevano quattro anni di meno. Non sono poche le edizioni di Europei e Mondiali in cui abbiamo rilevato un costante peggioramento della spettacolarità del gioco. L’attuale sistema può ancora produrre uno o due fuoriclasse, ma non i campioni che li affiancano elevando il tono generale dell’evento: un Mbappé o un Haaland nascerà sempre, ma i venti, trenta giocatori d’alto livello che non sono mai mancati negli anni 80, 90 e 2000, oggi sono spariti o a fine corsa.  

ansu fati barcellona ansu fati barcellona

 

Ai giovani “talentuosi” le attuali dinamiche del calcio non danno il tempo e soprattutto le motivazioni necessarie per trasformare le qualità naturali in valore oggettivo. La mancanza di controllo da parte delle istituzioni ha peraltro incoraggiato il dilagare di un fenomeno che ha permesso a una categoria di agenti e agenzie senza scrupoli di acquistare reiteratamente il diritto a rappresentare questi giovani dietro ricchi compensi, alterando così gli equilibri (familiari e personali) utili per conservare l’impegno e l’umiltà indispensabili se si vuole crescere e migliorare.  

 

Oggi un ragazzo di 16, 17 anni può sentirsi ricco e realizzato senza aver giocato un solo minuto in serie A. Oggi un Musiala e un Ansu Fati sono considerati supertop destinati tuttavia a crescere meno dei Musiala e degli Ansu Fati di trent’anni fa, i quali potevano misurarsi con compagni e avversari molto attrezzati.  

 

ivan zazzaroni (2) ivan zazzaroni (2)

Mi piace indicare l’esempio di Bruno Conti: a vent’anni era soltanto un buon giocatore, nell’82 - a 27 - si ritrovò Mbappé. Che varrà anche un miliardo, ma ancora gioca come gli antenati più famosi: divertendosi e divertendo. Non date retta a chi vi dice che è il segno dei tempi, che gli uomini - e i giocatori - di oggi non possono essere quelli di ieri. Così i giovani.

 

Gli ignoranti - nel senso che ignorano - non hanno mai sentito parlare di Gioventù Bruciata anni Sessanta, di inquietudini morali e sociali che un tempo venivano nobilitate dalla parola “rivoluzione”. Il calcio è sempre straordinaria misura d’umanità purtroppo corrotta dal denaro che manda a caccia di milioni non solo i procuratori, ma le mamme e i papà e i fratelli e gli zii. È utile - paradossalmente - la minaccia di dissesto economico dei club, anche dei più ricchi e famosi. È l’invito pressante a recuperare il tempo della ragione. 

jamal musiala 2 jamal musiala 2

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“GRAZIE FRANCESCA REGGIANI, PER AVERE FATTO GIUSTIZIA CON IL TUO TALENTO DI TUTTE LE GEPPI CUCCIARI DEL MONDO” –  CON IMPERDONABILE RITARDO LA RAI (STASERA SUL 3 A MEZZANOTTE!) SI RICORDA CHE OLTRE AI PERSONAGGINI BOLLITI DELLA SCUDERIA CASCHETTO C'E' UNA PERFORMER DOTATA DI UNA COMICITA' IRRESISTIBILE – FULVIO ABBATE: "LA DOPPIA INTERVISTA CONCITA DE GREGORIO- GIORGIA MELONI SURCLASSA QUALSIASI POSSIBILE EDITORIALE D’AUTORE SU CARTA STAMPATA - DA OSCAR ALLA CARRIERA, LA RIFLESSIONE SULLE SMAGLIATURE CHE PORTANO AFFLIZIONE AL DECORO E ALL’AUTOSTIMA FEMMINILE: “NON SONO SMAGLIATURE, È UN CODICE A BARRE...”VIDEO-STRACULT!

politica

business

IL PIZZINO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’ITALIA, IGNAZIO VISCO A CHRISTINE LAGARDE: “LE DECISIONI DELLA BCE SONO STATE VOLTE A CONTRASTARE IL PERICOLO DELL’INFLAZIONE. L’AZIONE DOVRÀ PROSEGUIRE RICERCANDO IL GIUSTO EQUILIBRIO TRA IL RISCHIO DI FARE TROPPO POCO, LASCIANDO L’INFLAZIONE ELEVATA, E QUELLO DI FARE TROPPO, PORTANDO A UNA CADUTA DEL REDDITO E DELL’OCCUPAZIONE E COMPROMETTENDO LA STABILITÀ FINANZIARIA” – FINALMENTE UNA BUONA NOTIZIA: “LE ASPETTATIVE DI INFLAZIONE A BREVE TERMINE SONO IN CALO” – LA CITAZIONE DI CIAMPI

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…