IL NAPOLI PUO’ RECRIMINARE DOPO IL PARI CON IL BARCELLONA? GATTUSO IMBRIGLIA I CATALANI ("CI HANNO FATTO IL SOLLETICO"), PERLA DI MERTENS. AL PRIMO ERRORE GRIEZMANN CASTIGA GLI AZZURRI, POI CALLEJON SI DIVORA IL 2-1. MOTIVI DI OTTIMISMO? VIDAL E BUSQUETS SALTERANNO IL RITORNO – CAPELLO: "MEGLIO IL NAPOLI DEL BARCA CHE E’ SEMPRE LEGATO ALLA GENIALITA’ DI MESSI". CONDO’ SBADIGLIA DAVANTI AL "TIKI TAKA" DI 10 ANNI FA DEI BLAUGRANA: "NON MI SONO DIVERTITO" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Massimiliano Gallo per ilnapolista.it

 

mertens mertens

Si può recriminare dopo un pareggio col Barcellona? È questo il tema. Ed è questa la domanda. Per certi versi assurda. Perché il Napoli ha giocato un’ottima partita, attenta, certamente difensiva. Forse troppo. Ma col senno di poi, si può dire tutto. Gattuso ha schierato non una ma due linee Maginot. Ha lasciato il pallone ai catalani e ha fatto densità, catenaccio, ha chiuso ogni spazio, chiamatelo come volete. Con Insigne spesso e volentieri in seconda battuta su Messi. Ma con il Napoli sempre pronto a ripartire, con aggressività e determinazione.

 

La partita l’ha fatta il Barcellona. C’è un dato su tutti a mostrarlo. Quando, al 30esimo del primo tempo, Mertens ha segnato il gol dell’1-0, aveva toccato appena cinque palloni. Uno ogni sei minuti. Al sesto, però, ha fatto gol. Al primo tiro in porta degli azzurri. Va però detto che Ospina non compiuto nemmeno una parata. Gattuso ha lasciato il pallone al Barcellona. E basta. Non il campo. Un possesso palla buono per le statistiche e poco più. Anche se i catalani hanno confermato quanto anticipato da Gattuso in conferenza: sono molto bravi a recuperare il pallone.

messi mertens messi mertens

 

 

Nella ripresa, il Barcellona ha mostrato anche un altro aspetto. Le grandi squadre menano. Sanno menare. Piquè è entrato in maniera rude su Mertens e lo ha azzoppato. Lo ha costretto a uscire. Il Barça ha continuato il suo gioco. Pallone a destra, pallone a sinistra, finché il varco non si è aperto. Busquets nel corridoio per Semedo che ha messo al centro dive Griezmann facile facile ha segnato l’1-1.

 

Ed è qua che ha cominciato a fare capolino l’idea della recriminazione. Perché ci si poteva attendere la resa del Napoli – come accadde contro il Real Madrid – e invece la squadra di Gattuso è cresciuta. E per la prima volta ha prodotto accelerazioni. E ha messo in difficoltà il Barcellona. Non più atteggiamento conservativo. E i catalani sono andati in difficoltà. Non se l’aspettavano. Patiscono quando vengono aggrediti.

 

napoli barcellona napoli barcellona

Al 61esimo ottima azione personale di Insigne che ha superato due avversari e impegnato Ter Stegen con un forte e insidioso rasoterra. Due minuti ed ecco l’occasione più clamorosa: il Barça ha perso palla, Milik ha servito Callejon che da solo davanti a Ter Stegen ha tirato addosso al portiere che è stato sì bravissimo a uscire ma lo spagnolo si porterà a lungo questa occasione sulla coscienza.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SALTATO L’APPORTO DEI “COSTRUTTORI”, È IN CORSO UNA TRATTATIVA SEGRETA CON FORZA ITALIA PER SOSTITUIRE ITALIA VIVA. MA QUELLO CHE RESTA DI BERLUSCONI STA TENENDO DURO: CON LA NOSTRA POSIZIONE POLITICA STIAMO AUMENTANDO NEI SONDAGGI (AL 10%) - AI VARI EMISSARI DI CONTE, L’EX BANANA DI ARCORE HA FATTO PRESENTE CHE SAREBBE COSA DIVERSA IN PRESENZA DI UN APPELLO DI MATTARELLA CHE COINVOLGA ANCHE LA DESTRA DELLA LEGA E DI FRATELLI D’ITALIA PER UN ESECUTIVO DI UNITÀ NAZIONALE. MA LA MUMMIA DEL QUIRINALE NON CI PENSA PROPRIO A FARE UN APPELLO. E ZINGARETTI VUOLE SOLO FORZA ITALIA

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

È NATO PRIMA L’UOMO O LA PAROLACCIA? LA PIÙ VECCHIA SCRITTA IN VOLGARE SI TROVA NELLA BASILICA DI SAN CLEMENTE A ROMA – PROPRIO L’URBE, È LA CAPITALE ITALIANA DEL TORPILOQUIO, "SOLLECITATO DA FORTI ISTINTI MISOGINI E OMOFOBI" – QUANDO BENIGNI NEL 1991 SULLA RAI SI ESIBÌ IN UN LUNGO ELENCO DI PARTI INTIME – L’ANNO DOPO COSSIGA SDOGANÒ LE MALE PAROLE IN UN DISCORSO UFFICIALE – L’USO DELLA BESTEMMIA È PERÒ IN CALO: “NON È SIMBOLO DI IRRELIGIOSITÀ, CHI LE DICE CREDE IN DIO”...

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI – L'INTER DOMINA LA JUVE E AGGANCIA IL MILAN IN VETTA. PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI C’ERA IN CAMPO UNA SQUADRA SUPERIORE AI BIANCONERI. LO STREPITOSO BARELLA DA SOLO VALEVA PIÙ DI TUTTO IL CENTROCAMPO JUVENTINO. IL SECONDO GOL DELL'INTER E' UNA LEZIONE DI GIOCO E UN'IMMAGINE DA FILM DELL'ORRORE. È STATA UNA PARTITA DECISIVA NELL’ACCLARARE CHE LA JUVE NON È LA FAVORITA NELLA CORSA ALLO SCUDETTO PER LA PRIMA VOLTA IN 10 ANNI. SUCCEDE - E SULLA SFIDA LUKAKU-CR7... - BUFERA SOCIAL SU VIDAL PER IL BACIO ALLO STEMMA DELLA JUVE- BONUCCI CONTRO L’ARBITRO – VIDEO

cafonal

viaggi

salute