NON L’HA VISTA ARRIVARE! LA VERSIONE DI LAURA GARCIA-CARO, LA MARCIATRICE SPAGNOLA BEFFATA SUL FILO DI LANA DALL’UCRAINA LJUDMYLA OLYANOVSKA AGLI EUROPEI DI ROMA – “ERO ESAUSTA, LEI MI SEMBRAVA MOLTO INDIETRO. LA VERITÀ È CHE NON L’HO NEMMENO SENTITA E PENSAVO DI AVERLA SEMINATA. E NON HO NEMMENO GUARDATO LO SCHERMO GIGANTE DELLO STADIO. ERO CONCENTRATA SULL’ARRIVO. SÌ, FORSE MI HANNO DATO LA BANDIERA SPAGNOLA TROPPO PRESTO E…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


https://www.repubblica.it/sport/vari/2024/06/08/video/marcia_laura_garcia-caro_esulta_troppo_presto_per_il_bronzo_e_perde_la_medaglia-423196442/

 

 

Estratti da open.online

 

Lyudmila Olyanovska Garcia Caro Lyudmila Olyanovska Garcia Caro

La prima volta si è girata a 300 metri dal traguardo: «Ho guardato dietro di me perché sapevo di essere relativamente vicina a lei». Poi negli ultimi 100 metri «ho guardato di nuovo e ho visto che non so se fossi 40 o 50 metri davanti a lei e ho cercato di sprintare il più velocemente possibile con quello che avevo e pensavo che non mi avrebbe presa».

 

A parlare è Laura García-Caro, la marciatrice spagnola beffata a un metro dall’arrivo dall’ucraina Ljudmyla Olyanovska. La García-Caro proprio negli ultimi metri sentendosi ormai la medaglia di bronzo al collo ha rallentato, sventolando la bandiera spagnola e alzando trionfalmente un braccio al cielo. Proprio in quell’istante però è apparsa l’atleta ucraina nel suo campo visivo che la affiancava e la superava togliendole nell’ultimo metro il podio. Lo sguardo atterrito quando si rende conto della situazione e il disperato ma inutile tentativo di accelerazione della García-Caro hanno fatto il giro del mondo in un video che resterà nella storia dell’atletica.

LAURA GARCIA-CARO LAURA GARCIA-CARO

 

 

La 29enne maratoneta spagnola, passata la delusione, ha tentato di spiegare: «Io, nell’ultimo giro, la verità è che stavo dando tutto, ero piuttosto esausta e alla fine…». Il suo allenatore, Álvaro Rodríguez, ha cercato di consolarla offrendole un mazzo di fiori, ma l’amarezza era davvero difficile da cacciare via. Poi Laura racconta: «In realtà ho cercato di sprintare il più velocemente possibile perché sapevo che un arrivo in volata non sarebbe stato il massimo per me e volevo cercare di ottenere il maggior vantaggio possibile».

Lyudmila Olyanovska Garcia Caro Lyudmila Olyanovska Garcia Caro

 

E ammette: «La verità è che non l’ho nemmeno sentita e pensavo di averla seminata. E non ho nemmeno guardato lo schermo gigante dello stadio. Ero concentrata sull’arrivo. Sì, forse mi hanno dato la bandiera spagnola troppo presto quando sono entrata nello stadio, ma non mi sono sentita medagliata prima del tempo…».

LAURA GARCIA-CARO LAURA GARCIA-CARO LAURA GARCIA-CARO LAURA GARCIA-CARO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…