NON SI E’ NUMERI 1 AL MONDO PER CASO! ALLE FINALS DI LONDRA RIMONTONA EPICA DI NADAL CHE ANNULLA ANCHE UN MATCH POINT A MEDVEDEV – “L’ESEMPIO DA DARE AI GIOVANI NON È RIUSCIRE IN UNA RIMONTA, L'ESEMPIO È NON ROMPERE LA RACCHETTA QUANDO SEI SOTTO 5-1 AL TERZO SET, NON PERDERE IL CONTROLLO QUANDO LE COSE VANNO MALE, NON SCORAGGIARSI E ACCETTARE CHE…" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

PAOLO ROSSI per repubblica.it

 

nadal nadal

Non si è numeri uno del mondo per caso. E non si vincono neppure 19 Slam per pura fortuna. Rafa Nadal è così, riesce a fare grandi cose anche quando non è al 100% e dimostrare che con lui non si può abbassare la guardia neppure per un colpo. Tutta questa premessa per spiegare, e raccontare, la clamorosa rimonta dello spagnolo ai danni di Daniil Medvedev, il russo che aveva sconfitto nella finale dell'ultimo Slam, agli US Open di New York.

 

Siamo a Londra, seconda partita delle Atp Finals: per Nadal e Medvedev è una sorta di ultima spiaggia, essendo stati sconfitti all'esordio. Il primo set è molto equilibrato, sebbene sia lo spagnolo quello più sulla difensiva. Ma si difende su una palla break e dunque si arriva al tie-break che però è giocato con spavalderia dal russo che si impone con autorevolezza dopo 53 minuti di gioco. Alla ripresa del match è il russo a distrarsi: grande errore. Nadal gli prende un servizio e s'invola verso il set, che ottiene dopo altri 40 minuti.

 

nadal nadal

Tutti quindi a immaginare il dominio di Rafa nell'ultimo set, e invece spunta un esplosivo Medvedev che non sbaglia più una palla: 4-0 e match ipotecato. Nadal cerca una reazione, ma si arriva sull'1-5. Sembra fatta, ed è questo l'errore di valutazione. L'orgoglio del maiorchino, la sua incredibile caparbietà agonistica hanno lentamente la meglio sul russo che pensava di aver già svoltato.

 

Medvedev si ritrova perfino 5-6 0-30, prima dell'ultimo sussulto che lo porta al tie-break. Ma se non sei riuscito ad avere la meglio su Nadal con un doppio break di vantaggio, non puoi pensare di batterlo in un tie-break alla pari. Vince dunque Nadal, dopo altri 70' di battaglia per un totale di 2 ore e 46 minuti. Il suo Masters è ancora vivo, ma dovrà vincerne ancora una, contro Tsitsipas venerdì.

 

nadal medvedev nadal medvedev

Proprio Stefanos Tsitsipas, dopo Daniil Medvedev, batte anche Alexander Zverev e conquista un posto nelle semifinali. Il greco si impone per 6-3 6-2 e a prescindere dall'esito dell'ultimo incontro con Nadal si garantisce uno dei primi due posti del Gruppo Agassi.

 

NADAL

Da it.euronews.com

"L'esempio da dare ai giovani non è riuscire in una rimonta, l'esempio è non rompere la racchetta quando sei sotto 5-1 al terzo set, non perdere il controllo quando le cose vanno male, non scoraggiarsi e accettare che il tuo avversario sta giocando meglio di te".

nadal xisca nadal xisca nadal xisca 11 nadal xisca 11 nadal xisca nadal xisca nadal nadal nadal nadal nadal nadal

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute