AGLI OCCHI DEI POLIZIOTTI SIAMO TUTTI UGUALI, MA QUALCUNO E' PIU' UGUALE DEGLI ALTRI - IL PILOTA FERRARI CHARLES LECLERC RACCONTA UN RETROSCENA DEL TRATTAMENTO "DA RE" A LUI RISERVATO IN ITALIA: "UNA VOLTA A MONZA MI FERMO' LA POLIZIA PER ECCESSO DI VELOCITA'. ERO SOPRA AL LIMITE DI DUE O TRE CHILOMETRI. MI HANNO CHIESTO UNA FOTO E UN CAPPELLINO E POI SONO RIPARTITO" - IL PILOTA HA LANCIATO UNA LINEA DI GELATI "DIETETICI"

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.repubblica.it

 

Charles Leclerc con il suo gelato LEC Charles Leclerc con il suo gelato LEC

Divertito, rilassato e...goloso. Charles Leclerc è stato ospite di “Deejay Chiama Italia”, il programma di Linus e Nicola Savino in onda dalle 10 alle 12, per parlare della sua nuova esperienza imprenditoriale. Il pilota della Ferrari lancia “LEC”, una nuova linea di gelato pensata con Federico Grom e Guido Martinetti, fondatori della catena di gelaterie nata a Torino nel 2003. […]

 

Una passione che Leclerc porta con sé da sempre: “Ovviamente ho dedicato tutto alla F1 fin da quando sono bambino, ma se c’è una cosa che mi è sempre piaciuta da matti, quella è il gelato. Ho dovuto fare un po’ di sacrifici e mangiarne di meno, perché da atleta devo mantenere la mia linea, ma ogni tanto me ne concedo uno”. Da qui l’idea di creare un gelato con un moderato apporto calorico, “così potrò permetterne qualcuno in più”.

charles leclerc charles leclerc

 

[…] LECLERC: “QUANDO A MONZA MI FERMARONO PER ECCESSO DI VELOCITÀ”

Leclerc velocissimo sui circuiti da gara ma, assicura, prudente in strada, quando si trova nel traffico accanto ai comuni mortali: “La guida in strada mi piace tanto, mi aiuta a rflettere, ma non ovviamente non vado a cercare il limite, quello lo faccio soltanto in pista”.

 

Una volta, però, è stato fermato per eccesso di velocità: “Ero sopra al limite di due o tre chilometri. Mi hanno chiesto una foto, mi hanno chiesto un cappellino e poi sono ripartito. Era il giorno dopo la vittoria di Monza”. Quindi l’8 settebre 2019, poche ore dopo il trionfo davanti alla marea rossa di tifosi: “Di solito non fai attenzione a quello che succede in tribuna, perché devi essere concentrato al 200% su quello che accade in pista. Ma mi ricordo che a Monza, quel giorno, negli ultimi 3 o 4 giri c’era la pazzia totale in tribuna, quindi era impossibile non notarlo”

Charles Leclerc con il suo gelato LEC Charles Leclerc con il suo gelato LEC CHARLES LECLERC GP AUSTIN CHARLES LECLERC GP AUSTIN charles leclerc gp las vegas 2 charles leclerc gp las vegas 2 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 3 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 3 leclerc monza 5 leclerc monza 5 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 7 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 7 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 1 charles leclerc ferrari pole a monza 2022 1 leclerc leclerc

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA