PAROLA D’ORDINE: SALVARE IL CAMPIONATO! PER EVITARE IL FALLIMENTO DELL'INTERO SISTEMA CALCIO SI PENSA ALLA BOLLA STILE NBA. E I PLAY-OFF NON SONO PIÙ TABÙ - L'IPOTESI PER ANDARE AVANTI: MINI LOCKDOWN PER LE SQUADRE. MA I GIOCATORI FRIGNANO. INTANTO L’INTER REGISTRA LA POSITIVITA’ ANCHE DI ASHLEY YOUNG: È IL 6° NELL'INTER. È TORNATO INVECE AD ALLENARSI IBRAHIMOVIC

-

Condividi questo articolo


MATTEO PINCI per la Repubblica

 

mancini gravina 2 mancini gravina 2

Una "bolla" per evitare il collasso. Il campionato di Serie A è appeso al filo dei contagi, lo sanno la Federcalcio e la Lega calcio, lo sanno soprattutto i club che, da mesi, faticano drammaticamente a trovare liquidità, senza abbonamenti, spettatori e sponsor che pagano poco, quando lo fanno. Per evitare il fallimento dell'intero sistema esiste solo una strada: continuare a giocare. Ad ogni costo.

 

La riunione tra i medici sportivi delle 20 società non ha prodotto proposte utili, però: l'unica, inserire un tampone in più, non pare fortunatissima, visto che i 4 tamponi in 5 giorni effettuati dall'Under 21 non hanno impedito il rinvio del match degli azzurrini contro l'Islanda (ieri dopo i test altri 3 positivi, in tutto siamo a 8 casi). E poi, l'impressione collettiva è che mettere mano al protocollo, oggi, equivalga a fermarsi per non ripartire più. E allora nascono altre idee.

 

mancini gravina mancini gravina

Una, di cui nessuno vuole apertamente prendersi la paternità, è una vecchia tentazione: un mini lockdown del calcio. O, come si dice, una "bolla". Tutte le squadre chiuse in ritiro - sul modello della Nba - anche solo per due settimane, uscendo solo per giocare, con test ogni 4 giorni.

 

Questo permetterebbe di evitare di smaltire i molti casi senza che nel frattempo se ne aggiungano altri (ieri nell'Inter nuovo caso, con la positività di Young), non rischiando così di interrompere il campionato. Domani l'Assemblea di Lega esaminerà le offerte di fondi di investimento pronti a versare nuovi capitali e non può dare un'immagine di precarietà.

gabriele gravina presidente della federcalcio foto di bacco gabriele gravina presidente della federcalcio foto di bacco

 

L'idea della "bolla", ritenuta indispensabile a livello politico-sportivo, ha un grosso ostacolo: non piace ai calciatori, molto contrari già a maggio, quando pareva l'unica strada per riprendere il campionato fermo da marzo. I club li assecondano, ma sanno che una misura urge.

 

E con altri giocatori importanti, irrinunciabili costretti fuori, la necessità di chiudersi diventerà evidente. Nel frattempo, però, sempre più società sembrano ventilare la possibilità di non giocare, in caso di assenze: se poi il Giudice sportivo decidesse per il rinvio di Juve-Napoli - prospettiva ad oggi improbabile - sarebbe quasi un liberi tutti.

 

Per questo, si sta rafforzando un fronte: quello di chi vuol trovare una soluzione al regolare svolgimento del campionato. Con pochissime date per recuperare i match, sempre più società stanno aprendo a una vecchia suggestione che in passato avevano invece bocciato: decidere il campionato attraverso i play-off. Una soluzione che rimescola valori, dà imprevedibilità, ma può anche portare a risultati eclatanti.

 

infantino conte gravina infantino conte gravina

Gabriele Gravina, presidente della Federcalcio, ne era il primo sponsor, ma in questa fase è tra i più scettici. Ma solo perché aprire ora a questa possibilità sarebbe dichiarare fallito il piano- A, ossia il regolare svolgimento del campionato. Un piano play-off la Federcalcio ce l'ha, per decidere il campionato in poche settimane, anche solo 8 date. Ma non può annunciarlo ora, dopo 3 giornate appena (bisognerebbe almeno arrivare alla fine del girone d'andata). E non prima che il Giudice sportivo abbia deciso sul caso Napoli, altrimenti chi va in campo o meno finiranno per deciderlo le Asl.

dal pino dal pino dal pino dal pino

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

TUTTE LE INFORMAZIONI SUL GREEN PASS, CHE DAL PRIMO LUGLIO SARÀ UNITO A QUELLO EUROPEO - IL CERTIFICATO VERDE DIGITALE RENDERÀ PIÙ SEMPLICI I VIAGGI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA, EVITANDO QUARANTENE E TEST A CHI È STATO VACCINATO, A CHI È GUARITO DAL COVID O È RISULTATO NEGATIVO AD UN TAMPONE (EFFETTUATO 48 ORE PRIMA). AVRÀ VALIDITÀ DAL QUINDICESIMO GIORNO DOPO LA SOMMINISTRAZIONE DELLA PRIMA DOSE E PER ALTRI NOVE MESI DOPO LA SECONDA. SOLO SEI MESI (DALLA GUARIGIONE) PER CHI È HA AVUTO IL VIRUS…