PERCHE’ PRIMA DI DARE DEL "RAGAZZINO" A LECLERC, BINOTTO NON FA UNA PROFONDA AUTOCRITICA? - UN ANNO FA CON LA VITTORIA A MONZA “CHARLES MAGNO” ERA IL PREDESTINATO, IL PRODIGIO CHE A 21 ANNI MOSTRAVA UNA MATURITA’ (E UNA VELOCITA') CHE NEANCHE SCHUMI E SENNA A QUELL’ETA’. OGGI SI DEVE SENTIRE IL PISTOLOTTO DI BINOTTO CHE LO INVITA A CRESCERE COME “PERSONA E COME LEADER” – POI IL TEAM PRINCIPAL FA ANCHE MEA CULPA (E MENO MALE…) – IL VIDEO-PARODIA DI CROZZA

-

Condividi questo articolo

 

Da www.corrieredellosport.it

 

leclerc binotto leclerc binotto

“Avevamo lo scorso anno un vantaggio di motore che oggi non abbiamo più. Abbiamo sviluppato una macchina tenendo conto di un vantaggio che poi è sparito". Il team principal della Ferrari Mattia Binotto analizza le ragioni del fallimento della Rossa in questa stagione.

 

In una intervista al Tg3 della Rai, Binotto ha toccato i vari punti del 2020 della Rossa: “Dopo Monza Vettel ha detto peggio di così non può andar? Ha ragione Sebastian, stiamo lavorando per migliorare. Abbiamo toccato il fondo e non si può che migliorare da qui in avanti".

binotto binotto

 

Binotto poi parla di Leclerc sul fatto se sia in grado di affrontare questa tempesta: ”Credo che Charles non deve solo affrontarla ma deve aiutare la squadra a venirne fuori, deve crescere ancora come persona, è un ragazzino di 22 anni, deve crescere come leader”.

 

ferrari binotto ferrari binotto

Ma il team principal fa anche autocritica: “Come responsabile della scuderia se lo dovessi fare un mea culpa direi di non aver colto abbastanza presto le difficoltà di questa vettura”. Ovviamente tutti i tifosi sognano di rivedere presto la Rossa al vertice: “Servirà un pò di tempo, ne siamo consapevoli” conclude Binotto.

wolff binotto wolff binotto BINOTTO BINOTTO LECLERC LECLERC leclerc leclerc leclerc leclerc binotto binotto elkann binotto elkann binotto binotto binotto binotto wolff binotto wolff crozza binotto crozza binotto

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA ROMA TREMA, LO STADIO ORA E’ UN MIRAGGIO – IL PD SI SFILA, IL PROGETTO DEL NUOVO IMPIANTO A TOR DI VALLE SEMPRE PIU’ IN BILICO, LA RAGGI: “I DEM NON VOGLIONO LO STADIO. VIA LIBERA ENTRO NATALE” - IL CLUB GIALLOROSSO SI ASPETTAVA IN QUESTO MESE IL VIA ALL’ITER CHE DOVREBBE PORTARE ALL’APPROVAZIONE DELLA VARIANTE E DELLA CONVENZIONE URBANISTICA – LA SINDACA E’ ALLE PRESE CON UN MOVIMENTO SPACCATO E CON UN PD CHE PARTE DA UNA “POSIZIONE DI FORTE CONTRARIETA’”

cafonal

viaggi

salute