I POLTRONISSIMI DELLO SPORT POSSONO STAPPARE LO CHAMPAGNE: IL GOVERNO E’ PRONTO A CANCELLARE LA LEGGE SUL LIMITE DEI 3 MANDATI PER I PRESIDENTI FEDERALI CHE POTRANNO ESSERE RIELETTI IN ETERNO (L’UNICO CAVEAT È CHE DAL TERZO MANDATO IN POI VERRÀ INTRODOTTO UN QUORUM MAGGIORATO DEI DUE TERZI PER ESSERE RIELETTI) - NELLA MODIFICA AL MOMENTO NON FA PARTE IL CONI DI MALAGO'…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Vendemiale per ilfattoquotidiano.it

 

angelo binaghi foto mezzelani gmt3079 angelo binaghi foto mezzelani gmt3079

I boiardi dello sport preparano la bottiglia delle grandi occasioni: il governo Meloni è pronto a salvare la loro poltrona. La legge sul limite dei mandati – massimo tre quadrienni, poi a casa – che aveva unito un po’ tutti i predecessori, dal renziano Lotti al grillino Spadafora, passando per il leghista Giorgetti, ora potrebbe a sorpresa essere modificata dal ministro Abodi. Il tetto cancellato, per regalare ai presidenti federali che stanno già lì da decenni la possibilità di essere rieletti ancora, potenzialmente in eterno.

 

Guai a chiamarli “casta”, i diretti interessati si arrabbiano parecchio. Preferiscono altre parole, come leader, risorse dello Stato, rivendicano i risultati (a volte ci sono, altre un po’ meno) e l’esperienza maturata sul campo, pure troppa. Sta di fatto che molti di loro sono in carica dai primi Anni Novanta: il record spetta all’immarcescibile Gianni Petrucci, a capo del basket dal 92’ con di mezzo una parentesi al Coni, ma la lista dei decani è lunga (Aracu nel pattinaggio a rotelle, Rossi nel tiro a volo, Chimenti nel golf, ecc.) e di mollare non ne vogliono sapere.

 

 

paolo barelli paolo barelli

(…) il ministro dello Sport Abodi a parole si è sempre detto contrario (“è un tema che non mi affascina”) e invece ora pare essersi convinto.

 

La scusa è il territorio, i quadri regionali e provinciali per cui un ricambio così radicale è oggettivamente difficile. L’urgenza è proprio la prossima udienza alla Consulta del 5 luglio, che magari avrebbe bocciato il ricorso, stroncando una volta per tutte le ambizioni dei presidenti. Dopo un eventuale parere negativo della Corte sarebbe difficile toccare la legge. Meglio fare prima. La quadra è trovata, il limite di mandati sarà cancellato: il compromesso è che dal terzo in poi verrà introdotto un quorum maggiorato dei due terzi per essere rieletti. 

 

gianni petrucci foto di bacco gianni petrucci foto di bacco

(...)

Nella modifica invece al momento non fa parte il Coni, per cui resterebbe il limite di tre mandati fissato dalla legge sugli enti pubblici (le Federazioni invece sono private): con Malagò dentro, l’intervento non sarebbe mai passato. Lui del resto non si è mai schierato in questa battaglia al fianco dei presidenti federali, e loro non ci hanno pensato troppo a mollarlo quando si è trattato di salvarsi la poltrona.

 

Raggiunto l’accordo politico, non resta che trovare lo strumento giusto. Bisogna fare prima del 5 luglio, giustificare al presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’urgenza di un provvedimento così impopolare, altrimenti la pronuncia della Consulta rischia di far saltare l’inciucio. I tempi restano stretti ma, caduta la resistenza del governo, il traguardo non è mai stato così vicino: presidenti per sempre, come sognavano.

giovanni malago foto di bacco (5) giovanni malago foto di bacco (5)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

COME MAI PAOLO BERLUSCONI, CHE NON HA MAI AVUTO IL DNA AFFABULATORIO, EGO-ESPANSO E ARCI-NARCISISTA DEL FRATELLO MAGGIORE SILVIO, HA LEGNATO SENZA ALCUN RIGUARDO MARTA FASCINA, ULTIMA INCONSOLABILE COMPAGNA DEL FRATELLO DEFUNTO? DIETRO LA REPRIMENDA SI PUÒ LEGGERE UN AVVISO DI SFRATTO DEL BISCIONE FAMILY. CARA MARTA, A FINE ANNO PREPARA LE VALIGIE, GIRA I TACCHI E MOLLA ARCORE: CON I 100 MILIONI DI EREDITÀ INTASCATI PER AVER TENUTO STRETTA COME UNA TRAPPOLA PER TOPI LA MANO DI SILVIO, PUOI TROVARE, CON IL TUO AMATO PAPÀ AL SEGUITO, UN'ALTRA DOVIZIOSA DIMORA - DIETRO TALE BRUTALE AVVISO DI CAMBIARE ARIA, C’È IL DESIDERIO DI PIERSILVIO DI PRENDERE POSSESSO DELLA REGGIA BRIANZOLA (ANCHE PERCHE' LA FOLTA SERVITU' GRAVA SULLE TASCHE DEI BERLUSCONI)

DAGOREPORT! - COME È ANDATO IL FACCIA A FACCIA TRA GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHÉ PER FARE CHIAREZZA SUI GUAI GIUDIZIARI DELLA “PITONESSA”? LA PREMIER HA FATTO NOTARE CHE UN PASSO INDIETRO SAREBBE SAGGIO, LA SANTADECHÉ HA DIFESO LA SUA POSIZIONE, ACCUSANDO I QUOTIDIANI DI DIFFONDERE BALLE, E HA GARANTITO CHE L’INCHIESTA SI SGONFIERÀ - LA SORA GIORGIA HA DATO FIDUCIA ALLA “SANTA” MA LE HA ANCHE SBATTUTO IN FACCIA UNA PROMESSA: SE ARRIVASSE PER TE IL RINVIO A GIUDIZIO, SARÒ IO STESSA AD ANNUNCIARE LE TUE DIMISSIONI...

DAGOREPORT – COM’È ANDATO L’INCONTRO TRA EMMANUEL MACRON E GIORGIA MELONI? LA PREMIER È TORNATA DRAGHETTA: NO A TONI TRUCI, LARGO AI SORRISI – IL TOYBOY DELL’ELISEO E' STATO DISPONIBILE SUL TEMA MIGRANTI, MA HA INCALZATO LA SORA GIORGIA SULL'INVITO A PONTIDA DI SALVINI A MARINE LE PEN, SUA PRIMA AVVERSARIA ALLE ELEZIONI EUROPEE (NEL MIRINO ANCHE LA KERMESSE SOVRANISTA DI DICEMBRE) – I DUBBI DI MACRON SUL ''PIANO MATTEI'': NON ESISTE, NON C'E' ALCUN DOCUMENTO, SE NON DIECI PAGINETTE E SLIDE PREPARATE DALL'ENI - TAJANI A BERLINO PER RICUCIRE I RAPPORTI DOPO LA DURISSIMA MISSIVA DI MELONI A SCHOLZ...

DAGOREPORT! - NEL PD SCOPPIA LA GUERRA PER IL DOPO ELLY – IL VOTO EUROPEO SARA' PROBABILMENTE IL CAPOLINEA DELLA MULTIGENDER TENDENZA MURGIA. E PRIMA DI FINIRE SBATTUTI FUORI DALLA GUIDA DEL PD DALLA CORRENTE DI BONACCINI & GUERINI, FRANCESCHINI & BOCCIA SI FANNO UN CORRENTONE E LO FANNO INGHIOTTIRE ALLA RECALCITRANTE ELLY – LE CRITICHE ALLA SCHLEIN PER L’IRRISOLTO RAPPORTO CON CONTE E IL NODO SUI CANDIDATI PER LE REGIONALI - A DARIO NARDELLA NON HANNO FATTO PIACERE LE VOCI CHE LO DANNO AL POSTO DI ELLY. IL MOTIVO…

“CARO OLAF SCHOLZ …”. L’IRRITAZIONE (EUFEMISMO) DEL QUIRINALE: UNA LETTERA CHE GIORGIA MELONI NON AVREBBE MAI DOVUTO SCRIVERE - COME SI PERMETTE DI DARE APPUNTAMENTO AL PREMIER TEDESCO PER UN CHIARIMENTO TRA DIECI GIORNI, A QUATTR’OCCHI, IN MODALITÀ COATTA-CASAMONICA? – LA DUCETTA HA SCELTO IL MOMENTO PEGGIORE PER SOSTITUIRE LA DIPLOMAZIA DI PALAZZO CHIGI CON L’AMATO MANGANELLO, DATO CHE A BRUXELLES IN QUESTI GIORNI SI STA NEGOZIANDO TEMI VITALI PER IL NOSTRO DISGRAZIATO PAESE: PATTO DI STABILITÀ, PNRR, MES - MEGLIO È ANDATA AD ANTONIO TAJANI IN MISSIONE A PARIGI (SOTTO L’ATTIVISMO DECISIONISTA DI DARMANIN SUI MIGRANTI, COVA IL SUO SOGNO DI SALIRE ALL’ELISEO)