"MARADONA? DROGATO, VIOLENTO CON LE DONNE, EVASORE E COMUNISTA". MA SALLUSTI SALVA DIEGO: "SENZA QUELLA VITA DISSENNATA NON SAREBBE DIVENTATO QUEL CHE E' DIVENTATO" - FACCI LA TOCCA PIANO: “MARADONA? UN CERVELLO STRAPPATO A UNA FAVELA” – RIOTTA MORALISTA: “IN CAMPO IL MIGLIOR CALCIATORE DELLA STORIA, FUORI NO” – IN ARGENTINA IL REPORTER INVESTIGATIVO JORGE LANATA MENA DURO: “CHE LA MORTE NON TRASFORMI UNA PERSONA SCHIFOSA IN BUONA. NON SIATE IPOCRITI” - MUGHINI: “ERA SFATTO, FRANTUMATO, DISPERATO DA ANNI. LE SUE ULTIME IMMAGINI SONO UMANAMENTE RACCAPRICCIANTI” – VIDEO

Condividi questo articolo

 

Da liberoquotidiano.it

 

Chi era Diego Armando Maradona? Risposta di Alessandro Sallusti: "Un imbroglione, drogato, alcolista, sessista violento con le donne, evasore fiscale e pure comunista, cioè il peggio del peggio del peggio". Basterebbero queste parole per provocare una mezza insurrezione di popolo a Napoli. Ma il direttore del Giornale mette subito in chiaro "l'unico pregio, non irrilevante" del Pibe de oro, morto mercoledì a 60 anni nella sua Argentina: "Saper giocare a pallone da Dio. Perché tanti giocatori sono stati dei grandi, ma lui era qualche cosa di più".

 

 

"Uno come lui ha vissuto fin troppo per quanto a lungo e intensamente aveva sfidato la morte con i suoi vizi e suoi eccessi, in ogni campo", nota il direttore, "ma senza quella vita dissennata sempre al massimo non sarebbe diventato ciò che è diventato". Cioè "il migliore, perché il peggiore".

 

 

Da Paolo Manzo per ilgiornale.it

maradona maradona

(…)Oltre alla marea di elogi che arrivano da tutto il mondo, non mancano però le critiche, anche dall'Argentina, come quella del famoso reporter investigativo Jorge Lanata, che in un tweet acido così ha ricordato Diego: «In campo un eccellente calciatore. Fuori dal campo una persona schifosa. Che la morte non trasformi una brutta persona in buona. Non siate ipocriti».

 

 

FACCI SU MARADONA

Gianmichele Laino per giornalettismo.com

 

Diego Armando Maradona non è mai stato ben voluto, questa è la verità. Anche se oggi, in ogni parte del mondo, c’è esaltazione e ricordo commosso. Se quest’ultimo atteggiamento è comunque dettato dal rispetto davanti alla morte, c’è chi – in ogni caso – non riesce a contenere al suo interno parole biliose.

 

facci maradona facci maradona

Si pensi, ad esempio, all’editorialista di Libero Filippo Facci su Maradona che – nella tardissima serata di ieri – si è lasciato andare a un commento su Facebook davvero poco adatto al contesto.

 

 

 

«Uno dei due o tre più grandi calciatori di ogni tempo, per il resto un cervello strappato a una favela» – ha scritto quando erano già passate alcune ore dalla morte del Pibe de Oro. Deve esserci stata sicuramente una lunga riflessione per partorire una frase del genere.

 

 

diego armando maradona diego armando maradona

Tutte le cose sbagliate del post di Facci su Maradona

Non solo c’è il modo, velato, di normalizzare la sua attività sportiva («uno dei due o tre più grandi di sempre» è un’espressione molto diversa dalla narrazione di Maradona come IL più grande di sempre), ma c’è il modo più velenoso per sottolineare anche la sua esperienza umana, in 60 anni di vita.

 

diego armando maradona 2 diego armando maradona 2

Nessuno nega gli eccessi di Maradona, ma ci sono cose che – in sede di epitaffio – bisognerebbe risparmiarsi. Soprattutto se il suo ruolo, nel calcio, è stato certamente non ordinario. Tra l’altro, oltre al tentativo di ricordare gli aspetti più oscuri dell’uomo, c’è anche la sfumatura razzista nell’accenno alla favela. Come se dai quartieri più poveri delle città del Sud America potessero uscire soltanto cattive persone, per una sorta di imprinting sociologico.

diego armando maradona 3 diego armando maradona 3

 

Un post sbagliato e non è il primo. Ma noi non smetteremo mai, quantomeno, di meravigliarci: possibile che nel 2020 si continui a usare i social network in questo modo?

 

Nel giorno della morte di Diego Armando Maradona, televisioni, organi di stampa, giornali e social network non hanno fatto altro che parlare del calciatore argentino, considerato da molti il miglior giocatore di tutti i tempi alla pari con il brasiliano Pelè. La tragica scomparsa del ‘pibe de oro’ non poteva che suscitare enorme commozione in tutto il mondo. Le lodi e i ricordi positivi nei confronti di Maradona sono stati quasi unanimi. Da questo coro si distingue, invece, Giampiero Mughini. Ospite del talk show di Rete 4, Stasera Italia, il giornalista di storica fede juventina non gli risparmia critiche, considerando addirittura “raccapriccianti” le immagini dell’ultimo periodo di vita dell’ex numero 10 del Napoli.

 

 

GIAMPIERO MUGHINI SU MARADONA: ‘ERA FRANTUMATO E DISPERATO’

Da https://it.blastingnews.com/

mughini maradona mughini maradona

 

Nella serata di mercoledì 25 novembre, a poche ore dalla notizia di Cronaca Nera della morte di Diego Armando Maradona nella sua casa in Argentina a causa di un arresto cardiaco, la trasmissione Stasera Italia decide, come quasi tutti, di parlare di lui. Collegati con lo studio del talk show Mediaset condotto da Barbara Palombelli, ci sono tra gli altri il giornalista Giampiero Mughini e il parlamentare Vittorio Sgarbi. “Lui è morto a 60 anni. Ma era sfatto, frantumato, disperato da anni, anni e anni”, così lo juventino Mughini decide di ricordare Maradona.

l ultima immagine di diego armando maradona in ospedale l ultima immagine di diego armando maradona in ospedale

 

 

 

‘Maradona figlio del secolo, drammatico e contraddittorio’

“Le ultime immagini sue sono immagini raccapriccianti dal punto di vista umano”, prosegue il giornalista nella sua analisi degli ultimi anni di vita di Maradona, condizionati da decenni di vizi ed esagerazioni, anche legati al massiccio abuso di cocaina.

maradona maradona

 

 

“E lo dico beninteso con commozione, figurati se non lo dico con commozione - precisa Mughini - ma un essere sfatto da se stesso e dalle sue abitudini. E d’improvviso lo mettiamo un santo qui con tre (fa il segno dell’aureola in testa ndr). Ma no, ma no - ripete due volte - un grandissimo atleta, un figlio del secolo, molto drammatico e contraddittorio”.

 

 

 

DIEGO ARMANDO MARADONA E GLI OASIS DIEGO ARMANDO MARADONA E GLI OASIS maradona maradona MARADONA MARADONA MARADONA MARADONA maradona maradona papa francesco e diego armando maradona papa francesco e diego armando maradona diego armando maradona ai mondiali 2018 diego armando maradona ai mondiali 2018 diego maradona diego maradona DIEGO ARMANDO MARADONA NEL DOCUMENTARIO DI KUSTURICA 2 DIEGO ARMANDO MARADONA NEL DOCUMENTARIO DI KUSTURICA 2 DIEGO ARMANDO MARADONA NEL DOCUMENTARIO DI KUSTURICA 3 DIEGO ARMANDO MARADONA NEL DOCUMENTARIO DI KUSTURICA 3 MARADONA MARADONA diego armando maradona allo stadio san paolo diego armando maradona allo stadio san paolo diego armando maradona e claudio gentile diego armando maradona e claudio gentile diego armando maradona con fidel castro nel 2005 diego armando maradona con fidel castro nel 2005 papa francesco abbraccia diego armando maradona papa francesco abbraccia diego armando maradona diego armando maradona 5 diego armando maradona 5 diego armando maradona 4 diego armando maradona 4 diego armando maradona con i fratelli giuliano diego armando maradona con i fratelli giuliano emir kusturica e diego armando maradona emir kusturica e diego armando maradona maradona branco maradona branco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute