"MARADONA? HAI DETTO CHE NON SI PUÒ PIANGERE UN COCAINOMANE". CRUCIANI ACCUSA PARENZO E ALLA "ZANZARA" SI SCATENA L'INFERNO – PARENZO NEGA TUTTO MA CRUCIANI INSISTE: “MI HAI DETTO FUORI DELLA TRASMISSIONE, PERCHÉ EMOZIONARSI COSÌ TANTO CON LA MORTE DI UNA SINGOLA PERSONA…E POI HAI AGGIUNTO CHE NON ERA UN ESEMPIO...”  - "IL FOGLIO" SVELA LA BUFALA DI MARADONA EVASORE - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Da liberoquotidiano.it

 

maradona maradona

E a La Zanzara, il programma di Radio 24, si scatenò l'inferno. Tutta "colpa" della morte di Diego Armando Maradona. Nella puntata che ha seguito l'addio al Pibe de Oro, Giuseppe Cruciani ha attribuito a David Parenzo la seguente frase: "Non si può piangere un cocainomane". Parenzo ha negato di averlo detto, e c'è da crederci: è uno sketch collaudato, quello dei due conduttori, ossia attribuirsi false dichiarazioni sulle quali poi si scornano a lungo.

 

david parenzo e giuseppe cruciani david parenzo e giuseppe cruciani

Ma Cruciani ha insistito: "Tu mi hai detto prima, molto chiaramente, fuori della trasmissione, perché emozionarsi così tanto con la morte di una singola persona, muoiono seicento, settecento, ottocento persone al giorno, le persone si stracciano le vesti perché muoiono settecento, ottocento persone e adesso c'è il lutto nazionale.

DAVID PARENZO GIUSEPPE CRUCIANI DAVID PARENZO GIUSEPPE CRUCIANI

 

Sai che in Argentina hanno fatto tre giorni di lutto nazionale - me lo hai detto tu - era un cocainomane - me lo hai detto tu - non si può piangere un cocainomane". E Parenzo ha replicato: "Non l'ho mai detto". Ma Cruciani: "Mi hai hai detto che era anche uno che ha distrutto la sua vita, non era un esempio, lo hai detto tu". E il giallo resta: stavano scherzando, anche in questo caso?

 

 

LA VERITA’ SU MARADONA E IL FISCO

Da ilnapolista.it

diego armando maradona con claudia villafane a una festa diego armando maradona con claudia villafane a una festa

 

Il Foglio torna su una delle grandi menzogne che affligge Maradona. La storia dell’evasione fiscale. Lo fa ricordando il libro “L’oro del Pibe” di Giuseppe Pedersoli e Luca Maurelli che ricostruirono tutta la vicenda. Scrive Luciano Capone:

diego armando maradona a 20 anni nella sua casa di buenos aires 1980 diego armando maradona a 20 anni nella sua casa di buenos aires 1980

 

Ma sebbene diverse sentenze tributarie arrivate in Cassazione abbiano stabilito che avesse un debito con l’erario di circa 40 milioni di euro (molti di più di quanti ne abbia guadagnati nei sette anni in Italia), la realtà è che Maradona era innocente. O meglio, era colpevole di non essere stato in grado di difendersi. Come invece hanno fatto i compagni di squadra vittime di identiche contestazioni: Alemao, Careca e la Società sportiva calcio Napoli, che hanno ottenuto l’annullamento delle pretese dell’Erario.

 

mughini maradona mughini maradona

Tutto parte da due sindacalisti della Cgil che nel 1989 presentano in procura un esposto demagogico contro lo stipendio miliardario di Maradona che “è un insulto alle condizioni di vita dei lavoratori”, chiedendo una verifica fiscale.

 

La denuncia porta a un’indagine penale sui compensi, ulteriori allo stipendio, pagati dal Napoli ai tre calciatori sudamericani per lo sfruttamento dei diritti d’immagine attraverso società con sede all’estero (in Liechtenstein per Maradona): l’ipotesi era che queste operazioni fossero un’“interposizione fittizia di persona” per non pagare le tasse (i contributi la società e l’Irpef il calciatore). I giudici penali hanno escluso per tutti i calciatori – Maradona incluso – che quei corrispettivi fossero retribuzioni mascherate, ma in parallelo era partito un procedimento tributario che ha seguìto la sua strada. Che però non ha mai incrociato quella di Maradona. I

 

diego armando maradona spara ai giornalisti 1994 diego armando maradona spara ai giornalisti 1994

l campione infatti fuggì da Napoli il 1 aprile 1991, giorno di Pasquetta, dopo essere risultato positivo all’antidoping. L’accertamento tributario arrivò alla sua casa in via Scipione Capece mesi dopo, il 29 ottobre, ma Maradona – si legge nella notifica – risultava “sloggiato e sconosciuto”. Non essendone a conoscenza non ha potuto impugnare l’accertamento.

 

MARADONA CIRCONDATO DAI GIORNALISTI jpeg MARADONA CIRCONDATO DAI GIORNALISTI jpeg

Né, dopo le “assoluzioni” di Careca, Alemao e del Napoli di Corrado Ferlaino, per lui è stato possibile fare ricorso perché i termini erano scaduti. Così il giudizio è diventato definitivo, insieme al marchio infame di “evasore”, che lo ha perseguitato per anni tenendolo lontano dall’Italia. L’evasione fiscale di Maradona è una storia che non parla dell’eticità e della sregolatezza del Pibe de oro, ma di quella del Fisco italiano.

DIEGO ARMANDO MARADONA E LA SUA MERCEDES DIEGO ARMANDO MARADONA E LA SUA MERCEDES diego armando maradona colin farrell diego armando maradona colin farrell DIEGO ARMANDO MARADONA AD ACERRA DIEGO ARMANDO MARADONA AD ACERRA GIUSEPPE CRUCIANI DAVID PARENZO GIUSEPPE CRUCIANI DAVID PARENZO diego armando maradona con i queen diego armando maradona con i queen luca cordero di montezemolo diego armando maradona luca cordero di montezemolo diego armando maradona diego armando maradona fuma il sigaro prima di boca juniors san lorenzo 2006 diego armando maradona fuma il sigaro prima di boca juniors san lorenzo 2006 polizia fuori dalla casa di maradona a buenos aires polizia fuori dalla casa di maradona a buenos aires diego armando maradona con due ballerine in una trasmissione tv in messico nel 2002 diego armando maradona con due ballerine in una trasmissione tv in messico nel 2002 diego armando maradona 1 diego armando maradona 1 diego armando maradona. diego armando maradona. diego armando maradona 2 diego armando maradona 2 diego armando maradona diego armando maradona maradona maradona maradona branco maradona branco camera ardente maradona camera ardente maradona DIEGO ARMANDO MARADONA AD ACERRA DIEGO ARMANDO MARADONA AD ACERRA funerale maradona 2 funerale maradona 2 funerale maradona 12 funerale maradona 12 LA PRIMA PAGINA DE IL MANIFESTO SULLA MORTE DI MARADONA LA PRIMA PAGINA DE IL MANIFESTO SULLA MORTE DI MARADONA tifosi in lacrime tifosi in lacrime maradona claudia e le figlie maradona claudia e le figlie tifosi lacrime 2 tifosi lacrime 2 BERLUSCONI - MARADONA - MIKE BONGIORNO BERLUSCONI - MARADONA - MIKE BONGIORNO

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CINEMA DEI GIUSTI – “BALLO BALLO” È IMPERDIBILE PER TUTTI I FAN DI RAFFAELLA CARRÀ, ED È PIÙ SOFISTICATO DI QUEL CHE APPARE. CURIOSAMENTE SEMBRA SPESSO UNO DEI NOSTRI GLORIOSI MUSICARELLI, PIUTTOSTO CHE UN’OPERAZIONE ALLA “YESTERDAY” O ALLA “ACROSS THE UNIVERSE”. E, DEVO DIRE, CHIUSI IN CASA, ANGOSCIATI FRA CRISI DI GOVERNO AL BUIO, PANDEMIA E VACCINI CHE SALTANO, UN PO’ DI “A FAR L’AMORE”, “TUCA TUCA” & CO. NON PUÒ CHE FARCI DEL BENE – VIDEO   

politica

business

cronache

sport

GATTUSO, UN PIEDE FUORI DA NAPOLI. E DE LAURENTIIS DOV'E'? - NELLE PROSSIME TRE PARTITE, "RINGHIO" DEVE VINCERE E CONVINCERE - L'ACCUSA DI "GAZZETTA": "QUELLO CHE PIÙ PREOCCUPA SONO CERTI COMPORTAMENTI NEGATIVI IN CAMPO CHE SOMIGLIANO A QUELLI DELL'AMMUTINAMENTO. DE LAURENTIIS NON INTERVIENE, PERCHÉ CACCIARE L'ALLENATORE COMPORTA UN ESBORSO DI DENARO CHE NESSUNO HA. DALL'AMMUTINAMENTO IN POI SONO STATI RIPETUTI UNA SERIE DI ERRORI. CHE NON ERANO SOLO DI ANCELOTTI, COSÌ COME NON SONO SOLO DI GATTUSO. SEMBRA DI VEDERE LO STESSO FILM"

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute