"RONALDO HA RISCHIATO LA SQUALIFICA" - CASSANO A “TIKI TAKA” : "NON SI PUÒ ANDARE VIA DALLO STADIO. A ME ERA SUCCESSO 12 ANNI FA IN ROMA-LAZIO: CAPELLO MI HA SOSTITUITO, IO HO SBROCCATO E ME NE SONO ANDATO A CASA. SONO DOVUTO TORNARE INDIETRO PERCHÉ…”

-

Condividi questo articolo

Da www.corrieredellosport.it

 

cassano cassano

Minuto 55, si alza la lavagna luminosa. Da una parte il numero 7, dall'altra il 10. Fuori Cristiano Ronaldo e dentro Dybala. Da quel momento si è parlato pochissimo della vittoria della Juventus sul Milan, mentre l'attenzione si è focalizzata sul cambio effettuato da Sarri e sulla reazione di CR7. Il fenomeno portoghese ha imboccato il tunnel degli spogliatoi, si è fatto la doccia e ha lasciato l'Allianz Stadium ancor prima che il match terminasse. Un comportamente che potrebbe costargli una squalifica. Il monito arriva da Antonio Cassano, ospite della trasmissione Tiki Taka.

cr7 sarri cr7 sarri

 

L'ex attaccante della Roma ha spiegato: "Cristiano Ronaldo è andato via tre minuti prima della partita? Non puoi farlo, perché a fine gara c'è l'antidoping. Occhio. Se è così come si dice diventa una cosa complicata. A me era successo 12 anni fa in Roma-Lazio: Capello mi ha sostituito, io ho sbroccato e me ne sono andato a casa. Sono dovuto tornare indietro perché se quel giorno venivo sorteggiato all'antidoping prendevo due anni di squalifica". Non resta che aspettare un altro capitolo della vicenda.

cr7 sarri cr7 sarri cr7 45 cr7 45 cr7 cr7

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

AIUTO, ORMAI NON C'È PIÙ NESSUNA CERTEZZA! SENTITE COSA DICE SUI TAMPONI L’INFETTIVOLOGO DI GENOVA MATTEO BASSETTI: “NON BASTANO, SONO INEFFICACI PER GLI ASINTOMATICI. SCATTANO UN’ISTANTANEA E IL GIORNO DOPO PUÒ CAMBIARE. E POI QUANTO SI SPENDE PER I TAMPONI INVECE DI ASSUMERE MEDICI E INFERMIERI?” - “I TEST RAPIDI A SCUOLA NON MI CONVINCONO, SAREBBERO TAMPONCINI NEL NASO O SALIVARI. GIÀ IL TAMPONE, SE FATTO BENE, ARRIVA AL 75 PER CENTO DI POSSIBILITÀ, MENTRE QUESTI…”