"SERVE RISPETTO PER LE NAZIONALI AFRICANE" - KALIDOU KOULIBALY RISPONDE AD AURELIO DE LAURENTIIS, DOPO LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DEL NAPOLI DI NON VOLER PIÙ INGAGGIARE GIOCATORI AFRICANI PER EVITARE DI PERDERLI DURANTE LA COPPA D'AFRICA - "È IL SUO PARERE E LO RISPETTO COME TALE MA SONO SICURO CHE A NAPOLI MOLTISSIMI NON LA PENSANO COME LUI…"

-

Condividi questo articolo


Elia Pagnoni per “il Giornale”

 

KOULIBALY CHELSEA KOULIBALY CHELSEA

Il mal d'Africa solitamente è una nostalgia struggente per quelle terre lontane e affascinanti, indimenticabili per chi ha avuto la fortuna di frequentarle. A Napoli invece è un mal di pancia che prende Aurelio De Laurentiis e che lo fa entrare in rotta di collisione con un suo grande ex come Kalidou Koulibaly. Il presidente, in un'intervista esuberante con Wall Street Italia, si abbandona a una frase forte: «Basta africani: o rinunciano a giocare la coppa d'Africa quando vengono da noi o non li possiamo più prendere. Paghiamo gli stipendi per mandarli a giocare per gli altri».

 

Un «basta africani» che certamente non è una frase razzista per come può suonare, ma non può essere piaciuta a Koulibaly che proprio durante la presentazione nella sede del Chelsea, ha risposto a modo al suo ex presidente: «È il suo parere e lo rispetto come tale: dipende solo da lui decidere se ingaggiare o meno giocatori africani. Ma sono sicuro che a Napoli moltissimi non la pensano come lui: io giocavo per il Napoli ma ero anche capitano del Senegal. Sono sicuro che per il Napoli è stata dura quando noi siamo andati a giocare la coppa, ma serve rispetto anche per le nazionali africane».

 

de laurentiis koulibaly de laurentiis koulibaly

Un De Laurentiis vulcanico come il suo Napoli in cui, in attesa di mettere alla porta gli africani, si mette sul mercato Petagna perché si era infatuato di un'inviata di una Tv, che però aveva già un flirt con un alto dirigente del club Un AdL che affronta anche i temi della politica, propone addirittura di cambiare la costituzione, auspica un improbabile compromesso storico tra il Pd e Fratelli d'Italia, si lancia nella fantapolitica («devono vincere loro due e mettersi d'accordo per richiamare Draghi come presidente del Consiglio») e fa campagna elettorale per la Meloni («sarebbe bello che l'Italia diventasse una repubblica presidenziale, dando il ruolo di presidente all'unica donna che fa politica costantemente da trent' anni»).

 

AURELIO DE LAURENTIIS AURELIO DE LAURENTIIS

Il solito De Laurentiis onniscente che non tralascia ovviamente di impallinare i vertici del pallone, parlando delle coppe europee: «Sono tornei farlocchi, ma non ha senso nemmeno la superlega perché era una competizione a inviti.C'erano dei privilegiati che invitavano altri. Invece servono competizioni che si giochino durante la settimana tra i primi cinque campionati d'Europa». Insomma, la Super Lega non va bene perché sono gli altri a decidere chi deve partecipare, invece in questo caso lo decide lui e allora è un torneo che funziona.

 

Sembrerà strano ma non appena il Napoli torna a respirare aria di Champions, il suo presidente si sente il diritto di dettare le formule per migliorare il sistema, partendo ovviamente dal presupposto che lui ne faccia parte. Perché parole sue «il mondo del calcio non si sa gestire e noi come cretini ci prestiamo a giocare cinquanta partite». Ma forse, se proprio vuole bacchettare i signori della Uefa e della Fifa, potrebbe farlo sul tema da cui è partito: più che scaricare gli africani sarebbe meglio chiedere di armonizzare le tempistiche dei tornei continentali.

ARTICOLI CORRELATI

KOULIBALY CHELSEA KOULIBALY CHELSEA koulibaly koulibaly de laurentiis de laurentiis AURELIO DE LAURENTIIS AURELIO DE LAURENTIIS aurelio de laurentiis foto di bacco (1) aurelio de laurentiis foto di bacco (1) aurelio de laurentiis foto di bacco (2) aurelio de laurentiis foto di bacco (2) STRISCIONE DE LAURENTIIS STRISCIONE DE LAURENTIIS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE