LA ROMA, DE ROSSI, ITALIA-BRASILE DEL 1982: IL DIVINO FALCAO VUOTA IL SACCO (MA NON DICE NULLA SUL RIGORE CHE NON TIRO’ CONTRO IL LIVERPOOL IN FINALE DI COPPA DEI CAMPIONI) -  "COL BRASILE DOVEVAMO VINCERE IL MONDIALE 82. MA NON ABBIAMO VOLUTO SNATURARCI COME CI CHIESE TELÉ SANTANA E L'ABBIAMO PAGATA. ZICO DISSE: NON POTEVAMO FARCI NULLA. SE AVESSIMO SEGNATO CINQUE GOL, L'ITALIA NE AVREBBE FATTI SEI" - IL RAPPORTO CON DI BARTOLOMEI E QUELLA VOLTA CON DE ROSSI...

-

Condividi questo articolo


Stefano Carina per il Messaggero - Estratti

 

(...)

 

PAULO ROBERTO FALCAO PAULO ROBERTO FALCAO

La prima cosa della quale le farebbe piacere parlare?

«Agostino (Di Bartolomei, ndr). Nei giorni scorsi è stato l'anniversario dei 30 anni della sua morte. Per me è un ricordo sempre doloroso. Il nostro legame era così forte che tempo fa scrissi un libro "Storie di calcio" e gli dedicai un intero capitolo titolandolo "L'imperatore del centrocampo".

 

La prima volta che lo vidi, mi fece questa impressione. Con quel fare apparentemente scontroso, i capelli pettinati in avanti, somigliava a Caligola e nello spogliatoio in tanti iniziammo a chiamarlo così.

 

Centrocampista tecnico, lancio lungo, intelligente in campo e fuori. Era un ragazzo molto serio, strappargli un sorriso non era facile ma sapeva anche scherzare. E poi, aveva una generosità fuori dal comune».

 

Può raccontare qualche aneddoto?

pele' e falcao al gilda pele' e falcao al gilda

«Quando arrivai mi fece un po' da Cicerone. Io non conoscevo nulla di Roma e lui mi portò in giro a pranzo, per negozi, dimostrandosi sempre molto disponibile. Tanti anni fa incontrai in una festa la moglie e il figlio Luca. Mi sembra fosse la ricorrenza degli 80 anni della Roma, ma potrei sbagliare.

 

Per me era un amico, non riesco ancora a capacitarmi come possa essere accaduto. Con i ragazzi di quella Roma, anche se ci siamo persi inevitabilmente di vista, è capitato di riparlarne. Soprattutto con Bruno (Conti, ndr) e Righetti. Ho rivisto tempo fa anche Pruzzo e Turone in occasione di un docufilm sul famoso gol di Ramon annullato nell'1981 che ci privò dello scudetto. Quando penso a loro c'è sempre tanto affetto».

falcao mandolesi falcao mandolesi

 

Oggi è una Roma diversa rispetto alla sua. Ma la guida un ragazzo di 40 anni che lei dovrebbe conoscere bene.

«Sì, Daniele. Sono molto contento per lui. Ancora sorrido quando penso che proprio per gli 80 anni della Roma ci ritrovammo a giocare vicini in un'esibizione. C'erano Totti, Cafu, Bruno, Pruzzo... Così prima del fischio d'inizio gli chiedo: "Come giochiamo?". E lui, un po' imbarazzato, mi risponde: "Me lo dica lei" (ride)».

 

(...)

 

Ha avuto modo di vedere la Roma sotto la gestione di De Rossi?

«Sì, in tv non mi sono perso la gara con il Brighton, le due con il Milan e la prima con il Leverkusen in Europa League. Le prime tre veramente giocate bene, quella con i tedeschi un po' meno. Daniele è giovane, conosce la città, può lavorare più tranquillo rispetto ad altri.

falcao laura melidoni falcao laura melidoni

 

Sono felice che la società gli abbia dato fiducia. Ora però va messo nelle condizioni migliori. L'importante è che gli sia dato del tempo, anche se le cose inizialmente non dovessero andare come si spera».

 

(...)

«Dovevamo vincere nell'82. Ma il calcio non è una questione di giustizia, è un gioco. Non abbiamo voluto snaturarci come ci chiese Telé Santana e l'abbiamo pagata. Pensi che Socrates aveva persino smesso di fumare. La nostra consolazione rimane che di quella squadra si parla ancora».

Difficile il contrario. Lei, Zico, Leandro, Junior, Eder, Cerezo, Socrates, Paulinho Isidoro...

«Eravamo fortissimi. Lo sa che mi disse una volta Zico? Paulo non potevamo farci nulla. Se avessimo segnato cinque gol, l'Italia ne avrebbe fatti sei».

 

Tornando alla Roma, le piace Dybala? E lo confermerebbe nella nuova squadra che sta nascendo?

PAULO ROBERTO FALCAO PAULO ROBERTO FALCAO

«Per dare un'opinione devi vedere un calciatore giocare 7-8 partite di seguito, cosa che a me non accade purtroppo. Tecnicamente non si discute, si conosce, non è più un ragazzino. Ha un sinistro che funziona. Ma le valutazioni quando sei un dirigente sono molteplici e io preferisco restare un semplice tifoso».

 

Cosa farà Paulo da grande?

«So che è difficile ma mi piacerebbe tornare ad allenare».

 

In Brasile o in Europa?

«Va bene anche qui. Il treno fuori dal mio paese è passato tanto tempo fa. Potevo allenare la Roma due volte. Quella in cui ci andai più vicino fu con Viola. C'eravamo messi seduti a parlare con il mio commercialista ed eravamo d'accordo per un biennale.

ancelotti falcao ancelotti falcao

 

Poi il presidente si sentì male proprio in quella settimana e morì poco dopo. L'altra occasione arrivò con il presidente Sensi ma fu soltanto una chiacchierata allo stadio, senza seguito. Sarebbe stato bello, Roma rimarrà sempre nel mio cuore».

falcao giocatore senza palla 27 maggio 1998 falcao giocatore senza palla 27 maggio 1998 ancelotti falcao ancelotti falcao FALCAO ANCELOTTI MARADONA FALCAO ANCELOTTI MARADONA FALCAO FALCAO italia brasile 1982 falcao conti italia brasile 1982 falcao conti CONTI LIEDHOLM FALCAO CONTI LIEDHOLM FALCAO FALCAO ROSSI FALCAO ROSSI falcao bonvissuto 1 falcao bonvissuto 1 falcao falcao franco tancredi superchi falcao franco tancredi superchi falcao falcao falcao viola falcao liedholm viola falcao liedholm falcao falcao goal di notte falcao goal di notte falcao falcao andreotti viola falcao andreotti viola totti falcao totti falcao giuseppe falcao 1 giuseppe falcao 1 totti falcao 1 totti falcao 1 lamberto giorgi falcao lamberto giorgi falcao maradona falcao maradona falcao andreotti falcao viola andreotti falcao viola FALCAO DURANTE LA FINALE DI COPPA CAMPIONI CONTRO IL LIVERPOOL FALCAO DURANTE LA FINALE DI COPPA CAMPIONI CONTRO IL LIVERPOOL FALCAO E BRUNO CONTI FALCAO E BRUNO CONTI LIEDHOLM - CONTI - DINO VIOLA - FALCAO LIEDHOLM - CONTI - DINO VIOLA - FALCAO UN GIOVANE ROBERTO FALCAO UN GIOVANE ROBERTO FALCAO FALCAO FALCAO FALCAO FALCAO ATTRICE BIANCO ROSSO VERDONE CHE DISSE NO A FALCAO ATTRICE BIANCO ROSSO VERDONE CHE DISSE NO A FALCAO pele falcao pele falcao

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…