ROMA IN UN VICOLO DZEKO - FONSECA SI ACCORGE CHE NON PUO' FARE A MENO DELL’ATTACCANTE CHE PERO’ E’ A UN PASSO DALL’INTER – NELL’AMICHEVOLE CON IL REAL IL BOSNIACO E’ STATO IL MIGLIORE: PER IL DS PETRACHI NON SARA’ FACILE TROVARE UN SOSTITUTO - NONOSTANTE I PASSI IN AVANTI, PER I GIALLOROSSI C'È ANCORA DA MIGLIORARE LA FASE DIFENSIVA (E MANCA SEMPRE UN CENTRALE) - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Gianluca Piacentini per il “Corriere della sera”

dzeko dzeko

 

La sfida Roma-Real Madrid è cominciata con una parte della Curva Sud che ha fischiato Edin Dzeko al momento dell' annuncio delle formazioni, ed è finita con tutto lo stadio, compresi i componenti della panchina romanista, ad applaudire il bosniaco, fascia da capitano al braccio, sostituito da Patrik Schick. Se il pareggio 2-2 di ieri sera col Real (la Roma ha vinto poi 7-6 ai calci di rigore la Mabel Green Cup) è stata davvero l' ultima gara in giallorosso del numero 9 - nelle prossime ore è attesa l' offerta definitiva dell' Inter -, allora il compito di Gianluca Petrachi nella ricerca del suo sostituto si fa sempre più arduo.

 

dzeko dzeko

Perché la Roma di Paulo Fonseca, accolto dagli applausi dei trentamila presenti ieri sera sulle tribune dell' Olimpico che come al solito non hanno risparmiato cori polemici nei confronti del presidente Pallotta, ruota molto intorno al suo calciatore più forte, autore del gol del 2-2 dopo le reti di Marcelo (che poi ha sbagliato il rigore decisivo), Perotti e Casemiro (in fuorigioco) e di alcune giocate che hanno fatto saltare dalla sedia non solo i romanisti, ma probabilmente anche Antonio Conte, che sogna l' accoppiata con Lukaku.

 

La partita è stata una festa, nel senso che la Roma, con il solo Pau Lopez tra i nuovi acquisti nella formazione titolare, e il Real Madrid si sono affrontate a viso aperto senza troppi tatticismi, con continui capovolgimenti di fronte: ne ha beneficiato lo spettacolo, ma difficilmente il Genoa alla prima giornata di campionato e la Lazio alla seconda concederanno alla formazione di Fonseca gli spazi che ha avuto ieri sera.

 

dzeko roma dzeko roma

Oltre alla prestazione di Dzeko, il tecnico portoghese ha avuto altre indicazioni positive: 1) Zaniolo, schierato da trequartista, è sembrato quello della prima parte della scorsa stagione. Straripante fisicamente, uno dei pochi in grado di sfidare «a duello» i calciatori del Real.

 

2) Kolarov sulla fascia sinistra è una garanzia, motivo per cui Spinazzola è stato schierato a destra dopo l' uscita di Florenzi.

 

3) Pau Lopez ha già fatto dimenticare Olsen.

 

paulo fonseca foto mezzelani gmt006 paulo fonseca foto mezzelani gmt006

Nonostante i passi in avanti, però, c' è ancora da migliorare la fase difensiva: anche ieri due gol al passivo come contro il Lille e l' Atletico Bilbao. Il tecnico portoghese, che alla vigilia aveva chiesto coraggio alla sua squadra, è stato accontentato. «E' stata una grande notte, una bella partita. Abbiamo giocato un primo tempo a buon ritmo e creato grandi opportunità, abbiamo capitalizzato meno di quanto avremmo meritato. Dovevamo verificare la tenuta dei miei giocatori, sviluppando il gioco con idee per il futuro.

 

paulo fonseca foto mezzelani gmt004 paulo fonseca foto mezzelani gmt004

Dzeko è lo stesso che lavora in questo modo dal primo giorno e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. È un nostro grande giocatore».

roma udinese dzeko roma udinese dzeko dzeko rissa 2 dzeko rissa 2 paulo fonseca foto mezzelani gmt 013 paulo fonseca foto mezzelani gmt 013 DZEKO 1 DZEKO 1 dzeko perisic dzeko perisic paulo fonseca foto mezzelani gmt 016 paulo fonseca foto mezzelani gmt 016 paulo fonseca foto mezzelani gmt 017 paulo fonseca foto mezzelani gmt 017 fonseca fonseca

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute