L’EFFETTO CRISTIANO RONALDO PER IL TITOLO JUVE IN BORSA È COMPLETAMENTE SVANITO – ‘CORSPORT’: "IL TITOLO È DA TEMPO RETROCESSO NEL LISTINO MID CAP. E LE ULTIME SETTIMANE HANNO PORTATO AD UN CROLLO VERTICALE, CHE HA COINVOLTO TUTTA PIAZZA AFFARI - IERI HA POTUTO PERÒ REGISTRARE UN +0,056% CHE HA ASSESTATO IL TITOLO A QUOTA 0,71 - IL BOOM IN BORSA DEL TITOLO ERA STATO IN GRAN PARTE FIGLIO DEL CLAMOROSO ACQUISTO DI CR7 UFFICIALIZZATO IL 13 LUGLIO 2018…"

-

Condividi questo articolo

Da juvelive.it

 

cristiano ronaldo cristiano ronaldo

L’effetto Cristiano Ronaldo per il titolo Juve in Borsa è completamente svanito. Lo scrive in un articolo il Corriere dello Sport questa mattina. Questo nonostante ieri la giornata si sia conclusa per i bianconeri con un leggerissimo rialzo. Come noto, il titolo è da tempo retrocesso nel listino Mid Cap. E le ultime settimane hanno portato ad un crollo verticale, che ha coinvolto tutta Piazza Affari. La Juve che ieri ha potuto registrare un +0,056% che ha assestato il titolo a quota 0,71 euro grazie alla parziale ripresa della scorsa settimana.

 

Il titolo Juve crolla

cristiano ronaldo e andrea agnelli cristiano ronaldo e andrea agnelli

«Il rimbalzo ha permesso di risalire dalla valutazione di 0,54 euro, il punto più basso registrato nell’ultimo anno – scrive il giornale capitolino -. Negli ultimi tre mesi infatti il titolo Juve era sceso in maniera progressiva ma inesorabile, perdendo il 47%, un segno meno che arriva al 50% allargando l’analisi all’ultimo anno. La valutazione della Juve in Borsa è di circa 950 milioni, quando a inizio 2019 aveva toccato anche il miliardo e mezzo di euro. Insomma, sono passati meno meno di due anni dall’acquisto di Ronaldo. E l’effetto CR7 è completamente svanito, almeno in Borsa».

agnelli ronaldo agnelli ronaldo

 

 

ronaldo agnelli paratici ronaldo agnelli paratici

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute