IL RUGGITO DEL TIGER! - TIGER WOODS È PRONTO A TORNARE A GIOCARE DOPO QUASI OTTO MESI DI STOP: IL GOLFISTA CALIFORNIANO PARTECIPERÀ ALLA "HERO WORLD CHALLENGE", IN PROGRAMMA ALLE HAWAII - IL CAMPIONE DI GOLF È APPENA RIENTRATO DA UN BRUTTO INFORTUNIO ALLA CAVIGLIA, CHE L'HA COSTRETTO A SOTTOPORSI A DIVERSI INTERVENTI. LUI HA RASSICURATO I FAN: "VOGLIO GIOCARE UN EVENTO AL MESE: QUANDO CAPIRÒ CHE NON SONO PIÙ IN GRADO DI VINCERE, MI RITIRERÒ"

-

Condividi questo articolo


tiger woods tiger woods

ANSA) - Dopo quasi otto mesi dall'ultima volta, Tiger Woods è pronto a tornare in campo. Il californiano da domani a domenica 3 dicembre ad Albany, sull'isola di New Providence alle Bahamas, sarà la star più attesa dell'Hero World Challenge, torneo non ufficiale del PGA Tour che vedrà in gara 20 giocatori. L'evento, organizzato dalla Fondazione di "The Big Cat", arrivato quest'anno alla 24esima edizione, è stato vinto da Woods già cinque volte, la prima nel 2001, l'ultima nel 2011.

tiger woods tiger woods

 

Anche se "un po' arrugginito", il 47enne di Cypress sogna una settimana da protagonista. "Sono curioso di vedere quale sia il mio stato di forma attuale, ma una cosa è certa: quando arriverà il momento in cui capirò che non sono più in grado di vincere, mi ritirerò". Tradotto, Woods come sempre scenderà sul green con un solo obiettivo, la vittoria. Operato lo scorso 19 aprile, ha spiegato di "non sentir più alcun dolore alla caviglia, ma i problemi alla gamba destra restano", ha ammesso. Alle Bahamas, giocherà i primi due round al fianco di Justin Thomas, fonte d'ispirazione del figlio Charlie con cui Tiger, dal 14 al 17 dicembre e per il quarto anno consecutivo, parteciperà in Florida al PNC Championship.

 

tiger woods tiger woods

 "D'ora in poi, voglio tornare a giocare un evento al mese", l'obiettivo di Woods. Nel 2024, oltre ai quattro Major, nel mirino ecco il Genesis Invitational (15-18 febbraio in California) e il The Players Championship (14-17 a Ponte Vedra Beach, in Florida), tornei top del PGA Tour che precedono il The Masters (11-14 aprile ad Augusta), vero, grande obiettivo del 15 volte campione Major. Proprio il The Masters del 2023, quando fu costretto a ritirarsi durante il terzo round, è stato l'ultimo appuntamento ufficiale disputato da Woods. E ora l'uomo dei record (82 successi sul PGA Tour, come lui solo Sam Snead) vuole concentrarsi sul futuro del massimo circuito americano.

 

tiger woods tiger woods

Pertanto, "non è ora il momento di parlare della possibilità che io possa essere il capitano del team Usa alla Ryder Cup 2025 di New York (intanto l'Europa ha confermato Luke Donald dopo l'euro-trionfo di Roma, ndr)", prima va risolta la vicenda riguardante la Superlega araba", ha chiarito nel corso della conferenza stampa di vigilia dell'Hero World Challenge. Dove Viktor Hovland, numero 4 al mondo, cercherà il tris di vittorie consecutive nella competizione, impresa mai riuscita a nessuno, neanche a Woods.

tiger woods tiger woods

 

Con lui in gara ci saranno anche altri 12 protagonisti dell'ultima Ryder Cup di Roma, a partire dal numero 1 al mondo, Scottie Scheffler. All'appello mancheranno però due big come Rory McIlroy e Jon Rahm. Non solo Woods. L'Hero World Challenge 'segnerà' anche il ritorno sul green di Will Zalatoris, fermo ai box, per un lungo infortunio, dallo scorso marzo. Ma i riflettori, neanche a dirlo, saranno tutti puntati sul californiano. Campione senza tempo, in carriera ha giocato 1.337 round sul PGA Tour, per un totale di 373 eventi disputati e 120.954.766 dollari incassati. Per lui è un nuovo inizio, l'ennesimo.

tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods tiger woods

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE