SOTTO A CHI COPPA! - STASERA ALLE 21 ATALANTA E JUVENTUS SI GIOCANO ALL'OLIMPICO LA FINALE DI COPPA ITALIA - ALLEGRI SOGNA DI REGALARE AI BIANCONERI UN ULTIMO TROFEO PRIMA DEL SUO ADDIO IN ESTATE MA L'ATALANTA È IN UNA FORMA STRABILIANTE. GASPERINI PUNTA A VINCERE IL SUO PRIMO TROFEO IN CARRIERA, ANCHE PER SCROLLARSI DI DOSSO LA NOMEA DI "PERDENTE" E INTERROMPERE LA STRISCIA DI 4 FINALI PERSE DI FILA DA PARTE DELLA "DEA"…

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.sportmediaset.mediaset.it

 

coppa italia coppa italia

Una Dea mai così brillante e determinata a fare la storia contro una Signora spenta, piena di rughe, destinata a subire presto una rivoluzione, perché troppo brutta per essere vera. Stasera all'Olimpico (diretta su Canale 5 dalle 21 e in streaming su Sportmediaset.it) l'Atalanta delle meraviglie guarda con la massima fiducia alla prima delle sue finali, coronamento di una stagione stellare. […] Dall'altra parte c'è una Juventus che, raggiunto con fatica l'obiettivo del pass in Champions, punta a mettersi in bacheca un trofeo per rendere meno amara un'annata incolore. […]

 

allegri allegri

In casa dei bergamaschi c'è da raccogliere dopo anni di inseguimento e la sfida che vale per il trofeo nazionale, può aprire sentieri finora sconosciuti. Gasperini […] atalantino cerca il suo primo trofeo e togliersi la nomea di perdente di maggior successo (è alla sua terza finale di Coppa Italia in cinque anni) anche se in carriera un titolo Gasp l'ha conquistato e proprio alla guida della Juventus, seppur Primavera (il torneo di Viareggio vinto nel 2003).

 

Allegri invece punta al record dei cinque trofei di coppa nazionale, così da distanziare Roberto Mancini e Sven Goran Eriksson, e chiudere la stagione centrando il secondo degli obiettivi indicati dalla società dopo la conquista della qualificazione in Champions. […]

 

gian piero gasperini 3 gian piero gasperini 3

Dall'altra parte c'è un'Atalanta (che non schiererà Scamacca, squalificato) in stato di grazia che Gasperini non nasconde potrebbe diventare la sua migliore Dea di sempre. E' un'Atalanta dunque mai così ambiziosa pronta a fare la storia e a rivincere la coppa nazionale 61 anni dopo il trionfo del 1963 e interrompere così una striscia di quattro finali perse di fila (1987, 1996, 2019, 2021). Gasp prova ad andare oltre il risultato. Ma in gioco c'è una vittoria che farebbe la storia, sua e della Dea che punterà sui titolari (De Ketelaere per Scamacca out). Allegri invece spera nella resilienza della sua Signora (che punta su Chiesa-Vlahovic e deve fare a meno dello squalificato Locatelli), per regalare un ultimo sorriso prima dell'addio.

massimiliano allegri foto mezzelani gmt59 massimiliano allegri foto mezzelani gmt59 gian piero gasperini 2 gian piero gasperini 2 gasperini gasperini GASPERINI SPORTING LISBONA ATALANTA GASPERINI SPORTING LISBONA ATALANTA massimiliano allegri foto mezzelani gmt60 massimiliano allegri foto mezzelani gmt60 massimiliano allegri foto mezzelani gmt35 massimiliano allegri foto mezzelani gmt35 massimiliano allegri massimiliano allegri massimiliano allegri massimiliano allegri coppa italia coppa italia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)