SPROFONDA ROSSA! IN CANADA TRIONFA VERSTAPPEN, DISFATTA FERRARI CON IL DOPPIO RITIRO DI SAINZ E LECLERC – IL MONEGASCO ERA MEZZO SECONDO PIÙ LENTO DEGLI ALTRI IN RETTILINEO. SAINZ, TOTALMENTE ANONIMO DAL SEMAFORO IN AVANTI, È ANCHE RIUSCITO A GIRARSI E DISTRUGGERE LA BUONA GARA CHE STAVA FACENDO ALBON. UN CLAMOROSO PASSO INDIETRO SUL QUALE LA SCUDERIA DOVRÀ FARE PRESTO CHIAREZZA ANCHE PERCHÉ… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Fabio Tavelli per ilfoglio.it - Estratti

 

verstappen gp canada verstappen gp canada

Una gara dove tutti hanno, in alcuni casi senza colpa a causa delle condizioni meteo, commesso errori vince quello che di errori non ne commette quasi mai. Verstappen da tre anni fa ascoltare l’inno d’Olanda a Montreal e il suo successo 2024 dimostra ancora una volta come in un fazzoletto di piloti staccati di pochi decimi lui sia sempre quello riesce a portare a casa qualcosa di più.

 

Sale a 56 punti il distacco da Leclerc nella classifica piloti. Inutile stare ancora a confrontare quel che fa lui con quel che (non) fa il suo compagno di squadra. A Perez dicono di aver rinnovato per due anni il contratto per “tenerlo tranquillo”, ricevendone in cambio un’altra prestazione al limite della richiesta di risarcimento danni (soprattutto se combinata con le qualifiche). Ma questi sono problemi della Red Bull.

max verstappen max verstappen

 

Il Canada ritrova finalmente le Mercedes competitive. La pole di Russell sabato, il suo podio domenica e un Hamilton (autore del giro veloce) grintoso e finalmente in lotta per qualcosa che ha vagamente ricordato il suo passato recente. Promosse con merito le McLaren con Norris ormai stabilmente prima guida davanti a un Piastri bravo ma senza acuti. Se a Montecarlo non era successo un bel niente (a parte il pauroso crash in partenza) per tutta la gara, a Montreal è accaduto fin troppo. Ma purtroppo per la Ferrari dopo i fasti del Principato è arrivato uno dei peggiori weekend da due anni.

 

Al 53esimo giro entrambe le rosse erano già ai box a osservare gli altri e a rosicare. Leclerc è stato doppiato da Verstappen dopo 37 giri dopo aver tentato il colpo di mettere la gomma slick sperando nella fallacia delle previsioni che davano pioggia imminente. Era un tentativo disperato in una gara grama per il vincitore di Montecarlo, mai competitivo in tutto il fine settimana canadese. Il vero problema della Rossa ancora non è stato compreso, o almeno non è stato dichiarato. Leclerc non solo era mezzo secondo più lento degli altri in rettilineo ma per tantissimi giri ha dovuto continuare a correggere i settaggi dal suo volante.

leclerc sainz leclerc sainz

 

Con la conseguenza di perdere ulteriore terreno nei confronti di tutti, anche di scuderie che normalmente la Ferrari tiene agilmente a distanza. Sainz, totalmente anonimo dal semaforo in avanti, è anche riuscito a girarsi e distruggere la buona gara che stava facendo Albon. Un clamoroso passo indietro sul quale la Scuderia dovrà fare presto chiarezza anche perché la vittoria di Montecarlo aveva ridato un entusiasmo smisurato che questa doccia canadese ha di fatto spento

 

leclerc sainz leclerc sainz leclerc sainz leclerc sainz

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…