SPROFONDO ROSSA – TERRUZZI: "NESSUN PROGRESSO PER LA FERRARI A MONTECARLO. LECLERC SESTO, SAINZ OTTAVO. POSSIAMO STAR QUI A PARLARE DEL MURETTO CHE SBAGLIA ANCORA, MA IL FATTO È CHE QUESTA FERRARI NON SBOCCIA MAI, NEMMENO SU UNA PISTA DATA PER FAVOREVOLE - LE ANALISI DI VASSEUR EVITANO DI ENTRARE NEL DETTAGLIO LASCIANDOCI IN UN DISORIENTAMENTO VAGO E PERMANENTE. A BARCELLONA, SI DICE DA TEMPO, ARRIVERANNO MODIFICHE RILEVANTI…”

-

Condividi questo articolo


Giorgio Terruzzi per il “Corriere della Sera”

leclerc sainz leclerc sainz

 

Non un progresso, macché. Leclerc, sesto dopo partenza dal sesto posto; Sainz ottavo dalla quarta piazza della griglia dentro una corsa che pure ha offerto qualche opportunità agli outsider. Se guardiamo il dito e non la luna, possiamo star qui a parlare del muretto che sbaglia ancora in un pomeriggio fallace per molte squadre, ma il fatto è che questa Ferrari non sboccia mai, nemmeno su una pista data per favorevole dagli stessi ferraristi, con un ottimismo figlio di non si sa quale concretezza.

 

Forse qualcuno pensa che il tocco magico di Leclerc, quando si tratta di fare gli onori di casa, possa risolvere ogni rebus, compiere miracoli a nastro. Mentre persino lui, Charles, ha avuto misura della realtà prendendo visione delle prestazioni da qualifica, esaurienti sull’esito della gara. Loro, i piloti, sembrano sfiniti nelle dichiarazioni, mostrano una fatica più rilevante rispetto a quella patita guidando nell’individuare verbi e aggettivi salutari per il morale proprio e della tifoseria tutta.

 

SAINZ VASSEUR LECLERC 1 SAINZ VASSEUR LECLERC 1

Così come le analisi di Vasseur evitano di entrare nel dettaglio di fronte a un ennesimo acuto rimandato, lasciandoci in un disorientamento vago e permanente. A Barcellona, si dice da tempo, arriveranno modifiche rilevanti, addirittura sulle fiancate, un po’ come ha fatto Mercedes portando a Monaco una versione B, peraltro più fortunata di questa Ferrari. Il che vale come ennesimo rinvio, dentro un limbo nel quale non si capisce se davvero trattasi di una ragazza rossa in procinto di sbocciare o di una illusione a tappe. Monaco, altra frase fatta, non vale come test, date le anomalie del tracciato.

 

Intanto siamo in procinto di gara 7, simile alla boa attorno alla quale prendere una rotta definita e definitiva.

carlos sainz charles leclerc carlos sainz charles leclerc

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO