UNA SPY STORY MONDIALE - L’ASSOCIATED PRESS SGANCIA LA BOMBA: “IL QATAR HA USATO UN’EX SPIA DELLA CIA PER FARSI ASSEGNARE IL MONDIALE” - IL LAVORO DI SORVEGLIANZA INCLUDEVA ANCHE IL SERVIZIO DI UN FINTO FOTOREPORTER PER TENERE D’OCCHIO OFFERTE DI PAESI RIVALI PER OSPITARE I MONDIALI….

-

Condividi questo articolo


infantino infantino

Da ilnapolista.it

 

Il Qatar ha usato un ex ufficiale della Cia per spiare per anni alti funzionari del calcio e avvantaggiarsi così nella corsa al Mondiale che poi alla fine gli è stato assegnato.  Lo ha rivelato l’Associated Press.

 

La spia si chiama Kevin Chalker e ha lavorato per il Qatar prima e dopo l’assegnazione.  Il lavoro di sorveglianza includeva anche il servizio di un finto fotoreporter per tenere d’occhio offerte di Paesi rivali per ospitare i Mondiali. Chalker avrebbe lavorato anche ai registri telefonici di almeno un alto funzionario della Fifa prima del voto del 2010.

 

 

INFANTINO INFANTINO

L’AP ha confermato di aver esaminato centinaia di pagine di documenti delle società di Chalker, incluso un rapporto di aggiornamento del progetto del 2013 che conteneva diverse foto dello staff di Chalker che si incontrava con vari funzionari del mondo del calcio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

business

IL SECONDO ADDIO IN QUATTRO MESI DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE DAL CDA GENERALI NON È NÉ ESTEMPORANEA NÉ IMPROVVISATA. ARRIVA DOPO UNA LUNGA SERIE DI SCAZZOTTATE, ESPLOSE NELLA PARTITA CHE HA PORTATO ALLA CONFERMA DELL'AD PHILIPPE DONNET - ENTRO UN MESE UN PAIO DI SCADENZE DIRANNO SE “CALTARICCONE” POTRÀ TORNARE A COLLABORARE CON IL SOCIO MEDIOBANCA, IL CDA E IL MANAGEMENT OPPURE RESTERÀ MINORANZA IN COMPAGNIA DI LEONARDO DEL VECCHIO (CHE HA COME LUI QUASI IL 10% DELLE QUOTE)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute