LA VERSIONE DI MUGHINI – A 15 MINUTI DALLA FINE LA JUVE STAVA PERDENDO IMMERITATAMENTE CONTRO I RUSSI. POI DYBALA RICEVE LA PALLA AL LIMITE DELL’AREA E LA METTE ALL’INCROCIO DEI PALI: UN PRODIGIO. POCO DOPO UN GUIZZO, E UN SECONDO GOL. DYBALA E’ UN GIOCATORE CHE LA JUVE QUESTA ESTATE VOLEVA SBOLOGNARE, NON SO BENE PERCHE’. LUI CHE UN PAIO D’ANNI FA AVEVA MESSO IN GINOCCHIO IL BARCELLONA DI MESSI…- IL BACIO DI AGNELLI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Giampiero Mughini per Dagospia

 

dybala 99 dybala 99

Caro Dago, a differenza che nello splendido gioco della pallavolo per come lo ha ricordato oggi Francesco Persili sulle tue pagine, un gioco dove per portare a casa il risultato la squadra in tutti i suoi sei elementi deve compiere 50 o 60 prodigi in attacco e in difesa durante un match, nel calcio moderno di prodigi ne bastano uno o due a partita per portare a casa i tre punti.

 

Succede dunque che la celebratissima Juve sarriana di prodigi sino a 15 minuti dalla fine non ne avesse fatto nemmeno mezzo. Nemmeno mezzo. Stava anzi perdendo, immeritatamente, contro undici russi che ci davano sotto in ogni parte del campo. 0-1 in casa, più tragedia di così. Tante palle e pallette giocate da tanti, sugo niente di niente.

 

dybala 1 dybala 1

Poi accade, a quindici minuti dalla fine, che uno dei giocatori della Juve - tal Paulo Dybala - riceva una palla sul limitare dell’area. Lui è un giocatore che la Juve questa estate voleva sbolognare a ogni costo, non so bene perché. Solo che lui di andare via dalla Juve non ne voleva sapere. Lui che con la maglia della Juve un paio d’anni fa aveva messo in ginocchio il Barcellona di Messi e compagnia giocante.

 

Ebbene questo giocatore orgoglioso di indossare la maglia della Juve riceve la palla sull’unico piede di cui lui si serve per giocare a football, il sinistro. E’ una palla sul limitare dell’area, difficile che ne nasca un prodigio. Solo che lui, ve lo ripeto, si chiama Paulo Dybala. E dunque è uno che in quel precisissimo istante che dura meno di un istante pensa la giocata, la fa con tutta la tecnica di cui lo ha dotato nostro Signore, colpisce la palla a “girare” e la mette all’incrocio dei pali dove il portiere russo la guarda stupito, contento di non avere pagato il biglietto pur di vedere una tale meraviglia.

 

dybala juve lokomotiv 8 dybala juve lokomotiv 8

E’ un prodigio, è il pareggio. Poco dopo un secondo guizzo, un secondo gol. Sto parlando di Paulo Dybala, sto parlando del calcio, tutt’altro sport rispetto alla pallavolo. Tutt’altra meraviglia sportiva e teatrale.

 

Giampiero Mughini

andrea agnelli bacio andrea agnelli bacio

mughini mughini

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DI MANLEVA IN PEGGIO – I BENETTON PROVANO A FARE I FURBI E AGGIRARE IL NODO DELLA MANLEVA CON UNA SORTA DI RISK ASSESSMENT, CIOÈ UN’ANALISI PREVENTIVA DEI RISCHI CONNESSI AL CROLLO DEL PONTE DA SCONTARE AL PREZZO DELL’OFFERTA DI CASSA DEPOSITI E PRESTITI. MA STIMARE ORA QUANTO COSTERANNO LE CAUSE CIVILE È IMPOSSIBILE - LA PORTAVOCE DELLE VITTIME EGLE POSSETTI: “SE MI DANNO UN’AUTO VECCHIA CON I FRENI ROTTI E COMBINO UN GUAIO È DIFFICILE PENSARE CHE SI POSSA DARA LA COLPA A ME. CAPISCO LA RILUTTANZA DI CDP…”

cronache

sport

L'UNICO RISULTATO CHE HANNO AVUTO LE RIFORME DI GIORGETTI E SPADAFORA È QUELLO DI SPUTTANARE LO SPORT ITALIANO A LIVELLO INTERNAZIONALE - I RAPPORTI TRA CIO E GOVERNO SONO AI MINIMI TERMINI. TANTO DA DECLINARE L' INCONTRO PREVISTO PER METÀ OTTOBRE: «NON CI SONO LE CONDIZIONI». SOTTO LA LENTE C' È SOPRATTUTTO L' INDIPENDENZA DEL CONI CHE SAREBBE MESSO A REPENTAGLIO DALLA RIFORMA. QUESTO NON PIACE AFFATTO AL CIO CHE MINACCIA CONSEGUENZE PESANTI IN CASO IN CUI SI VADA AVANTI PER QUESTA STRADA

cafonal

viaggi

salute