VIDEO! CHE BOTTO! DI CHI E’ LA COLPA DELLA COLLISIONE HAMILTON-VERSTAPPEN? GIORGIO TERRUZZI: "OLTRE LA DINAMICA E LE DECISIONI DEI GIUDICI DI GARA, PESA ANCORA UNA VOLTA L'ATTEGGIAMENTO MENTALE DEL RAGAZZO RED BULL, DISPOSTO A TUTTO, ANZI A TROPPO, PUR DI VINCERE IL MONDIALE. SEMBRA CHE MAX NON TENGA CONTO DI ESSERE LUI IL FAVORITO. L’INTERESSE DI HAMILTON E’ EVIDENTE..." - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Giorgio Terruzzi per il "Corriere della Sera"

 

HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA

Le discussioni sulle responsabilità della collisione Hamilton- Verstappen continueranno all'infinito. Anche se, oltre la dinamica e le decisioni dei giudici di gara, pesa ancora una volta l'atteggiamento mentale del ragazzo Red Bull, disposto a tutto, anzi a troppo, pur di vincere il Mondiale e di dare, nel contempo, una svolta generazionale alla F1. Sembra che Max non tenga conto di essere lui e non Hamilton il netto favorito di questo campionato. Ogni volta che l'altro espone un muscolo, si fa coinvolgere nel corpo a corpo, come se si trattasse di risolvere all'istante il tema gerarchico.

 

HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA

Senza considerare che Lewis ha maggiore esperienza e meno da perdere poiché ha compreso che la Mercedes corre e correrà in svantaggio rispetto alla Red Bull su una quantità di piste. L'interesse di Hamilton è evidente: tenere viva la sfida il più a lungo possibile sfruttando le falle nel sistema mentale del rivale. A costo di azzardare mosse estreme che trovano regolarmente pronto Verstappen alla scazzottata. Anche quando basterebbe lasciar fare, con ampi margini di recupero curva dopo curva, persino a Monza, dove forse la Mercedes avrebbe potuto godere di qualche vantaggio pur dentro una gara a quel punto molto incerta.

 

HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA

La fretta e la foga che hanno trasportato il fenomeno olandese sin qui non gli servono, non più, nel momento in cui può raccogliere i frutti del proprio percorso. Macché, a muso duro, sempre e comunque, in pista e fuori, rari sorrisi, una tensione permanente, come se fosse ancora un ragazzino imbronciato a caccia di un riconoscimento. Atteggiamento che Hamilton coglie, stuzzica e sfrutta. La vittoria e il sorriso di Ricciardo valgono come impliciti consigli. Daniel ha sofferto senza mai perdere il gusto e il piacere della corsa. Non a caso è amato in Antartide come in Australia. E del suo trionfo inatteso e meritato hanno gioito tutti, compresi i ferraristi in tribuna a Monza. Le ricette per crescere e diventare un vero campione sono diverse. E contengono sempre un grano di salutare, miracolosa serenità.

HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA HAMILTON VERSTAPPEN MONZA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…