CON LA CRISI DEL COVID, I MUSEI AMERICANI STANNO SVENDENDO I CIMELI DI FAMIGLIA - LA DIRETTRICE DEL BROOKLYN MUSEUM HA MESSO ALL’ASTA DODICI DIPINTI DELLA SUA COLLEZIONE, TRA CUI OPERE DI COURBET E COROT - A LONDRA, LA ROYAL OPERA HOUSE, LE CUI ENTRATE SI SONO DIMEZZATE DOPO LA CRISI SANITARIA, HA ANNUNCIATO IL 4 OTTOBRE CHE METTERÀ IN VENDITA UN DIPINTO DI DAVID HOCKNEY, E ALCUNI MEMBRI DELLA ROYAL ACADEMY OF ARTS HANNO SUGGERITO DI VENDERE UNA SCULTURA IN MARMO DI MICHELANGELO

-

Condividi questo articolo

 

brooklyn museum 1 brooklyn museum 1

 

Articolo di “le Monde” - dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

Negli Stati Uniti, scrive Le Monde, le istituzioni culturali hanno il diritto di mettere all'asta parte delle loro collezioni per rinnovarle. Ma di fronte alla crisi sanitaria, alcuni si preparano a vendere solo per restare a galla.

 

"Una decisione ben ponderata. "Anne Pasternak, direttrice del Brooklyn Museum, ha spiegato al New York Times la vendita da Christie's il 15 ottobre di dodici dipinti della sua collezione, tra cui opere di Lucas Cranach, Gustave Courbet e Camille Corot. Valore stimato: 3 milioni di euro. Negli Stati Uniti, il deaccessioning, che permette ai musei di disporre di alcune opere per acquistarne altre, è un luogo comune.

 

anne pasternak brooklyn museum anne pasternak brooklyn museum

Nel novembre 2019, il Brooklyn Museum aveva già venduto un Papa di Francis Bacon per 5,5 milioni di euro. 5,5 milioni di euro, con la differenza che il ricavato della vendita è stato poi utilizzato per l'acquisto di nuovi pezzi. Questa volta l'obiettivo è più prosaico: garantire i costi di manutenzione e logistica delle collezioni.

 

Sei mesi fa, una tale decisione sarebbe valsa al museo di New York le sanzioni dell'Association of American Museum Directors (AAMD), che sovrintende a questa procedura. Sono consentite solo le vendite per l'acquisto di fondi per arricchire la collezione. Nel 2018 il Berkshire Museum è stato criticato dopo aver ceduto circa 40 opere - raccogliendo 36 milioni di euro - per finanziare la sua espansione.

 

Sanzioni revocate fino al 2022

donato de' bardi collezione brooklyn museum donato de' bardi collezione brooklyn museum

Nello stesso anno, l'Università La Salle di Philadelphia ha fatto parlare di sé dopo aver venduto cinque monete per 1,7 milioni di euro, una somma che voleva investire nei suoi programmi educativi. "Uno stupro", ha detto Caroline P. Wistar, ex curatrice di La Salle, intervistata dal Philadelphia Inquirer. L'AAMD aveva poi esortato i suoi 243 membri a interrompere ogni collaborazione con queste due istituzioni, in altre parole a non prestare o prendere in prestito opere da loro.

 

In aprile, tuttavia, durante un periodo di lockdown, l'AAMD ha gettato acqua sul fuoco revocando temporaneamente tali sanzioni fino al 10 aprile 2022. Nel frattempo, la pandemia di Covid-19 ha spazzato via i musei americani. Già a marzo l'AAMD aveva stimato le perdite a 28 milioni di euro al giorno, costringendo alcune istituzioni, come i musei di Philadelphia e Boston, il MoMA di New York e il SFMoMa di San Francisco a licenziare in massa il personale. Secondo l'AAMD, la situazione è talmente disastrosa che un terzo dei musei potrebbe fallire.

 

cecile debray cecile debray

La scelta tra "avere una squadra di conservazione di dimensioni adeguate o opere che non vedono mai la luce del giorno", perché sono conservate in riserva, è stata fatta rapidamente da Anne Pasternak. Anche altre istituzioni stanno seriamente considerando la possibilità di vendere per recuperare. Il Museo d'arte di Indianapolis a Newfields ha recentemente valutato i suoi 54.000 oggetti dalla A alla D - il 20 per cento di essi ha ricevuto una D, rendendoli candidati alla vendita.

 

Una scultura in marmo di Michelangelo

bernard blistene bernard blistene

 

A Londra, la Royal Opera House, le cui entrate si sono dimezzate dopo la crisi sanitaria, ha annunciato il 4 ottobre che metterà in vendita un dipinto di David Hockney, stimato tra i 12 e i 20 milioni di euro, per evitare di fallire. Nella stessa città, alcuni membri della Royal Academy of Arts hanno recentemente suggerito di vendere una scultura in marmo di Michelangelo, che potrebbe valere diversi milioni di euro, per evitare di licenziare 150 dipendenti, ovvero il 40% del team.

anne pasternak brooklyn museum 1 anne pasternak brooklyn museum 1

 

L'idea stessa ha scatenato l'interesse dell'artista e accademico britannico Patrick Brill, noto come Bob e Roberta Smith, che ha detto ad Art Newspaper che "permettere agli oligarchi e alle case d'asta di spogliare le collezioni del paese non è la risposta". Un punto di vista condiviso dal critico d'arte americano Christopher Knight.

 

Chiamando "imperdonabile" la decisione dell'Everson Museum di Siracusa di vendere un quadro di Jackson Pollock da Christie's il 6 ottobre, il Los Angeles Times ha condannato "la privatizzazione della proprietà pubblica" e "il crollo della sfera pubblica".

 

david hockney della royal opera house david hockney della royal opera house

Sovvenzioni pubbliche in Francia

 

Anche in Francia la decisione del Brooklyn Museum è oggetto di dibattito. "Una struttura si salva mettendo a repentaglio il cuore e il significato della sua missione?" chiede Cécile Debray, direttrice del Museo dell'Orangerie. "Vendendo una Cranach, il Brooklyn Museum sta certamente regalando l'opera di un artista morto da secoli, ma mette in prospettiva la funzione di un'opera e il valore dell'arte", deplora Bernard Blistène, direttore del National Museum of Modern Art, che si considera fortunato "a non lavorare in un'istituzione che deve confrontarsi con l'impiego di un individuo e la salvaguardia di un'opera d'arte".

camille corot collezione brooklyn museum camille corot collezione brooklyn museum patrick brill 1 patrick brill 1 lucas cranach collezione brooklyn museum lucas cranach collezione brooklyn museum brooklyn museum brooklyn museum patrick brill patrick brill royal academy of arts royal academy of arts berkshire museum 1 berkshire museum 1 berkshire museum berkshire museum

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute