“SAMO” TUTTI BASQUIAT – ACHILLE BONITO OLIVA E LA NUOVA MOSTRA, AL GUGGENHEIM DI NEW YORK, CON LE OPERE DEL GENIO NERO DEI GRAFFITI, SCOMPARSO NEL 1988 PER UN’OVERDOSE DI EROINA: “HA SOSTITUITO IL RITMO ABBREVIATO DEL RAP CON IL RESPIRO PROLUNGATO E DISTESO DI UN PROCESSO CREATIVO CHE CI HA CONSEGNATO CERTAMENTE NON OPERE EFFIMERE MA FORME ESPRESSIVE A FUTURA MEMORIA. CHE È L' ARTE, OMBRA PERENNE DI UNA VITA BREVE…”

-

Condividi questo articolo


 

Achille Bonito Oliva per “Robinson - la Repubblica”

 

defacement the untold story jean michel basquiat defacement the untold story jean michel basquiat

achille bonito oliva achille bonito oliva

Si intitola Defacement: The Untold Story la mostra di Jean- Michel Basquiat al Solomon R. Guggenheim Museum di New York, a cura di Chaédria La-Bouvier ( fino al 6 novembre). Titolo di un' opera dedicata allo street artist afroamericano Michael Stewart, morto dopo il suo arresto per i pestaggi della polizia. Basquiat ( 1960- 1988) è nato da padre haitiano e da madre portoricana ed è vissuto a Brooklyn fino a quattordici anni.

 

basquiat basquiat

Dopo tre anni a Portorico ritorna a New York iniziando la sua vita intensa e sradicata, nutrita fino al 1980 di graffitismo. Il set su cui si esprimono SAMO ( pseudonimo di Basquiat) e gli altri graffitisti è New York. Qui l' arte è welcome, se sospende il giudizio sulla società che la accoglie. Così sono bene accetti la vistosa messinscena della Pop Art e l' apparente cinismo della pittura fredda e distaccata di Andy Warhol.

 

defacement the untold story jean michel basquiat 6 defacement the untold story jean michel basquiat 6 samo basquiat 3 samo basquiat 3

I graffitisti, frutto di una periferia urbana per lo più nera e portoricana, rispondono con una autentica necessità espressiva. Con quella che Norman Mailer chiama " fede nei graffiti", slogan politici, frasi erotiche, richiami ermetici, scrittura libera e anonima, cromaticamente aggressiva e tracciata con immediatezza. SAMO e i suoi amici si esprimono utilizzando le pareti della metropolitana, con strumenti veloci come lo spray, con colori industriali, mediante un linguaggio fatto di immagini e parole.

 

BASQUIAT NEW YORK TIMES MAGAZINE BASQUIAT NEW YORK TIMES MAGAZINE jean michel basquiat andy warhol 12 jean michel basquiat andy warhol 12

Il risultato è una sintesi delle arti: parole, musica, danza, architettura, scenografia, movimento, che ricorda involontariamente quella definizione di arte totale che già Kandinskij e il futurismo con Marinetti avevano teorizzato. Un armamentario linguistico che con oggettiva allegria trova le sue origini anche nelle avanguardie storiche europee: la scomposizione della parola in lettere, l' onomatopea e la parolibera futurista, l' uso della danza dadaista e l' aggressività del linguaggio pubblicitario. Ora egli porta sulla tela la qualità astratto- figurativa, il carattere dichiarativo e narrativo, la forza esplicita e didascalica, lo stato di confusione e aggregazione spontanea degli elementi visivi.

 

defacement the untold story jean michel basquiat 7 defacement the untold story jean michel basquiat 7 Bruno Bischofberger con Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat e Francesco Clemente (New York,1984) Bruno Bischofberger con Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat e Francesco Clemente (New York,1984)

Sul piano linguistico, i rimandi sono molteplici, corrono nella direzione di Willem de Kooning per il taglio figurativo delle immagini, nella direzione di Cy Twombly per quanto riguarda la grafia elementare e verso quella dell' espressionismo astratto di Pollock, da cui il giovane artista americano recupera il furore del segno e la sua capacità di stabilire un avvolgimento dell' immagine.

basquiat con warhol basquiat con warhol senza titolo (sceriffo) jean michel basquiat senza titolo (sceriffo) jean michel basquiat

 

basquiat basquiat

Con una capacità di sintesi picassiana e una intelaiatura brut alla Dubuffet, Basquiat introduce nella sua epica visiva eroi neri da Malcom X a Charlie Parker, da Jesse Owens a Billie Holiday, che con la loro presenza elaborano il lutto storico di minoranze ghettizzate e magari utilizzate con falso orgoglio yankee. Le opere spesso sono divise in molti pannelli che separano superfici ricoperte di scritte, immagini e collage in rotta di collisione tra loro. Dell' esperienza graffitista Basquiat conserva l' immediatezza e la frontalità.

defacement the untold story jean michel basquiat 5 defacement the untold story jean michel basquiat 5

 

Ma le elabora e le filtra attraverso un senso costruttivo dell' immagine, un sistema d' ordine formale capace di recintare dentro il perimetro dell' opera le diverse forze che l' attraversano. Il disegno diventa la cifra stilistica che tempera ogni aggressività dell' immagine. Denuncia l' aspetto lirico e contemplativo di un giovane artista imbevuto anche di virtualità telematica. Le superfici non sono mai rigide ma pronte a slittamenti e intercambiabilità.

 

defacement the untold story jean michel basquiat 2 defacement the untold story jean michel basquiat 2

Se le prime opere riproducono lo stile afasico del rap, successivamente assumono anche il timbro compatto e squillante proveniente dalla memoria visiva di Ellsworth Kelly. La scrittura elementare di Basquiat riporta nel campo della rappresentazione l' essenzialità scheletrica di Klee, l' attitudine spirituale a spogliare l' immagine da ogni orpello. Appaiono scheletri e teschi intrecciati a scritte ed elementi del vissuto quotidiano.

defacement the untold story jean michel basquiat 1 defacement the untold story jean michel basquiat 1 achille bonito oliva achille bonito oliva

 

defacement jean michel basquiat defacement jean michel basquiat

Lo spazio della festa sembra presiedere a un' opera che corre dalla pittura alla scrittura e a rispettarne la definizione antropologica che non riconosce gerarchie tra alto e basso, destra e sinistra, tra il mondo adulto e quello infantile. Il referente di supporto diventa il muro, quello infinito e slabbrato che accompagna i passi dell' uomo portoricano o di quello del Bronx. I cicli pittorici portano spesso il sigillo di una corona, memoria del diritto d' autore graffitista, segno ironico di un' onnipotenza proveniente dall' attività creativa, l' unica capace di segnare alcuni intervalli nella deriva esistenziale dell' artista.

la hara jean michel basquiat la hara jean michel basquiat

 

defacement the untold story jean michel basquiat 3 defacement the untold story jean michel basquiat 3 defacement the untold story jean michel basquiat 4 defacement the untold story jean michel basquiat 4 jean michel basquiat jean michel basquiat

Il 12 agosto 1988 Basquiat muore a New York, vittima della sua deriva, malgrado la costruzione di un' opera che ha abbandonato ogni periferia e raggiunto il centro dell' attenzione internazionale. Ha sostituito il ritmo abbreviato del rap con il respiro prolungato e disteso di un processo creativo che ci ha consegnato certamente non opere effimere ma forme espressive a futura memoria. Che è l' arte, ombra perenne di una vita breve.

jean michel basquiat 8 jean michel basquiat 8 jean michel basquiat 7 jean michel basquiat 7 achille bonito oliva achille bonito oliva achille bonito oliva achille bonito oliva achille bonito oliva achille bonito oliva samo basquiat 4 samo basquiat 4 samo basquiat 1 samo basquiat 1 il trittico river nile di basquiat il trittico river nile di basquiat jean michel basquiat andy warhol 11 jean michel basquiat andy warhol 11 jean michel basquiat 6 jean michel basquiat 6 jean michel basquiat 9 jean michel basquiat 9 warhol, basquiat, bruno bischofberger, francesco clemente warhol, basquiat, bruno bischofberger, francesco clemente andy warhol e keith haring andy warhol e keith haring andy warhol espone se stesso alla mostra di eric goode andy warhol espone se stesso alla mostra di eric goode basquiat madonna basquiat madonna basquiat e madonna basquiat e madonna andy warhol nel suo studio andy warhol nel suo studio anita sarko anita sarko basquiat basquiat Madonna e Basquiat Madonna e Basquiat BASQUIAT 8 BASQUIAT 8 BASQUIAT 3 BASQUIAT 3 BASQUIAT MADONNA 1 BASQUIAT MADONNA 1 BASQUIAT MADONNA 2 BASQUIAT MADONNA 2 BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT BASQUIAT warhol e basquiat 1985 by michael halsband warhol e basquiat 1985 by michael halsband omaggio di banksy a basquiat copia omaggio di banksy a basquiat copia basquiat basquiat

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)