-

DISCESA AL CENTRO DELLA TERRA – VIAGGIO NELL'ALGAR DO CARVÃO, LA CAVERNA VULCANICA PROFONDA 90 METRI SULL'ISOLA DI TERCEIRA, NELLE AZZORRE: SI È FORMATA CIRCA 3.200 ANNI FA DOPO CHE IL MAGMA FUORIUSCITO DAL CAMINO PRINCIPALE SI È RITIRATO NELLA CAMERA MAGMATICA – LA SUA ESISTENZA ERA NOTA DA TEMPO MA LA PROFONDITÀ E LA MANCANZA DI LUCE RENDEVANO DIFFICOLTOSA QUALSIASI DISCESA - SOLO NEL GENNAIO 1893… VIDEO

-
-

Condividi questo articolo


 

Da "www.lastampa.it"

 

algar do carvao 2 algar do carvao 2

L'Algar do Carvão è una caverna vulcanica profonda 90 metri sull'isola di Terceira nelle Azzorre. Si è formata circa 3.200 anni fa dopo che il magma fuoriuscito dal camino principale si è ritirato nella camera magmatica. L'Algar è situato all'interno della caldera del Guilherme Moniz, a 640 m di altezza. La sua esistenza era nota da tempo, ma la profondità e la mancanza di luce, rendeva difficoltosa qualsiasi discesa.

 

algar do carvao 3 algar do carvao 3

Nel gennaio 1893 con l'uso di una semplice corda Cândido Corvelo e Luis Sequeira riuscirono a scendere. All'interno è possibile osservare le pareti di lava nere e le cupole create dai tentativi di uscita dalla lava.

 

L'Algar è popolato da una vegetazione che copre l'imboccatura del cono e ospita diverse specie di invertebrati come il ragno cavernoso Turinyphia cavernicola. Solo alla fine del 20esimo secolo è possibile ai turisti accedervi e trovarsi nel cuore di un vulcano.

algar do carvao 4 algar do carvao 4 algar do carvao 1 algar do carvao 1 algar do carvao 10 algar do carvao 10 algar do carvao 11 algar do carvao 11 algar do carvao 8 algar do carvao 8 algar do carvao 6 algar do carvao 6 algar do carvao 9 algar do carvao 9 algar do carvao 5 algar do carvao 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI