HO VOYEUR DI UNA SEGA – UN 40ENNE È STATO CONDANNATO PER AVER FILMATO UNA DONNA NUDA E PRIVA DI SENSI IN UNA CAMERA D’ALBERGO DI LONDRA: LA VITTIMA NON SI RICORDAVA NEMMENO COME ERA ARRIVATA NELLA STANZA E LO AVEVA DENUNCIATO PER STUPRO – LUI AVEVA SEMPRE PARLATO DI INCONTRO CONSENSUALE MA, ACCERTATO CHE NON C’ERA STATA LA VIOLENZA SESSUALE, I GIUDICI LO HANNO INCASTRATO PER IL VIDEO PORCELLO…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

emily hunt 2 emily hunt 2

Un uomo è stato condannato per aver filmato una donna nuda in una stanza d'albergo mentre era priva di sensi. Christopher Killick, 40 anni, ha registrato una clip di 62 secondi di Emily Hunt, 41 anni, in un hotel nella zona est di Londra nel 2015. La donna non si ricorda affatto come fosse arrivata in quella stanza, ma ha sempre sostenuto di essere stata drogata e stuprata.

 

In realtà le accuse di violenza sessuale sono decadute per mancanze di prove, ma sul telefono dell’uomo la polizia ha trovato un filmato della donna nuda. L’uomo ha ammesso di aver registrato il video per proprio piacere personale, ma ha sempre sostenuto che l’incontro fosse consensuale.

christopher killick 2 christopher killick 2

 

In sei diverse occasioni il Crown Prosecution Service (CPS) ha detto alla signora Hunt che quanto era accaduto non era illegale. Ma a gennaio, i giudici che stavano esaminando un caso separato presso la Corte d'appello hanno stabilito che filmare un partner durante il sesso senza il consenso è voyeurismo e Killick è stato successivamente accusato. Dovrà pagare una multa di 2mila sterline e prestare servizio alla comunità per 30 mesi.

voyeur centro commerciale voyeur centro commerciale voyeur voyeur christopher killick 1 christopher killick 1 emily hunt 1 emily hunt 1 voyeur 1 voyeur 1 voyeur 10 voyeur 10 voyeur 2 voyeur 2 voyeur 3 voyeur 3 voyeur 4 voyeur 4 voyeur 5 voyeur 5 voyeur 6 voyeur 6 voyeur 7 voyeur 7 voyeur 8 voyeur 8 emily hunt 4 emily hunt 4 voyeur 9 voyeur 9 emily hunt 3 emily hunt 3 voyeur1 voyeur1 voyeur voyeur voyeur2 voyeur2 voyeur voyeur

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”