HO VOYEUR DI UNA SEGA – UN 40ENNE È STATO CONDANNATO PER AVER FILMATO UNA DONNA NUDA E PRIVA DI SENSI IN UNA CAMERA D’ALBERGO DI LONDRA: LA VITTIMA NON SI RICORDAVA NEMMENO COME ERA ARRIVATA NELLA STANZA E LO AVEVA DENUNCIATO PER STUPRO – LUI AVEVA SEMPRE PARLATO DI INCONTRO CONSENSUALE MA, ACCERTATO CHE NON C’ERA STATA LA VIOLENZA SESSUALE, I GIUDICI LO HANNO INCASTRATO PER IL VIDEO PORCELLO…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

emily hunt 2 emily hunt 2

Un uomo è stato condannato per aver filmato una donna nuda in una stanza d'albergo mentre era priva di sensi. Christopher Killick, 40 anni, ha registrato una clip di 62 secondi di Emily Hunt, 41 anni, in un hotel nella zona est di Londra nel 2015. La donna non si ricorda affatto come fosse arrivata in quella stanza, ma ha sempre sostenuto di essere stata drogata e stuprata.

 

In realtà le accuse di violenza sessuale sono decadute per mancanze di prove, ma sul telefono dell’uomo la polizia ha trovato un filmato della donna nuda. L’uomo ha ammesso di aver registrato il video per proprio piacere personale, ma ha sempre sostenuto che l’incontro fosse consensuale.

christopher killick 2 christopher killick 2

 

In sei diverse occasioni il Crown Prosecution Service (CPS) ha detto alla signora Hunt che quanto era accaduto non era illegale. Ma a gennaio, i giudici che stavano esaminando un caso separato presso la Corte d'appello hanno stabilito che filmare un partner durante il sesso senza il consenso è voyeurismo e Killick è stato successivamente accusato. Dovrà pagare una multa di 2mila sterline e prestare servizio alla comunità per 30 mesi.

voyeur centro commerciale voyeur centro commerciale voyeur voyeur christopher killick 1 christopher killick 1 emily hunt 1 emily hunt 1 voyeur 1 voyeur 1 voyeur 10 voyeur 10 voyeur 2 voyeur 2 voyeur 3 voyeur 3 voyeur 4 voyeur 4 voyeur 5 voyeur 5 voyeur 6 voyeur 6 voyeur 7 voyeur 7 voyeur 8 voyeur 8 emily hunt 4 emily hunt 4 voyeur 9 voyeur 9 emily hunt 3 emily hunt 3 voyeur1 voyeur1 voyeur voyeur voyeur2 voyeur2 voyeur voyeur

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

25 ANNI FA SPUNTÒ A ROMA UN CLUB IN MODALITÀ DARK-ROOM: AL "DEGRADO" SI FACEVA SESSO SENZA REMORE, IN MEZZO A TUTTI. UNO ‘’SBORRIFICIO” CHE NON HA AVUTO EGUALI E CHE DEMOLÌ I MURI DIVISORI TRA I GENERI SESSUALI: ETERO-BI-GAY-LESBO-TRANS-VATTELAPESCA - PER 9 ANNI, “CARNE ALLEGRA” PER TUTTI. OGNUNO VENIVA E SI FACEVA I CAZZI SUOI, E QUELLI DEGLI ALTRI. IL "DEGRADO'' POTEVA ESSERE RIASSUNTO IN UNA DOMANDA: CHI È NORMALE? - DAGO-INTERVISTA ALL’ARTEFICE DEL BORDELLO: “SCORTATA DA MATTEO GARRONE, UNA NOTTE È APPARSA PINA BAUSCH IMPEGNATA IN UNO SPETTACOLO AL TEATRO ARGENTINA. SI ACCENDONO LE LUCI E UNA TRAVESTITA URLA: “AO' SPEGNETELE!”. E IO: “MA SEI MATTO, C'È PINA BAUSCH...”. E LEI: “MA IO STAVO A FA’ UN BOCCHINO. NUN ME NE FREGA ‘N CAZZO DE 'STA PINA!”

DAGOFILOSOFIA: ‘’IL PENSIERO DEBOLE” SPIEGATO AL POPOLO - ADDIO SCUDO CROCIATO, IN SOFFITTA FALCE E MARTELLO, BENVENUTI NEGLI ANNI OTTANTA. SI È CHIUSO IL CICLO DELLA POLITICIZZAZIONE. A CHE SERVE, ARMATI DI SACRA IDEOLOGIA, SCAVARE ALLA RICERCA DELLA “VERITÀ” QUANDO POI, UNA VOLTA RISALITI IN SUPERFICIE, QUELLA “VERITÀ” NON CI SERVE A UN CAZZO, VISTO LA VELOCITÀ DEI CAMBIAMENTI NELLA SOCIETÀ? LA REALTÀ VA FRONTEGGIATA CON “DEBOLEZZA”, A MO’ DI UN SURFISTA CHE SA BENE CHE AFFRONTANDO L’ONDA FINIRÀ A GAMBE ALL’ARIA, MEGLIO CAVALCARLA E ARRIVARE ALLA RIVA…

DAGOREPORT! GIORGIA IN AMBASCE: E ADESSO, CHE SI FA CON LA PITONESSA? SCARTATO IL RIMPASTO DI GOVERNO, CON SALVINI E TAJANI CHE NON VEDONO L’ORA DI REGOLARE I CONTI, PER LA DUCETTA LA VIA PIÙ SEMPLICE È SOSTITUIRE L’ESUBERANTE MINISTRA. SE NON RASSEGNA LE DIMISSIONI, GIÀ È PRONTA UNA MOZIONE PARLAMENTARE DI SFIDUCIA DA PARTE DI PD E M5S - CONVINCERE LA “CRUDELIA DE MONA” A FARSI DA PARTE NON SARÀ UN’IMPRESA SEMPLICE: GODE DELLA PROTETTIVA AMICIZIA DELLA SECONDA CARICA DELLO STATO, IGNAZIO LA RUSSA E LEI SA BENISSIMO CHE, IN CASO DI DIMISSIONI, LA SUA VITA POLITICA VERRÀ INGHIOTTITA IN UN CONO D’OMBRA PER SCOMPARIRE TRA GLI OMBRELLONI-CHIC DEL TWIGA A FARE LA BAGNINA - L’IRA DELLA DANIELONA CI STA TUTTA. MA NON È IL CASO DI BUTTARLA SUL COMPLOTTISMO: IN POLITICA L’ARROGANZA NON PAGA MAI, PRIMA O POI LA RUOTA GIRA E QUEL FASCICOLO CHE STAVA ABBANDONATO IN UN CASSETTO DELLA PROCURA, MAGARI PERCHÉ NON SI TROVAVA MAI IL TEMPO DI SEGUIRLO, DI COLPO RICOMPARE BELLO E SPOLVERATO SULLA SCRIVANIA DEI PM…