“MI HA LASCIATO PERCHE’ NON LE REGALAVO PIU’ I TULIPANI” - LO SFOGO DELL’EX FIDANZATO DI NOEMI LETIZIA, LUIGI OLIVA: “STAVAMO PIANIFICANDO DI ANDARE A VIVERE INSIEME, DI SPOSARCI, ALLARGARE LA FAMIGLIA. INVECE SI È SENTITA TRASCURATA. È BASTATO CHE INDIRIZZASSI LE MIE ATTENZIONI SUL LAVORO PER FARLA INFURIARE. E IO L’HO PROVOCATA, LO AMMETTO: VOLEVO METTERLA ALLA PROVA E COSÌ LE HO DETTO DI..."

-

Condividi questo articolo

Anticipazione stampa da OGGI

 

luigi oliva noemi letizia luigi oliva noemi letizia

Si è conclusa a fine giugno la storia d’amore tra Noemi Letizia, nota come la Papi girl di Berlusconi, e Luigi Oliva, imprenditore di auto di lusso e immobiliare ed ex compagno di Pamela Prati. E lui, raggiunto da OGGI, si sfoga: «Cosa è successo? Se devo essere sincero, non l’ho capito bene nemmeno io. Quello che so è che questa rottura mi ha annientato. Mi sento ferito e usato».

 

luigi oliva noemi letizia luigi oliva noemi letizia

E spiega a OGGI, in edicola da domani: «Stavamo pianificando di andare a vivere insieme al Nord, sul lago di Garda dove ho la mia attività, di sposarci, allargare la famiglia. Invece… lei si è sentita trascurata. La mia colpa? Ho dimenticato di regalarle i tulipani, che ama tanto. È bastato che indirizzassi le mie attenzioni sul lavoro per farla infuriare. E io l’ho provocata, lo ammetto: volevo metterla alla prova e così le ho detto di prenderci una pausa… Poi non ha voluto nemmeno vedermi, ha rifiutato le mie chiamate. Dopo l’immenso e incondizionato amore che mi dato, mi ha cancellato con un clic come ha fatto con le foto… Non averla accanto è come vivere un lutto. Ho perso sette chili, sono uno straccio».

luigi oliva noemi letizia luigi oliva noemi letizia

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute