MEJ COJ***! - ''SULLA LUNA CI SIAMO STATI O NO? PER ME NO''. IL GIORNALISTA IVO MEJ SUL SITO DEL ''FATTO'' PROMUOVE IL DOCUMENTARIO ''AMERICAN MOON'' (VIDEO), ''DUE ORE DI SERENA E PLAUSIBILE CONFUTAZIONE DELLA VERITÀ UFFICIALE SULLA LUNA'' - IL DEBUNKER PAOLO ATTIVISSIMO: ''FANDONIE DI UN GIORNALISMO INCAPACE DI ESSERE OBIETTIVO. CERTO CHE CI SIAMO ANDATI: ECCO PERCHÉ''

-

Condividi questo articolo


PAOLO ATTIVISSIMO CONTRO L'ARTICOLO DI IVO MEJ:

 

 

''LUNA? SÌ, CI SIAMO ANDATI!'', FREE-BOOK DI PAOLO ATTIVISSIMO

 

https://lunasicisiamoandati.blogspot.com/

 

 

VIDEO - IL TRAILER DI ''AMERICAN MOON''

 

 

Ivo Mej per www.ilfattoquotidiano.it

 

la prima impronta umana sulla luna la prima impronta umana sulla luna

Insomma, ci siamo stati o no? Per quello che può interessare ai lettori de Il Fatto Quotidiano, la mia personale opinione è che no, sulla Luna non si saremmo mai potuti andare con la tecnologia degli anni 60, tant’è vero che non riusciamo ad andarci neanche oggi. Ma naturalmente della mia opinione chissenefrega, e poi come è possibile che in mezzo secolo non sia mai venuta fuori la verità sulla conquista mai avvenuta del nostro satellite?

 

Per fortuna, esistono altri positivisti-scientisti oltre al sottoscritto, non inclini ad accettare qualsiasi cosa venga loro propinata dalla propaganda di turno, ma determinati a verificare le miriadi di supercazzole inventate dalla Nasa in 50 anni per compiacere i presidenti di turno. E’ il caso di Massimo Mazzucco – uno che di professione ha fatto il fotografo prima di diventare regista e di immagini se ne intende – e del suo incredibile documentario American Moon, oltre due ore di serena e plausibile confutazione della verità ufficiale sulla Luna.

passeggiata lunare passeggiata lunare

 

Come molti sanno, la “teoria del complotto lunare” corrente vorrebbe il regista Stanley Kubrick coinvolto in prima persona dalla Nasa per simulare la conquista della Luna. Moltissimi gli indizi in merito, riportati anche in un altro incantevole documentario di Rodney AshnerRoom 237, del 2012. Un altro indizio sulla stretta connessione tra Kubrick e la Nasa è la costruzione da parte dell’Ente spaziale americano di un obiettivo fatto appositamente per il film di Kubrick Barry Lyndon. Perché la Nasa avrebbe speso ingenti fondi per studiare e realizzare un obiettivo tanto speciale per il regista? Perché non glielo fece neanche pagare? Un semplice omaggioall’autore di 2001 Odissea nello spazio (anno: 1968)?

 

aldrin sulla luna aldrin sulla luna

Ma a tutto questo Mazzucco non accenna neanche. Di Kubrick nessuna traccia in American Moon. Invece, per tagliare le gambe a tutti i debunker sfata-tesi, il regista gioca d’anticipo, confutando dall’inizio e scientificamente tutte le loro critiche. Il principale debunker e avversario da sempre di Mazzucco è il solito Paolo Attivissimo, di nome e di fatto nel tentare di intorbidire le acque della vicenda lunare.

 

Ma naturalmente ci sono anche fior di fotografi professionisti, interpellati da Mazzucco sulle caratteristiche tecniche delle immagini “riportate” dalla Luna. Bene, nessuno tra Oliviero ToscaniToni ThorimbertAldo FallaiPeter Lindbergh e Nicola Pecorini riesce a spiegare la stranezza di tutte quelle immagini degli “allunaggi” se non con la loro realizzazione in uno studio fotografico. Per non parlare di uno degli argomenti principe della impossibilità di arrivare sulla Luna: l’attraversamento delle micidiali Fasce di Van Allen, in grado di “friggere” qualsiasi apparato radio (non parliamo dei corpi degli astronauti).

 

Non posso certo riportare qui tutte le incongruenze logiche, le strane dimissioni, le ammissioni a mezza bocca dei dirigenti Nasa presenti nel film, ma voglio ricordare che nel 1994 un altro regista, l’americano Bart Sibrel, tentò di fare giurare sulla Bibbia Neil ArmstrongBuzz Aldrin e Michael Collins di essere davvero stati sulla Luna. Nessuno di loro volle farlo.

Corsa sul Lunar Rover per gli astronauti dellApollo quindici Corsa sul Lunar Rover per gli astronauti dellApollo quindici

 

Il documentario American Moon verrà proiettato il 15 luglio al Teatro Eliseo di Roma, esattamente cinque giorni prima del cinquantenario di quella che potrebbe essere ricordata come la più gigantesca fake news della storia.

Astronauta William Anders fu il primo a scattare una foto alla terra dalla luna Contro le direttive Astronauta William Anders fu il primo a scattare una foto alla terra dalla luna Contro le direttive iss luna iss luna Apollo dodici fu la seconda missione a toccare la luna Apollo dodici fu la seconda missione a toccare la luna buzz aldrin sulla luna 21 luglio 1969 buzz aldrin sulla luna 21 luglio 1969

 

missione apollo 17 missione apollo 17 impronta di un astronauta della missione apollo 11 impronta di un astronauta della missione apollo 11 buzz aldrin esce dal modulo lunare della spedizione apollo 11 buzz aldrin esce dal modulo lunare della spedizione apollo 11 jim lovell di apollo 8 fotografa la terra jim lovell di apollo 8 fotografa la terra la luna fotografata durante missione apollo 8 dicembre 1968 la luna fotografata durante missione apollo 8 dicembre 1968 spedizione apollo 11 spedizione apollo 11 terra fotografata durante missione apollo 16 terra fotografata durante missione apollo 16 superficie lunare missione apollo 11 superficie lunare missione apollo 11 passeggiata spaziale durante missione apollo 9 passeggiata spaziale durante missione apollo 9 raccolta campione di roccia missione apollo 16 raccolta campione di roccia missione apollo 16 harrison schmitt su apollo 17 harrison schmitt su apollo 17 ron evans si fa la barba su apollo 17 ron evans si fa la barba su apollo 17 modulo di servizio spedizione apollo 11 modulo di servizio spedizione apollo 11 aldrin nel modulo lunare di apollo 11 aldrin nel modulo lunare di apollo 11 astronauta raccoglie un campione di roccia astronauta raccoglie un campione di roccia bandiera americana sulla luna luglio 1969 bandiera americana sulla luna luglio 1969 neil armstrong spedizione apollo 11 neil armstrong spedizione apollo 11

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO