''CI SONO ALMENO 40MILA CONTAGIATI INCONSAPEVOLI'' - NINO CARTABELLOTTA, CHE HA CREATO LA PRINCIPALE BANCA DATI SUL VIRUS: ''NON È CHE IL 7% MUORE E UN ALTRO 7% VA IN TERAPIA INTENSIVA. I POSITIVI SONO MOLTI DI PIÙ. IN QUESTA FASE NON SI ESEGUONO PIÙ TAMPONI A TAPPETO, VEDIAMO SOLO LA PUNTA DELL'ICEBERG - IL VIRUS È MOLTO PIÙ VELOCE DELLE DECISIONI POLITICHE. SE NE FREGA DEL CONSENSO SOCIALE E DELLE PREOCCUPAZIONI PER L'ECONOMIA''

-

Condividi questo articolo

 

Giuseppe Salvaggiulo per “la Stampa

 

«Attenti ai numeri: se male interpretati, rischiano di farci commettere altri errori», ammonisce Nino Cartabellotta, medico e presidente della fondazione Gimbe, la principale data room sul coronavirus, interpellata anche dall' estero.

«Il cittadino si fa l' idea che il 7% dei contagiati muore, e un altro 7% va in terapia intensiva. Ma è una distorsione ottica».

 

In che senso?

nino cartabellotta nino cartabellotta

«Il numero dei contagiati è di gran lunga superiore. Noi vediamo la punta dell' iceberg».

 

Come mai?

«In questa fase dell' epidemia si è deciso giustamente di non eseguire più i tamponi a tappeto, limitandoli a specifiche categorie».

 

Quanto è grande tutto l' iceberg?

«Sotto il pelo dell' acqua vedremmo tutti i positivi asintomatici o con sintomi simil influenzali lievi, che secondo la letteratura internazionale riferita alla Cina sono l' 81% dei contagiati. Ipotizzando che la gravità dell' epidemia in Italia sia uguale, vuol dire che abbiamo almeno 40 mila contagiati non censiti».

 

Con quali conseguenze?

«Il lato positivo è che il tasso di letalità, ovvero il rapporto morti/contagiati, è molto più basso Quello negativo è che questi 40 mila non sanno di essere contagiati e possono comportarsi senza le cautele necessarie».

 

Cioè sono untori a loro insaputa?

«Essi non rischiano nulla, ma possono inconsapevolmente provocare danni gravi alla salute di altre persone, soprattutto quelle più fragili con sovraccarico degli ospedali. Bisognava spiegarlo bene e subito: state a casa».

 

Perché non è stato fatto?

«Per tranquillizzare la popolazione».

 

Come sta evolvendo la situazione?

«La curva dei contagi cresce con una media giornaliera intorno al 20%. Quindi il numero assoluto dei casi raddoppia ogni 4-5 giorni. Quando la curva comincerà a flettere per diversi giorni potremo dire che le misure stanno funzionando».

nino cartabellotta nino cartabellotta

 

Che significato ha il record di morti su base giornaliera?

«L' incremento è concentrato in Lombardia. Temo sia il sintomo di un sistema sanitario che comincia a essere stressato. Ma si comincia a morire di più anche nel resto del Paese».

 

Qual è l' evoluzione dal punto di vista geografico?

«Noi analizziamo i dati su tre macrocontenitori. Quello dei primi focolai: Lombardia, Emilia Romagna e Veneto; quello delle regioni limitrofe: Piemonte, Marche e Liguria, a cui ora si è aggiunta la Toscana; il centro-sud. E constatiamo che hanno curve analoghe, ma temporalmente distanziate. Negli ultimi giorni la crescita di nuovi casi è rallentata in Lombardia al 13% e si sta impennando nel Centro-Sud al 30%».

 

Che cosa vuol dire, per i prossimi giorni?

«Se le persone non seguono le misure del governo, al Sud sarà un disastro».

 

STARNUTO STARNUTO

Il blocco totale del Paese è arrivato tardi?

«Il 2 marzo avevo detto pubblicamente di applicarlo subito. I numeri lo suggerivano».

 

Perché non lo si è fatto?

«C' è stato un eccesso di prudenza per le conseguenze economiche e un eccesso di imprudenza per quelle sanitarie.

Si è preferito assecondare l' espansione del virus creando dei confini geografici con misure differenziate e graduali».

 

Non ha funzionato il contenimento in Lombardia?

«Bisognava imparare dalla Cina, cinturando subito tutta la Lombardia con Piacenza, che è una derivazione dello stesso focolaio. Invece, limitando la zona rossa ai dieci Comuni lodigiani, s' è dato al virus la possibilità di propagarsi. Le conseguenze le vediamo a Bergamo e Brescia».

soldati alla zona rossa turano lodigiano soldati alla zona rossa turano lodigiano

 

Qual è la lezione?

«Il virus è molto più veloce delle decisioni politiche. Se ne frega del consenso sociale e delle preoccupazioni per l' economia. Lo diciamo anche a chi ci chiede informazioni dall' estero».

 

Come mai c' è ancora confusione su mascherine, posti letto, ventilatori polmonari?

«A fine gennaio non è stato preparato un piano pandemico, per farsi trovare preparati.

la pulizia degli uffici postali della zona rossa 4 la pulizia degli uffici postali della zona rossa 4

Ora è tardi, in alcune aree del paese valgono le regole della medicina delle catastrofi».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL PIANO DI MACRON, SANCHEZ, CONTE, ETC.: EUROBOND CON LA GARANZIA DELL'EUROPA FINALIZZATI SOLO ALL’EMERGENZA DEL CORONAVIRUS CON UNA COMMISSIONE CHE VERIFICHERÀ L’UTILIZZO DEI FONDI DEI VARI PAESI - LA SITUAZIONE È NELLE MANI DI TRE TEDESCHI (HOYER, URSULA E REGLING) DA UNA PARTE, DALL’ALTRA IL PRESIDENTE DELLA BCE CHRISTINE LAGARDE CON FABIO PANETTA CHE LA CONTROLLA (A LUI SI DEVE IL CAMBIO DI ROTTA DELLA FRANCESE), PIÙ DAVID SASSOLI - IL PROSSIMO PASSO DI CONTE: LO STATO GARANTIRA' I PRESTITI DELLE BANCHE ALLE IMPRESE - SI STA STUDIANDO L'ALLENTAMENTO DEL LOCKDOWN: SECONDO GLI ESPERTI IL 16 APRILE DOVREBBE FERMARSI L’ECATOMBE E DAL 18 SI POTREBBE PARTIRE CON UNA CAUTA RIAPERTURA

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute