IL 77% DEI CONTAGI SONO IN FAMIGLIA E I RISTORATORI S'INCAZZANO: ''PAGHIAMO NOI LE COLPE DI ALTRI'' - GESTORI DI BAR E PUB, ANIMATORI DELLA ''MOVIDA'' NON ACCETTANO LE NUOVE RESTRIZIONI IN ARRIVO: ''NOI SIAMO ATTIVI DA MAGGIO E NON ERA SUCCESSO NULLA'' - CHIUSURA A MEZZANOTTE, VENDITA DI ALCOLICI CONSENTITA FINO ALLE 22, DIVIETO DI ASSEMBRAMENTO DAVANTI AI LOCALI DALLE 21 ALLE 6

-

Condividi questo articolo

Niccolò Carratelli per ''La Stampa''

 

movida roma movida roma

La vivono come una punizione ingiustificata. Ristoratori, gestori di bar e pub, animatori della movida, si sentono di pagare per colpe non loro. Non accettano le nuove restrizioni che, salvo ripensamenti del governo, verranno previste nel Dpcm in arrivo. Chiusura a mezzanotte, vendita di alcolici consentita fino alle 22, divieto di assembramento davanti ai locali dalle 21 alle 6. In teoria l' impatto sui ristoranti dovrebbe essere limitato. Anche se, con le regole anti Covid e la riduzione di tavoli e posti a sedere, molti si sono organizzati con un doppio turno di prenotazioni e il secondo gruppo di clienti spesso finisce di mangiare ben oltre mezzanotte, soprattutto al Sud.

 

Più pesanti le ripercussioni per pub e locali notturni, che di fatto iniziano a lavorare bene dalle 22 e vedrebbero ridursi l' orario di maggior frequentazione. Ancora peggio per le attività più piccole, quelle con poco spazio interno, che vivono soprattutto grazie all' asporto e alimentano la movida in piazze e strade. Esattamente quella che si vuole cercare di arginare. «È sbagliato il presupposto, l' aumento dei contagi dell' ultimo mese non dipende certo da noi, che siamo ripartiti a maggio - dice Lino Enrico Stoppani, presidente della Fipe Confcommercio - penalizzare il nostro settore sarebbe autolesionista per il Paese».

 

MOVIDA A PONTE MILVIO MOVIDA A PONTE MILVIO

Un settore che comprende «300mila imprese e dà lavoro a un milione e 200mila persone», che sta faticosamente cercando di riprendersi dopo il lockdown, con «cali del fatturato del 30-40% rispetto al periodo pre-Covid. Per questo qualsiasi nuova limitazione imposta ora ci taglia le gambe». Insomma, si sbaglia bersaglio, rischiando di affossare molte attività senza frenare la diffusione del virus. «La mala movida si svolge fuori dai locali, anzi spesso dopo la loro chiusura, quando le piazze diventano terra di nessuno - spiega Giancarlo Banchieri, presidente della Fiepet Confesercenti - e poi chi può garantire che, quando pub e bar chiudono, la gente vada a casa? Quello che serve è una maggior presenza delle forze dell' ordine nelle zone della vita notturna, più controlli e più multe».

 

coronavirus movida 1 coronavirus movida 1

I gestori sono arrabbiati perché «ci siamo impegnati per applicare le norme, abbiamo investito per adeguare gli spazi, garantire distanze e sicurezza - attacca Banchieri - non possiamo essere puniti perché vogliamo fare il nostro lavoro, non ci stiamo a fare il capro espiatorio di tutti i mali». Ma c' è anche chi prova ad aggirare le regole, come quei locali in cui viene consentito il ballo, nonostante il divieto di «attività danzanti» previsto dall' ordinanza del 16 agosto del ministro della salute Roberto Speranza, che aveva chiuso le discoteche. «Chi viola le norma va sanzionato - dicono in coro Stoppani e Banchieri - ma per pochi che sbagliano non si può criminalizzare un intero settore».

 

 

movida a ponza alla faccia del virus 1 movida a ponza alla faccia del virus 1

La prospettiva di un' altra fase di restrizioni deve necessariamente essere accompagnata da un nuovo piano di aiuti: «Da una parte per sostenere il costo del lavoro, il pagamento degli affitti e delle bollette, a cominciare dalla Tari - precisa Banchieri - dall' altra con ulteriori forme di credito, prestiti più elevati rispetto a quelli previsti dal decreto di aprile e con tempi di restituzione più lunghi. L' incertezza sui prossimi mesi è un macigno».

movida movida

 

Condividi questo articolo

media e tv

INNAMORATE DI UN BANCOMAT DAL VOLTO DISUMANO - SARA CROCE: ''HORMOZ VASVI MI TRATTAVA COME UNA REGINA. REGALI, VIAGGI. POI SI È RIVELATO ORRENDO. UNA VOLTA ERO INDISPOSTA E NON POTEVO ASSECONDARLO, MI TRATTÒ MALISSIMO. ORA L'HO DENUNCIATO PER STALKING DOPO I 450 MESSAGGI MANDATI A MIO ZIO IN CUI DICEVA…'' - LORY DEL SANTO: "MILIARDARI CHE CHIEDONO INDIETRO I REGALI? E' SUCCESSO ANCHE A ME - NON L'HO MAI RACCONTATO MA UNA VOLTA SONO STATA ABUSATA UNA INTERA NOTTE IN UNA STANZA DALL'ALBERGO. PICCHIATA E TORTURATA. NON HO DENUNCIATO, PERCHE'…''

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...