ALT: IL VAIOLO DELLE SCIMMIE PUÒ ESSERE TRASMESSO DALL’UOMO AL CANE! UN PRIMO CASO SOSPETTO È STATO DOCUMENTATO A PARIGI, DOVE UN LEVRIERO HA MANIFESTATO LE TIPICHE LESIONI CUTANEE E MUCOSE DELLA MALATTIA, A 12 GIORNI DI DISTANZA DAI SUOI PADRONI, CON CUI DORMIVA – INTANTO LA NUOVA PANDEMIA DILAGA: I CASI SONO CIRCA 35MILA, DI CUI 7500 NELL’ULTIMA SETTIMANA, IL 20% IN PIÙ DI QUELLA PRECEDENTE

-

Condividi questo articolo


VAIOLO DELLE SCIMMIE VAIOLO DELLE SCIMMIE

1 - VAIOLO SCIMMIE: OMS, 35MILA CASI IN UNA SETTIMANA, +20%

(ANSA) - Circa 35mila i casi di vaiolo delle scimmie da 92 Paesi, con 12 decessi. Circa 7.500 sono stati registrati la scorsa settimana, il 20% in più delle settimana precedente quando l'incremento era stato del 20%. Lo ha riportato il direttore generale dell'OMS, Tedros Ghebreyesus nel corso della conferenza stampa dell'Oms. La maggior parte dei casi da Europa e America.

 

2 - VAIOLO DELLE SCIMMIE: L'ORIGINE DELLA MALATTIA, COME CI SI CONTAGIA E QUANTO DURA IL PERIODO DI INCUBAZIONE

Da www.ansa.it

 

pustole vaiolo delle scimmie pustole vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie in alcuni pazienti potrebbe non presentare sintomi evidenti e ciò potrebbe rendere più difficile contenere la diffusione del virus. Il timore circola nella comunità scientifica dall'inizio dell'epidemia, ora nuovi indizi arrivano da un'indagine condotta all'Hôpital Bichat-Claude Bernard di Parigi e pubblicata su Annals of Internal Medicine.

 

I medici francesi hanno sottoposto a test per il vaiolo delle scimmie i tamponi rettali di 200 persone che svolgevano regolarmente controlli per altre malattie infettive nella struttura sanitaria. Di queste, 13 sono risultate positive al vaiolo delle scimmie pur non avendo mai presentato alcun segno caratteristico della malattia.

 

vaiolo delle scimmie vaiolo delle scimmie

Due di essi, nei giorni successivi ai test, hanno avuto manifestazioni della malattia, ma i rimanenti 11 sono rimasti completamente asintomatici. Non è la prima volta che emergono casi di persone asintomatiche positive al vaiolo delle scimmie: a fine giugno, per esempio, tre casi erano stati riportati da ricercatori di una clinica belga in uno studio su the Lancet.

 

A oggi non è chiara l'estensione del fenomeno. Inoltre "non è noto se la positività indichi una diffusione virale tale da portare alla trasmissione dell'infezione", spiegano i ricercatori. Se così fosse, sarebbe più difficile interrompere le catene di contagio: per esempio "la pratica della vaccinazione ad anello intorno a persone sintomatiche con infezione da vaiolo delle scimmie potrebbe non essere sufficiente per contenere la diffusione", scrivono.

 

Vaiolo delle scimmie si trasmette anche da uomo a cane? Il caso del levriero con il virus

vaccino contro il vaiolo delle scimmie vaccino contro il vaiolo delle scimmie

Da www.blitzquotidiano.it

 

Il virus del vaiolo delle scimmie potrebbe essere trasmesso dall’uomo al cane: un primo caso sospetto documentato a Parigi. Lì un levriero di quattro anni ha manifestato le tipiche lesioni cutanee e mucose della malattia a 12 giorni di distanza dai suoi due padroni, con cui era solito dormire.

 

Dal confronto tra tamponi sembra che si tratti dello stesso genoma virale, ma la dinamica del contagio è ancora tutta da chiarire. Nell’attesa di nuove indagini, si fa strada l’ipotesi di allontanare temporaneamente gli animali da compagnia dalle persone infette. Come spiegano i ricercatori dell’Università Sorbona nello studio pubblicato sulla rivista The Lancet.

 

vaiolo delle scimmie vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie e i cani

Finora non è noto se cani e gatti domestici possano essere vettori del virus del vaiolo delle scimmie. Nei Paesi in cui la malattia è endemica, è stato riscontrato che solo gli animali selvatici (roditori e primati) possono essere portatori del virus. Tuttavia, negli Usa hanno documentato la trasmissione del virus nei cani della prateria. Mentre in Europa è stata registrata in alcuni primati in cattività che erano stati in contatto con animali infetti importati.

 

Il caso di Parigi

A cambiare le carte in tavola potrebbe essere questo primo caso sospetto in Francia. Il contagio sembrerebbe essere partito dai due proprietari del cane. Ovvero un uomo di 44 anni con Hiv (in terapia con antiretrovirali) e un altro uomo di 27 anni sieronegativo. I due si sono presentati all’ospedale de la Pitié-Salpetrière lo scorso 10 giugno con febbre, mal di testa e lesioni a cute e mucose tipiche del vaiolo delle scimmie. Comparse alcuni giorni dopo rapporti sessuali con altri partner.

vaccino imvanex vaiolo delle scimmie vaccino imvanex vaiolo delle scimmie

 

Dopo 12 giorni anche il cane con cui erano soliti dormire ha iniziato a manifestare lesioni. Esclusa la possibilità che fosse entrato in contatto con altri animali o persone infette, è stato sottoposto a tampone. Considerato il suo quadro di salute e i risultati del test, i ricercatori ipotizzano “una vera malattia del cane, non una semplice presenza del virus dovuta al contatto stretto con gli umani o alla trasmissione per via aerea. I nostri risultati – concludono gli esperti – dovrebbero stimolare il dibattito sulla necessità di isolare gli animali domestici dagli individui positivi al virus del vaiolo delle scimmie”.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON C'E “DOMANI” PER LA MELONI - NON C'E' SOLO IL BUBBONE SU COME DISINNESCARE SALVINI: SA CHE GLI ALLEATI AMERICANI NON VOGLIONO FILORUSSI NEL GOVERNO. FITTIPALDI SVELA IL CASO CROSETTO: L'IRA DELLA DUCETTA PER LA SUA INTERVISTA A "AVVENIRE", E PURE IL FATTO CHE, COME PRESIDENTE DEGLI ARMIERI DELL’AIAD, POSSA PASSARE PER UNA SORTA DI “MARCO CARRAI DELLA MELONI”. CREANDOLE PROBLEMI DI POSSIBILI CONFLITTI D’INTERESSI - ANCORA: IN SENATO LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA È DI SOLI 11 SENATORI, E DUNQUE POCHISSIMI DI LORO POTRANNO FARE I MINISTRI O I SOTTOSEGRETARI, PERCHÉ POI IN AULA O NELLE COMMISSIONI IL RISCHIO DI ANDARE SOTTO NELLE VOTAZIONI SAREBBE ALL’ORDINE DEL GIORNO - RISIKO NOMINE: BELLONI, RONZULLI, LA RUSSA, URSO, SINISCALCO, PANETTA....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ORA IL COVID È PARAGONABILE ALL'INFLUENZA" - MATTEO BASSETTI: “DUE ANNI FA NON AVEVAMO IN CIRCOLAZIONE UN ANTICORPO. OGGI È CAMBIATO IL GRADO DI PROTEZIONE DELLA COLLETTIVITÀ: IL 100% DELLA POPOLAZIONE È ORMAI PROTETTO, O DALLA VACCINAZIONE, O DALLA MALATTIA OPPURE DA ENTRAMBE LE COSE. DOBBIAMO PROTEGGERE SOLO LE CATEGORIE PIÙ A RISCHIO. SOLO AI FRAGILI E AGLI ANZIANI RACCOMANDATO L'USO DELLA MASCHERINA, SUI TRASPORTI E ANCHE AL SUPERMERCATO” - IO MINISTRO? NON MI HA CHIAMATO. SE LO FARÀ, VEDREMO…”