E ANCHE 'STO NATALE...LA MASCHERINA NON SE LA LEVAMO DALLE PALLE – IL CONSIGLIO E' QUELLO DI TORNARE A USARLA. NEGLI OSPEDALI ITALIANI SI TEME LA DOPPIA ONDATA DI PAZIENTI CON L’INFLUENZA E COVID - IL PRESIDENTE FRANCESE MACRON TORNA A INDOSSARE LA MASCHERINA IN PUBBLICO DOPO UN ANNO – I MEDICI AMERICANI AVVERTONO: “PER ARRIVARE IN BUONA SALUTE A NATALE VACCINATEVI CONTRO INFLUENZA E COVID E INDOSSATE LA MASCHERINA”

-

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

 

babbo natale covid 6 babbo natale covid 6

Questi mesi invernali sono critici per le infezioni, e rimettere la mascherina, secondo gli esperti, potrebbe aiutare a ridurre i contagi di influenza, covid e virus sinciziale. Proprio ieri il virologo Andrea Crisanti aveva 'ripreso' il comportamento del Presidente Mattarella, risultato positivo al coronavirus, che aveva assistito alla prima de La Scala senza indossare la mascherina. Mentre in Italia il governo non sta andando verso la reintroduzione delle mascherine, in altri Paesi si sta pensando al ritorno dell'obbligo di indossarle almeno al chiuso. Intanto le amministrazioni si appellano al senso di responsabilità dei cittadini, raccomandandone l'uso in caso di fragilità, assembramenti e ambienti al chiuso.

 

babbo natale covid 5 babbo natale covid 5

Il presidente francese, Emmanuel Macron, nei giorni scorsi in un evento pubblico è tornato a indossare una mascherina in pubblico. Non accadeva da quasi un anno. E ha spiegato che è necessario "riprendere alcune abitudini" a causa della recrudescenza di casi di Covid. "Seguo le indicazioni del mio ministro", ha affermato l'inquilino dell'Eliseo con al suo fianco il titolare del dicastero della Salute, François Braun. 

 

"Con una ripresa dell'epidemia penso che sia bene fare pedagogia perché non abbiamo voglia di tornare a un obbligo generalizzato" della mascherina, ha aggiunto Macron sottolineando la necessità di avere uno "spirito di responsabilità". L'attuale nuova ondata di Covid in Francia si aggiunge all'influenza e a un'epidemia di bronchiolite. Il Paese è tornato a superare la soglia dei 100mila casi Covid quotidiani: non accadeva da luglio.

babbo natale covid 4 babbo natale covid 4

 

L'invito a rimettersi la protezione sul volto arriva anche dalla dalla direttrice dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), Rochelle Walensky: "Stiamo assistendo a livelli elevati di virus respiratori tra cui influenza, virus respiratorio sinciziale (Rsv) e Covid-19", afferma la direttrice. "Mentre ci avviciniamo alle festività natalizie, l'unione, la famiglia, la comunità, la connessione sono davvero ora più importanti che mai. Ma per raggiungere tutto questo "in buona salute" è "fondamentale" che "facciamo tutti i passi" necessari "per proteggere sia noi stessi che i nostri cari". Fra questi, anche "indossare le mascherine" dove serve. E "vaccinarsi contro influenza e Covid". [...]

 

babbo natale covid 2 babbo natale covid 2

A preoccupare gli esperti sanitari è la tripla epidemia che sta stringendo il Paese in una morsa. Tanto che in alcune aree come la Contea di Los Angeles, dove in particolare i casi Covid erano in ascesa negli ultimi giorni, insieme ai ricoveri, si è dibattuto su un eventuale ritorno dell'obbligo di mascherina al chiuso, opzione per ora tenuta ferma sul tavolo.  [...]

 

Nell'ultima settimana, ha aggiunto la direttrice dei Cdc, "abbiamo iniziato a vedere anche l'atteso aumento di casi e ricoveri Covid a livello nazionale dopo la festa del Ringraziamento". Mentre ci sono "segni che il virus sinciziale potrebbe aver raggiunto il picco in alcune aree". A Los Angeles scatterà l'obbligo della mascherina se il dieci per cento dei letti ospedalieri verrà riempito da casi legati al Covid.

feste di natale con incognita covid 4 feste di natale con incognita covid 4

 

Oggi, come riporta anche l'emittente 'Cnbc' online, il sistema in base al quale i Cdc raccomandano alla popolazione di indossare le mascherine si basa su una classificazione dei livelli di circolazione comunitaria di Covid. La direttrice Walensky ha rimarcato che l'agenzia sta valutando la possibilità di espandere questo sistema per tenere conto anche di altri virus respiratori come l'influenza. Ma nel frattempo ha incoraggiato le persone ad agire in modo proattivo. "Non è necessario attendere l'azione dei Cdc per indossare una mascherina", ha concluso. [...]

cena con mascherina cenone cena con mascherina cenone feste di natale con incognita covid 1 feste di natale con incognita covid 1 cena con mascherina cena con mascherina VIGNETTA DI VAURO - SALVIAMO IL NATALE VIGNETTA DI VAURO - SALVIAMO IL NATALE cena con maschera mascherina cena con maschera mascherina feste di natale con incognita covid 3 feste di natale con incognita covid 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS - COME MAI MAMMA RAI IN MODALITÀ TELE-MELONI HA SBATTUTO LA PORTA IN FACCIA A FEDEZ? PRIMA DEL RICOVERO, IL MARITO DELLA FERRAGNI AVEVA ACCETTATO L’INVITO A “BELVE”. MA FRANCESCA FAGNANI NON AVEVA FATTO I CONTI CON I MELONIANI DI VIALE MAZZINI, A CUI IL RAPPER A MISURA DUOMO STA SULLA CIMA DEL CAZZO DOPO LE PERFORMANCE SANREMESI: DALLA FOTO STRAPPATA DEL VICEMINISTRO BIGNAMI, IMMORTALATO IN COMPLETINO NAZISTA, ALLA LINGUA IN BOCCA CON ROSA CHEMICAL… - LA CONFERMA DELLA FAGNANI - VIDEO

FLASH! – MEDIOBANCA WAR! E’ CHIARO CHE L’AD DI POSTE, MATTEO DEL FANTE (CONFERMATO GRAZIE A FDI E CARO A CALTAGIRONE) NON AVREBBE POTUTO COMPRARE AZIONI MEDIOBANCA PER LA SOMMETTA DI 300 MILIONI SENZA AUTORIZZAZIONE E CONSENSO DI PALAZZO CHIGI, MEF E CDP - ANCHE SE POSTE NON ESERCITERÀ IL DIRITTO DI VOTO NELL’ASSEMBLEA DL 28 OTTOBRE, AVENDO DELFIN IL 20% E CALTAGIRONE IL 10, È CHIARO CHE TUTTE LE AZIONI CHE VENGONO TOLTE DAL MERCATO, VENGONO TOLTE ALLA LISTA DI NAGEL (A PENSARE MALE SI FA PECCATO MA SPESSO SI INDOVINA…)

NATA SOTTO UNA CATTIVA STELLANTIS – SE SERVISSE UN'ULTERIORE DIMOSTRAZIONE CHE NEL GRUPPO FIAT-PEUGEOT COMANDANO I FRANCESI, BASTA VEDERE CHE SUCCEDE ALLA NUOVA 600 ELETTRICA “MADE IN ITALY”: È PRODOTTA IN POLONIA ED È UNA BRUTTA COPIA (È COSTRUITA SULLA STESSA PIATTAFORMA) DELLA PEUGEOT 2008, CHE INVECE VIENE PROGETTATA E ASSEMBLATA OLTRALPE. STELLANTIS PRODUCE 1 MILIONE DI AUTO IN FRANCIA E 400 MILA IN ITALIA. QUI CI SONO STATI 7500 ESUBERI, NEL PAESE DI MACRON ZERO. DOV’È LANDINI, CHE CON MARCHIONNE SI LAGNAVA UN GIORNO SÌ E L’ALTRO PURE?

DAGOREPORT! - SIAMO ARRIVATI ALLA CANNA DEL GAS? LO SPREAD QUESTA MATTINA HA TOCCATO QUOTA 200, CON I RENDIMENTI BTP AI MASSIMI DA 10 ANNI A QUESTA PARTE - DAL NADEF SCODELLATO DAL GOVERNO MELONI I MERCATI INTERNAZIONALI SI ASPETTAVANO UNA RIDUZIONE DEL NOSTRO ENORME DEBITO PUBBLICO DELLO 0,5%, INVECE SI SONO TROVATI LO 0,1%. E L’ALGORITMO DEI FONDI HA SUBITO DATO ORDINE DI VENDERE I BTP - MA IL PEGGIO ARRIVERÀ FRA DUE SETTIMANE CON LO SBARCO A ROMA DELLE PRINCIPALI AGENZIE DI RATING…