BOLLETTINO DEL CONTAGIO: OGGI 5.456 NUOVI POSITIVI, IN CALO RISPETTO A IERI (MA QUASI 30MILA TAMPONI IN MENO) - 26 MORTI, 30 NUOVI RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA, 183 IN ALTRI REPARTI - I CASI SONO RADDOPPIATI IN QUATTRO GIORNI - LA LOMBARDIA TORNA IN TESTA CON OLTRE MILLE CASI, SEGUONO CAMPANIA E TOSCANA

-

Condividi questo articolo

Da www.corriere.it

 

CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020 CORONAVIRUS - CONTAGI IN ITALIA ALL 8 OTTOBRE 2020

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 354.950 persone (+5.456 rispetto a ieri, +1,56%; ieri +5.724) hanno contratto il virus Sars-CoV-2. Di queste, 36.166 sono decedute (+26, +0,07%; ieri +29) e sono state dimesse 239.709 (+1.184, +xx%; ieri +976). Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 79.075 (+4.246, +5,67%; ieri +4.719); il conto sale a 354.950 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti, conteggiando cioè tutte le persone che sono state trovate positive al virus dall’inizio dell’epidemia.

 

I tamponi sono stati 104.658 (28.246 in meno rispetto a ieri che erano stati 133.084). I pazienti ricoverati con sintomi sono 4.519 (+183, +4,22%; ieri +250), di cui 420 in terapia intensiva (+30, +7,69%; ieri +3).

 

 

I dati di oggi, domenica 11 ottobre, fanno seguito a una impennata di casi registrata a partire da mercoledì — 2.677 casi il 6 ottobre, 3.678 il 7 ottobre, 4.458 l’8 ottobre, 5.372 il 9 ottobre e 5.724 il 10 ottobre, ieri. Non si registravano più di 5.300 nuovi positivi dalla fine di marzo, precisamente dal 28 marzo quando i casi erano 5.974, con molti meno tamponi, con oltre 26 mila ricoverati e quasi 4mila pazienti in terapia intensiva — e 889 morti. Di fronte a questi dati, il governo sta valutando nuove misure restrittive, allo scopo di contenere la pandemia prima che si raggiungano livelli già toccati in altri Paesi europei.

 

Settimana scorsa è stato varato un primo decreto che ha reso di nuovo obbligatorio l’uso delle mascherine (qui tutte le regole da rispettare per evitare le multe). L’esecutivo ha inoltre convocato per domenica alle 15 il Comitato tecnico scientifico per poi varare un nuovo Dpcm: ancora non si sa quali misure conterrà, ma ci sono alcune anticipazioni sulle linee su cui si sta orientando l’esecutivo: potete leggerle qui.

 

Questa è la mappa del contagio in Italia, questa nel mondo. Qui i bollettini dei giorni scorsi.

conte speranza conte speranza

 

I dati Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). Nella foto in alto è visibile quello dei soggetti attualmente positivi. La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

 

Lombardia 113.024 (+1.032, +0,92%; ieri +1.140)

Emilia-Romagna 37.681 (+384, +1,03%; ieri +383)

Piemonte 38.503 (+409, +1,07%; ieri +499)

Veneto 31.503 (+438, +1,41%; ieri +561)

Marche 8.593 (+108, +1,27%; ieri +86)

Liguria 15.269 (+386, +2,59%; ieri +213)

Campania 18.530 (+633, +3,54%; ieri +664)

Toscana 18.160 (+517, +2,93%; ieri +548)

Sicilia 9.294 (+297, +3,30%; ieri +285)

Lazio 19.890 (+371, +1,90%; ieri +384)

Friuli-Venezia Giulia 5.513 (+97, +1,79%; ieri +126)

Abruzzo 5.057 (+77, +1,55%; ieri +94)

Puglia 9.512 (+212, +2,28%; ieri +184)

Umbria 3.324 (+135, +4,23%; ieri +132)

Bolzano 4.064 (+84, +2,11%; ieri +92)

Calabria 2.291 (+35, +1,35%; ieri +68)

Sardegna 5.009 (+143, +2,94%; ieri +124)

Valle d’Aosta 1.464 (+18, +1,24%; ieri +44)

Trento 6.483 (+39, +0,61%; ieri +50)

Molise 739 (+28, +3,94%; ieri +10)

Basilicata 1.047 (+13, +1,26%; ieri +37)

 

I decessi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei morti totali dall’inizio della pandemia. La variazione indica il numero dei nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore.

 

Lombardia 16.985 (+3, ieri +1)

Emilia-Romagna 4.495 (+1, ieri +1)

Piemonte 4.177 (+3, ieri +2)

Veneto 2.218 (+2, ieri +7)

Marche 992 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Liguria 1.619 (+2, ieri +2)

Campania 479 (+2, ieri +2)

Toscana 1.174 (+1, ieri nessun nuovo decesso)

Sicilia 336 (+1, ieri +2)

Lazio 976 (+4, ieri +6)

Friuli-Venezia Giulia 356 (+1, ieri nessun nuovo decesso)

Abruzzo 487 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Puglia 608 (+1, ieri +1)

Umbria 88 (nessun nuovo decesso, ieri +1)

Bolzano 293 (+1, ieri nessun nuovo decesso)

Calabria 103 (nessun nuovo decesso, ieri +1)

Sardegna 165 (+4, ieri nessun nuovo decesso)

Valle d’Aosta 146 (nessun nuovo decesso, come ieri)

Trento 408 (nessun nuovo decesso, ieri +2)

Molise 26 (nessun nuovo decesso, ieri +1)

Basilicata 35 (nessun nuovo decesso, come ieri)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...