I CENTRI DI RICERCA CONTRO IL CANCRO LANCIANO L'ALLARME: "MANCANO RISORSE E PERSONALE" - NEL NOSTRO PAESE CI SONO 149 LABORATORI DOVE SI STUDIANO SOLUZIONI TERAPEUTICHE INNOVATIVE CONTRO IL TUMORE: MANCANO BIONFORMATICI, COORDINATORI DI RICERCA CLINICA E DATA MANAGER - L'ASSOCIAZIONE ITALIANA DI ONCOLOGIA MEDICA: "IN ITALIA, OGNI ANNO, CIRCA L’8% DEI PAZIENTI IN TRATTAMENTO ENTRA IN SPERIMENTAZIONI CLINICHE MA..."

-

Condividi questo articolo


CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO

Estratto dell'articolo di Michele Bocci per “la Repubblica”

 

[…] In Italia ci sono ben 149 centri dove si studiano soluzioni terapeutiche innovative contro il tumore. Alcuni sono all’avanguardia e hanno una importante produzione di lavori scientifici, altri sono più piccoli. Sono tutti accomunati dalla necessità di avere risorse per lavorare di più e meglio. […]A lanciare un appello per dare più respiro alla ricerca è la Ficog, cioè la Federation of italian cooperative oncology groups di Aiom, l’associazione di oncologia medica.

CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO

 

[…] In Italia ci sono 29 centri che fanno oltre 40 sperimentazioni e 69 che ne fanno tra 10 e 40. «Restano però forti criticità nella disponibilità di personale — dicono da Ficog — 100 centri sono privi di un bioinformatico, 72 non possono contare sul supporto statistico. E sono troppo pochi i coordinatori di ricerca clinica, i data manager, strutturati». […]

CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO

 

La ricerca si concentra soprattutto sul tumore della mammella, su quelli gastro-intestinali e su quelli toracici. In Italia circa l’8% dei pazienti in trattamento ogni anno, pari a oltre 15 mila, entra in sperimentazioni cliniche, ma, afferma il presidente Ficog Carmine Pinto, «dovrebbero arrivare almeno al 20%». […]

CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO ricerca contro il cancro 3 ricerca contro il cancro 3

 

CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO CENTRI DI RICERCA SUL CANCRO

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…