CHI FA DA SÉ FA PER TRE, MA È MEGLIO NON ESAGERARE – DA QUANDO GLI ITALIANI HANNO PRESO DIMESTICHEZZA CON I TEST COVID FAI-DA-TE, SONO AUMENTATE LE VENDITE DEI PRODOTTI CHE SERVONO PER AUTO-DIAGNOSTICARSI UNA QUALCHE MALATTIA – LE BIG PHARMA LO HANNO CAPITO E HANNO MESSO SUL MERCATO OGNI TIPO DI TEST (DA QUELLO ALLO STREPTOCOCCO A QUELLO ANTI-DROGA) – L’ALLARME DEI MEDICI: SE SI ESAGERA SI PUÒ FINIRE IN UN TUNNEL DI ANSIE E PAURE..."

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Michele Bocci per “La Repubblica”

 

BIOCREDIT COVID 19 AG BIOCREDIT COVID 19 AG

La seggiola in un angolo, il farmacista che arriva con la fascia da mettere intorno al braccio e la pompetta per gonfiarla. Poi studia i numeri e dà il verdetto: pressione alta, pressione giusta. È ormai un ricordo d’antan quello del primo esame disponibile nelle farmacie.

 

Oggi in certi shop ci sono interi settori dedicati ai test, e non solo quelli che si eseguono sul posto ma i tantissimi, sempre più numerosi, che si possono portare via per farli a casa. È stato il Covid a cambiare tutto. Ha fatto impratichire gli italiani con i tamponi, che di per sé non sono neanche tanto facili da eseguire correttamente.

 

TEST FAI DA TE PER HIV TEST FAI DA TE PER HIV

Tira fuori il bastoncino tipo cotton fioc, mettilo nel naso a fondo, gira tre volte malgrado le proteste del tamponato e poi immergilo nella soluzione presente nel piccolo contenitore di plastica. Azioni che col tempo sono diventate abituali, cosa che ha fatto comprendere anche all’industria come fosse arrivato il momento di spingere sui test. E così, fiutati i potenziali affari, le aziende di presidi medico-chirurgici, hanno iniziato ad invadere il mercato.

 

Ci sono test di tutti i tipi: per trovare il Covid ma anche per l’influenza, per lo streptococco (l’anno scorso c’è stato un boom di vendite con la diffusione delle malattie provocate dal batterio) e anche per l’helicobacter pylori. Ma in farmacia si compra anche il test antidroga, per genitori che riescono a far accettare un esame delle urine casalingo ai figli. Ma si possono anche comprare e portare a casa kit per accertare la fertilità degli uomini, oppure per chiarire se una donna ha iniziato la menopausa.

TEST FAI DA TE PER LA DROGA TEST FAI DA TE PER LA DROGA

 

Ancora, si può misurare il livello nell’organismo di vitamina D, di ferro, degli ormoni della tiroide, del Psa. Poi ci sono gli esami per la ricerca di intolleranze alimentari al lattosio oppure sulla celiachia. Insomma, il vecchio test di gravidanza ormai è solo uno dei tantissimi a disposizione. Ma non finisce qui, perché ci sono anche esami che si fanno solo in farmacia, come, giusto per fare solo un paio di esempi, la ricerca della creatinina e l’emocromo.

 

[…] E infatti per Marco Cossolo, presidente di Federfarma, è necessario che il farmacista abbia comunque un ruolo attivo. «Deve spiegare come si fanno gli esami e dire al cliente che è possibile comprarli ed eseguirli in farmacia. L’assistenza di un esperto è utile perché non sempre è semplicissimo farli. Se si sbaglia, ovviamente, i risultati non sono attendibili. Un po’ come succedeva all’inizio con il coronavirus: tanti si facevano il tampone a casa e risultavano negativi, poi venivano da noi ed erano positivi. Sempre meglio quindi consultarsi». Per questo motivo viene sconsigliato l’acquisto online.

cercare malattie sul web 2 cercare malattie sul web 2

 

L’aumento dell’offerta, in sanità, da un lato può significare miglioramento dell’assistenza ma porta sempre con sé anche dei rischi. In particolare, l’inappropriatezza. Nicola Montano è ordinario di medicina interna all’Università di Milano, dove è primario al policlinico. «L’autodiagnosi può portare a esagerazioni diagnostiche. Se si fa un test a casa c’è più rischio di trovare un falso positivo, creando l’ansia di avere una patologia». […]

 

«Gli esami devono sempre essere fatti quando rispondono a una domanda clinica, non per curiosità, ad esempio per sapere, stando bene, se si ha un’intolleranza o una carenza di qualche tipo. Se non si seguono le indicazioni dei medici si può finire in un tunnel di ansie e paure […]».

cercare malattie sul web 1 cercare malattie sul web 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)