CI DOBBIAMO PREOCCUPARE DELLA POLMONITE “IMPORTATA” DALLA CINA? IN FRANCIA C’È STATO UN BOOM DEL 44% DI ACCESSI AI PRONTO SOCCORSO NELLA FASCIA 0-2 ANNI, MA AL MOMENTO IN ITALIA LA SITUAZIONE È SOTTO CONTROLLO – ALBERTO VILLANI, RESPONSABILE DI PEDIATRIA GENERALE AL BAMBINO GESÙ: “DA NOI ZERO CASI DI BIMBI CON INFEZIONE DA MYCOPLASMA. QUELLO CHE STUPISCE È CHE STA ATTACCANDO I PIÙ PICCOLI QUANDO DI SOLITO INTERESSA I BAMBINI PIÙ GRANDICELLI” – QUALI SONO I SINTOMI E QUANDO PREOCCUPARSI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Chiara Bidoli per il "Corriere della Sera"

 

casi di polmonite in cina 2 casi di polmonite in cina 2

Dopo l’impennata di casi di polmonite nei bambini in Cina, che ha messo in allerta l’Organizzazione mondiale di sanità, e in Francia, dove è stato registrato un aumento del 44% di accessi al Pronto soccorso nella fascia 0-2 anni, ci si chiede che cosa dobbiamo aspettarci in Italia.

 

«Al Bambino Gesù, dove abbiamo una media di oltre 300 accessi al giorno al Pronto soccorso, al momento non abbiamo riscontrato alcun aumento — spiega Alberto Villani, responsabile di Pediatria generale e Dea II Livello presso l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma —. Tenendo conto della stagionalità e confrontando i dati con quelli dell’anno scorso, non stiamo ancora affrontando in maniera massiva l’influenza e non abbiamo nemmeno criticità con il virus respiratorio sinciziale, i due agenti di norma più problematici in questo periodo.

POLMONITE POLMONITE

 

Per il momento, nel nostro ospedale, non stanno arrivando casi come quelli descritti in Cina e Francia, che riguardano tendenzialmente bambini piccoli e con sintomi compatibili con l’infezione da Mycoplasma. Se si dovessero presentare siamo pronti a gestirli».

 

Come accennato responsabile delle infezioni sembra essere il Mycoplasma pneumoniae, un microrganismo ben conosciuto e diffuso soprattutto nell’infanzia. «Quello che stupisce è che nei casi in questione il Mycoplasma colpisce prevalentemente i più piccoli, anche sotto i due anni — precisa Villani —, mentre di solito è lo Streptococco il microrganismo più diffuso nelle infezioni del tratto respiratorio nella prima infanzia. Il Mycoplasma, di norma, riguarda i più grandicelli. Quello che deve, in ogni caso, rassicurare è che finora, né in Cina né in Francia, sono stati riscontrati problemi con la terapia antibiotica.

casi di polmonite in cina 1 casi di polmonite in cina 1

 

Se c’è una cura efficace e disponibile, come nel caso di questa polmonite, possiamo stare relativamente tranquilli». Rispetto alle altre polmoniti, quella da Mycoplasma ha dei sintomi particolari? Quando si deve andare in Pronto soccorso? «Si tratta di una polmonite più complicata di altre da diagnosticare, perché i sintomi possono essere confusi. Di solito è presente una tosse insistente, non c’è una grande produzione di catarro e spesso non compare neanche la febbre.

casi di polmonite in cina 5 casi di polmonite in cina 5

 

Ad allertare devono essere, in ogni caso, tosse importante, difficoltà a respirare, febbre alta, e inappetenza, come per tutte le polmoniti. Di norma bisogna recarsi in Pronto soccorso in casi medio-gravi o se il bimbo ha meno di sei mesi».

casi di polmonite in cina 4 casi di polmonite in cina 4 casi di polmonite in cina 3 casi di polmonite in cina 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO