GRAZIE, VACCINO - IL FEGATO DI UN PAZIENTE POSITIVO AL COVID, MORTO A 47 ANNI PER CAUSE CEREBROVASCOLARI, È STATO TRAPIANTATO SU UN UOMO DI 56 ANNI, VACCINATO CON TRE DOSI MA POSITIVO AL COVID, AFFETTO DA CIRROSI COMPLICATA DA UNA NEOPLASIA EPATICA - L'INTERVENTO, DURATO SETTE ORE, E' STATO POSSIBILE GRAZIE A VACCINI, NONOSTANTE LA POSITIVITA' AL VIRUS DEI DUE UOMINI…

-

Condividi questo articolo


Da "la Stampa"

 

trapianti di fegato trapianti di fegato

Il Covid, grazie ai vaccini, non ferma più i trapianti. Il fegato di un paziente positivo al virus, morto a 47 anni per cause cerebrovascolari all'ospedale di Domodossola (Verbania), è stato trapiantato su un uomo di 56 anni, vaccinato con tre dosi ma positivo al Covid, affetto da cirrosi complicata da una neoplasia epatica primitiva. Un intervento record, durato oltre sette ore, che l'ospedale Molinette di Torino ha eseguito per la prima volta nonostante il Centro nazionale permettesse solo il trapianto da donatore positivo a ricevente triplo vaccinato negativo al virus.

 

trapianto di fegato trapianto di fegato

«Quando ho saputo di essere positivo mi sono arrabbiato, ma i dottori mi hanno rassicurato. Era l'ultima speranza, è stato un miracolo», racconta il paziente trapiantato, che invita a finirla «con l'ossessione No Vax. Non se ne può più. Non possono permettersi di far del male agli altri». Il trapianto è stato eseguito dall'équipe del professor Renato Romagnoli, direttore del Centro Trapianti di fegato delle Molinette.

 

fegato fegato

Il ricevente aveva fatto la terza dose anti-Covid il 21 dicembre, non aveva sintomi ma gli accertamenti preoperatori hanno rivelato la positività. L'équipe chirurgica ha scelto di procedere comunque, considerando che il ricevente era asintomatico. Per prevenire una possibile evoluzione dell'infezione sono stati somministrati anticorpi monoclonali. Il successo del trapianto è «un altro effetto positivo del vaccino», secondo il professor Romagnoli: «Abbiamo fatto una cosa che un anno fa, senza vaccini, non avremmo potuto».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

cronache

“MI SONO INNAMORATA DI UN UOMO BISESSUALE” – IL LUNGO RACCONTO DI MONICA, UNA DENTISTA 38ENNE DI ROMA: “QUANDO L’UOMO CHE FREQUENTAVO MI HA RACCONTATO DEI SUOI EX, NON SAPEVO COME COMPORTAMI. AVEVO MILLE DOMANDE CHE MI FRULLAVANO PER LA TESTA. UNA SERA, AD UNA CENA CON DEI SUOI AMICI, UN UOMO CHE NEANCHE LUI CONOSCEVA HA INIZIATO A STUZZICARLO, IGNORANDO TOTALMENTE IL FATTO CHE STAVAMO ASSIEME E LUI…” – LA PSICOLOGA: “UNA DELLE PAURE PIÙ RICORRENTI È PENSARE DI NON ESSERE IN GRADO DI SODDISFARE IL PROPRIO PARTNER, DI NON ESSERE PIÙ L’UNICO OGGETTO DI DESIDERIO…”

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute