NON C'È PIÙ RELIGIONE - CHIUSE, ANZI NO APERTE, LE 900 CHIESE DI ROMA: IL CARDINALE VICARIO PRIMA ANNULLA LE MESSE E VIETA L'ACCESSO FINO AL 3 APRILE. POI IL PAPA S'INCAZZA E LUI TOGLIE IL DIVETO - DE DONATIS AVEVA DETTO: ''QUESTA DISPOSIZIONE È PER IL BENE COMUNE. GESÙ CI DICE 'DOVE SONO DUE O TRE RIUNITI NEL MIO NOME, IO SONO IN MEZZO A LORO' (MT. 18.20). IN QUESTO TEMPO, ANCORA DI PIÙ, LE NOSTRE CASE SONO CHIESE DOMESTICHE" 

-

Condividi questo articolo

CORONAVIRUS: CHIESA ROMA 'CORREGGE', PARROCCHIE APERTE 
(ANSA) -  "Rimangono chiuse all'accesso del pubblico le chiese non parrocchiali e più in generale gli edifici di culto di qualunque genere; restano invece aperte le chiese parrocchiali e quelle che sono sedi di missioni con cura d'anime". Il Vicariato 'corregge' il decreto con il quale aveva chiuso tutte le chiese di Roma fino al 3 aprile. "Ogni provvedimento cautelare ecclesiale deve tener conto non soltanto del bene comune della società civile, ma anche di quel bene unico e prezioso che è la fede, soprattutto quella dei più piccoli", si spiega.

 

 

1.CORONAVIRUS: DIOCESI DI ROMA CHIUDE TUTTE LE CHIESE

emergenza coronavirus sedie vuote a san pietro durante l angelus emergenza coronavirus sedie vuote a san pietro durante l angelus

(ANSA) - "Sino a venerdì 3 aprile 2020 l'accesso alle chiese parrocchiali e non parrocchiali della Diocesi di Roma, aperte al pubblico, e più in generale agli edifici di culto di qualunque genere aperti al pubblico, viene interdetto a tutti i fedeli". Lo decreta il cardinale vicario di Roma Angelo De Donatis a seguito degli ultimi provvedimenti del governo sull'emergenza coronavirus e del comunicato di oggi della Presidenza della Cei.

 

"Rimangono accessibili solo gli oratori di comunità stabilmente costituite (religiose, monastiche, ecc.), limitatamente alle medesime collettività che abitualmente ne usufruiscono in quanto in loco residenti e conviventi, con interdizione all'accesso dei fedeli che non sono membri stabili delle predette comunità", si legge nel decreto del card. De Donatis. "I fedeli sono in conseguenza dispensati dall'obbligo di soddisfare al precetto festivo", aggiunge.

 

emergenza coronavirus piazza san pietro a roma emergenza coronavirus piazza san pietro a roma

"Sarà cura dei sacerdoti responsabili dell'esercizio di culto nei singoli luoghi (Parroci, Rettori, Cappellani, ecc.) attivarsi per dar seguito a questa disposizione, innanzitutto con la chiusura delle aule di culto e con ogni altra iniziativa idonea allo scopo", spiega ancora il decreto. "Ricordiamo che questa disposizione è per il bene comune - conclude -. Accogliamo le Parole di Gesù che ci dice 'dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro' (Mt. 18.20). In questo tempo, ancora di più, le nostre case sono Chiese domestiche".

 

2.CORONAVIRUS: IN DIOCESI DEL SALERNITANO CHIUSE 81 CHIESE

Angelo De Donatis Angelo De Donatis

 (ANSA) - "Per evitare qualsiasi possibilità di contagio, con sofferenza, ma anche con ferma fiducia nella Misericordia di Dio, dispongo la chiusura di tutte le chiese della Diocesi di Teggiano-Policastro fino al prossimo 3 aprile." Lo ha comunicato il vescovo monsignor Antonio De Luca tramite una nota. La diocesi di Teggiano-Policastro comprende 81 parrocchie ubicate in 41 comuni a sud di Salerno tra i territori degli Alburni, Golfo di Policastro, Basso Cilento e Vallo di Diano.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute