QUAL È STATA LA ''REAZIONE AVVERSA'' PATITA DAL VOLONTARIO DEL VACCINO? NON CERTO UN'EMICRANIA, MA UNA MIELITE TRASVERSA, INFIAMMAZIONE DEL MIDOLLO SPINALE CHE PUÒ AVERE CONSEGUENZE ANCHE GRAVI (E PER LA QUALE NON ESISTE UNA TERAPIA UNIVOCA). ORA GLI SCIENZIATI DOVRANNO CAPIRE SE È STATO IL FARMACO ANTI-COVID A SCATENARE QUESTA REAZIONE

-

Condividi questo articolo


Francesca Bernasconi per www.ilgiornale.it

 

La sperimentazione del vaccino contro il Covid-19, sviluppato da AstraZeneca in collaborazione con l'università di Oxford, ha subito uno stop.

 

 

mielite trasversa mielite trasversa

Secondo quanto ha dichiarato il ministro della Salute britannico, Matt Hancock, la pausa è dovuta ad un'imprevista reazione avversa in uno dei volontari a cui era stato somministrato l'antidoto, arrivato all'ultima fase della sperimentazione. Sui sintomi del paziente sta indagando un team di investigatori, che cercherà di capire l'eventuale correlazione tra il vaccino e la reazione imprevista nel volontario.

 

Le indiscrezioni

Il ministro non ha fatto cenno al tipo di problema causato al volontario, ma già nelle prime ore dopo la notizia dello stop hanno iniziato a diffondersi alcune indiscrezioni. Stando a quanto rivelato da una fonte anonima del New York Times, il partecipante alla sperimentazione, arruolato in uno studio con sede nel Regno Unito, avrebbe ricevuto una diagnosi di mielite trasversa, una sindrome infiammatoria che colpisce il midollo spinale e che spesso viene innescata da infezioni virali.

 

Il quotidiano ha provato a chiedere ad AstraZeneca che, però, avrebbe rifiutato di commentare la situazione del volontario della sperimentazione, senza confermare la diagnosi di mielite trasversa. "L'evento è oggetto di indagine da parte di un comitato indipendente- ha spiegato la società- ed è troppo presto per concludere la diagnosi specifica".

 

La mielite trasversa

coronavirus ricerca vaccino coronavirus ricerca vaccino

Se le indiscrezioni sull'infiammazione scatenata dal vaccino si rivelassero veritiere, il volontario avrebbe sviluppato la mielite trasversa. Come ha spiegato ad Agi il genetista Giuseppe Novelli, dell'Università Tor Vergata di Roma e della Fondazione Lorenzini, la mielite è "una infiammazione acuta della sostanza grigia e della sostanza bianca in uno o più segmenti adiacenti del midollo spinale, generalmente a livello toracico". Si tratta, cioè, di un'infiammazione al sistema nervoso spinale che, a seconda dell'aggressività con cui emerge, può portare anche a gravi conseguenze, come disfunzioni motorie e sensoriali o paresi.

 

Non è ancora noto cosa possa causare questa malattia, ma il sospetto è che derivi da una reazione autoimmune, quando cioè il sistema immunitario si scatena contro i tessuti corporei, perché li percepisce come una minaccia. Nel caso della mielite, i tessuti danneggiati sono quelli del midollo spinale. Il vaccino dell'Università di Oxford potrebbe aver scatenato questo meccanismo, dato che si basa su un adenovirus di scimmia modificato per trasportare alcuni geni del coronavirus e quindi stimolare la risposta immunitaria contro il virus.

 

"Gli adenovirus- spiega Novelli-possono innescare le proprie risposte immunitarie, che potrebbero danneggiare il paziente senza generare la forma di protezione prevista". Secondo la neurologa dell'ospedale di Yale, New Haven, "la mielite trasversa può derivare da una serie di cause che provocano le risposte infiammatorie del corpo, comprese le infezioni virali. Ma la condizione è spesso curabile con gli steroidi".

 

Cosa succede ora

Per il momento, in ogni caso, si tratta di ipotesi, non confermate da alcuna diagnosi certa. Inoltre, non è detto che l'"imprevista reazione avversa" sia stata scatenata dal vaccino."In questa fase, non sappiamo se gli eventi che hanno innescato la sospensione siano legati alla vaccinazione- ha spiegato la dottoressa Luciana Borio- Ma è importante che vengano indagati a fondo". Inoltre, gli esperti hanno definito come "fisiologica" la pausa alla sperimentazione del vaccino, un evento da tenere presente in questo ambito, data la delicatezza della situazione e la necessità di curare e controllare ogni aspetto delle varie fasi.

vaccino coronavirus 1 vaccino coronavirus 1

 

"L'interruzione della sperimentazione dopo la segnalazione di un evento avverso di tipo grave è una procedura prevista- specifica Novelli- richiede un necessario approfondimento per poter stabilire se esista una causalità diretta del vaccino o indiretta, prima di continuare". per il momento, però, non è possibile sapere quanto tempo servirà per controllare l'efficacia del vaccino.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?