L’ORA DELL’INFARTO – NELL’ARCO DELLE VENTIQUATTRO ORE CI SONO DEI MOMENTI CHE SONO PIÙ A RISCHIO DI ALTRI A CAUSA DELL’AUMENTO DEL LAVORO DEL CUORE: DURANTE LE PRIME ORE DEL MATTINO, INFATTI, SI HA UNA IPER-STIMOLAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO SIMPATICO CON CONSEGUENTE AUMENTO DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E DELLA FREQUENZA CARDIACA…

-

Condividi questo articolo

Antonio G. Rebuzzi* per “il Messaggero”

*Direttore cardiologia intensiva Policlinico Gemelli Università Cattolica Roma

 

stress infarto 1 stress infarto 1

La cronobiologia è la scienza che studia come e con quale periodicità i vari fenomeni biologici si ripetono nel tempo. Numerosi eventi hanno una ciclicità che può essere giornaliera (la frequenza cardiaca, che è più bassa di notte e più alta di giorno); mensile (il ciclo mestruale) o anche annuale.

 

È stata anche descritta una differente efficacia dei farmaci a seconda dell' ora di somministrazione, e perfino una differente prognosi per varie patologie a seconda dell' ora di insorgenza.

 

nfarto 3 nfarto 3

Dal punto di vista fisiopatologico, durante le prime ore del mattino, si ha una iper-stimolazione del sistema nervoso simpatico con conseguente aumento del cortisolo plasmatico e delle catecolamine (adrenalina e noradrenalina).

 

Tutto ciò porta ad un aumento della pressione arteriosa, della frequenza cardiaca e delle resistenze periferiche con, quindi, un aumento del lavoro del cuore e pertanto una maggiore richiesta di ossigeno. Quest' insieme di processi possono influenzare sia la gravità degli eventi coronarici nonché la risposta alla terapia.

 

LA SINDROME

infarto 4 infarto 4

Gli studi che hanno valutato se l' ora di esordio delle sindromi coronariche acute impatti sulla prognosi, hanno dato risultati contrastanti. Alcuni riferiscono che gli infarti tra tra le 4.00 e le 8.00 hanno prognosi peggiore, altri riportano che vanno peggio gli infarti che si verificano tra le 20.00 e le 8.00.

 

Quindi, notte e mattina molto presto.Il Singapore Myocardial Infarction Registry ha certificato come orario più a rischio quello tra la mezzanotte e le 6.00. Informazioni importanti sia per i pazienti che per i medici.

INFARTO INFARTO

 

Recentemente è stato pubblicato sull' European Heart Journal un studio coordinato dai ricercatori della University of Leeds: ha analizzato l' impatto dell' ora di ricovero per infarto sull' esito della malattia. Sono stati studiati oltre 615.000 pazienti inglesi ricoverati tra il 2004 ed il 2013. La mortalità intra ospedaliera per infarto è stata dell' 8.8% (riducendosi però negli anni dal 12% del 2004 al 7.3% del 2013).

 

INFARTO INFARTO

I PARAMETRI

I pazienti ricoverati durante la notte avevano un tempo di riperfusione coronarica più lungo, e la mortalità era più alta per i ricoverati tra le 20.00 e le 24.00.

 

Questo porta a pensare che le differenze di mortalità che si registrano sia tra notte e giorno che tra i giorni feriali ed i fine settimana dipendono non solo dalle variazioni circadiane dei parametri biologici, ma in buona parte alla differenza di disponibilità dei servizi ospedalieri.

 

attacco di cuore  attacco di cuore 

Se esiste quindi una differenza di mortalità tra notte e giorno, migliorando l' organizzazione ospedaliera tale rischio si può ridurre di parecchio.

attacco di cuore 3 attacco di cuore 3 attacco di cuore attacco di cuore attacco di cuore 2 attacco di cuore 2 attacco di cuore 4 attacco di cuore 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

QUANTO DURA IL CONTE ZELIG A PALAZZO CHIGI? E’ ORMAI FUORI DAL BALCONE - IL SUPPLI' CON LE UNGHIE HA DIMENTICATO DI ESSERE UN BURATTINO CON LA POCHETTE MESSO A PALAZZO CHIGI DALL'INCAUTO DI MAIO E SI E’ MESSO IN TESTA DI ESSERE UN LEADER - UN SONORO VAFFANCULO ALL’EX BIBITARO: “IL PIANO ANTI-EVASIONE NON PUÒ ESSERE NÉ SMANTELLATO NÉ TOCCATO. IO HO INIZIATO CON IL M5S CHE GRIDAVA "ONESTÀ ONESTÀ" - VAFFA A RENZI: “BISOGNA FARE SQUADRA, CHI NON LA PENSA COSÌ È FUORI DAL GOVERNO"

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute