SE NON VI BASTAVA LA “FOMO”, ORA C’È ANCHE LA “FOFO” – È UN ACRONIMO CHE STA PER “FEAR OF FINDING OUT”, “PAURA DI VENIRE A SAPERE” (MENTRE FOMO È FEAR OF MISSING OUT, LA PAURA DI PERDERSI QUALCOSA): SI TRATTA DI UN BLOCCO PSICOLOGICO CHE PORTA CHI NE È VITTIMA A EVITARE SITUAZIONI IN CUI POTREBBE SCOPRIRE QUALCOSA DI CUI HA TIMORE. INSOMMA, COME CHI HA UN DOLORE LANCINANTE MA NON VA DAL DOTTORE PER PAURA DI SCOPRIRE UNA MALATTIA RARA (E POI STA PEGGIO). MA NON SOLO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesca Gastaldi per www.vanityfair.it

 

FOFO o «Fear of finding out», letteralmente «paura di venire a sapere». Tra  i termini inglesi utilizzati negli ultimi anni per identificare condizioni di ansia o malessere mentale oggi compare anche questo.

fofo fear of finding out 5 fofo fear of finding out 5

 

Con l'acronimo FOFO si identifica infatti un blocco psicologico che porta chi ne è vittima a evitare situazioni in cui potrebbe scoprire qualcosa di cui ha timore e a non informarsi su un potenziale problema - di salute ma non solo -  per la paura di quelle che potrebbero essere le conseguenze.

 

Il termine FOFO è stato inizialmente utilizzato in ambito medico per indicare la paura di sottoporsi a visite ed esami di controllo. Un articolo del 2018 apparso su The BMJ Opinion e firmato dal professore di Oxford Muir Gray, metteva infatti in evidenza come, secondo una ricerca, un terzo dei motivi che le persone adducono per evitare di vedere il proprio medico non riguardasse aspetti pratici ma per lo più psicologici, identificati dagli autori proprio nella «paura di scoprire» o, appunto, FOFO.

 

fofo fear of finding out 3 fofo fear of finding out 3

Il termine è stato poi esteso ad altri ambiti: questo tipo di ansia può infatti interessare anche la sfera relazionale, quella lavorativa e persino l'ambito economico, portando chi ne soffre a precludersi molte possibilità e a trascurare di fatto aspetti molto importanti della propria vita.

 

[…]  Chi soffre di FOFO tende a seguire comportamenti tipici, cui si accompagna una particolare condizione psicologica di ansia.

 

fofo fear of finding out 2 fofo fear of finding out 2

«Di solito vengono messi in atto dei comportamenti di evitamento: si evitano cioè quelle situazioni che portano a ottenere un’informazione che si percepisce come ‘spaventosa’ - spiega ancora lo psicoterapeuta [Federico Russo]. - A questo si accompagna uno stato di ansia determinato dalla paura di scoprire qualcosa, che può essere una diagnosi clinica ma anche, più semplicemente,  l’opinione che una persona ha di noi. Si tratta in ogni caso di sintomi comuni a tutti gli stati d’ansia».

 

[…] Chi soffre di FOFO […]  rischia di trovarsi intrappolato in un circolo vizioso dal quale diventa sempre più difficile uscire: chi è vittima di questo blocco evita determinate situazioni per non stare male ma, alla lunga, finisce per sentirsi ancora peggio.

 

fofo fear of finding out 4 fofo fear of finding out 4

[…] Come si supera la FOFO?

Una volta compreso di essere vittime di questo blocco psicologico, cosa si può fare per uscirne?

 

«Dipende dalle condizioni individuali - risponde Federico Russo. - Tuttavia  affrontare direttamente la situazione può aiutare a superare il blocco. Questo non significa però non avere più ansia: si può superare un blocco ansioso imparando piuttosto a tollerare quel tipo di ansia». Farcela da soli può risultare molto difficile ma un aiuto può arrivare dalla psicoterapia. […]

fofo fear of finding out 1 fofo fear of finding out 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…