SE SOLO I CRETINI NON CAMBIANO IDEA, ALLORA SIAMO TUTTI CRETINI – QUANDO PARLIAMO CON UNA PERSONA CHE LA PENSA DIVERSAMENTE, IL NOSTRO CERVELLO SI DISCONETTE E SMETTIAMO DI ASCOLTARE: UNA RICERCA BRITANNICA SVELA COSA ACCADE AI NEURONI DURANTE IL MECCANISMO DEL “PREGIUDIZIO DI CONFERMA”. IN SOSTANZA IL CERVELLO, SENZA UN ATTO DI VOLONTÀ COSCIENTE, SELEZIONA E PRESTA ATTENZIONE A QUELLE INFORMAZIONI CHE CONFERMANO SCELTE E GIUDIZI PASSATI MENTRE…

-

Condividi questo articolo


Giordano Tedoldi per "Libero quotidiano"

 

pregiudizio di conferma 4 pregiudizio di conferma 4

Cambiare idea non è facile. Con buona pace del detto "solo i cretini non cambiano idea", tutti noi siamo testimoni di quanto sia difficile ascoltare con obiettività una persona che, ad esempio, demolisce un'opinione alla quale siamo affezionati da lungo tempo. Sulle prime ci disponiamo di buon grado a ascoltare l'interlocutore, comunque già convinti della bontà della nostra tesi, e che riusciremo a confutarlo.

pregiudizio di conferma 9 pregiudizio di conferma 9

 

Ma se la discussione procede per un certo tempo in una posizione di equilibrio, alla fine accade qualcosa di singolare eppure molto familiare: semplicemente cessiamo di ascoltare l'altro. Il nostro cervello sembra disconnettersi. Si va avanti a parlare, ma è un dialogo tra sordi, e alla fine ognuno se ne va confermato nella sua opinione e piuttosto seccato con l'altro che si è dimostrato così cocciuto. In realtà, sia noi che il nostro interlocutore ci comportiamo allo stesso modo, come davanti a uno specchio. Entrambi siamo vittime di quello che gli scienziati della mente chiamano «pregiudizio di conferma». Si tratta di un meccanismo attraverso il quale il nostro cervello, senza un atto di volontà cosciente, ricerca, interpreta, seleziona e soprattutto presta attenzione a quelle informazioni che confermano scelte e giudizi passati, e trascura le altre.

pregiudizio di conferma 14 pregiudizio di conferma 14

 

CHIAVE DI VOLTA Il "pregiudizio di conferma" è un meccanismo psicologicamente decisivo per capire comportamenti in ambiti diversi come la politica, la scienza, l'istruzione. Del resto, è necessario che la nostra identità abbia, per così dire, fondamenta solide, e non possiamo permetterci di cambiare opinione alla prima considerazione avversa, o saremmo in balia della tempesta di informazioni molteplici e contraddittorie che, nel nostro mondo della comunicazione onnipervasiva, ci assediano da ogni parte.

 

pregiudizio di conferma 16 pregiudizio di conferma 16

In altre parole, un certo preconcetto favorevole alle nostre scelte e valutazioni, e alle opinioni che ci accompagnano da lungo tempo, è salutare, e favorisce la formazione di una personalità ben costruita. Ma la cosa interessante è che, mentre finora il "pregiudizio di conferma" rimaneva un fatto osservato dalla psicologia, ma le cui cause scientifiche, al livello di funzionamento cerebrale, non erano chiare, ora una ricerca congiunta della City University e dell'University College di Londra getta uno sguardo dentro la nostra testa, per capire cosa accada ai neuroni quando ci impegniamo in una discussione senza voler minimamente cambiare idea.

 

pregiudizio di conferma 15 pregiudizio di conferma 15

E la risposta è abbastanza sorprendente anche se, per certi versi, prevedibile: sì, il nostro cervello si spegne, si "disconnette", proprio come ci è sembrato in tante occasioni. Per essere più precisi, nella zona mediale posteriore della corteccia prefrontale, che è implicata nei processi decisionali, si è osservata una "ridotta sensibilità neurale" verso la forza delle opinioni degli altri, quando queste opinioni sono tese a confutare le nostre.

 

pregiudizio di conferma 1 pregiudizio di conferma 1

IL FILTRO Dalla stessa ricerca è emerso che le nostre convinzioni alterano già il modo in cui ci rappresentiamo le informazioni, creando una specie di filtro "neurale" che seleziona tutto quello che favorisce le nostre idee, e sbarra tutto quello che rischia di negarle. Uno sbarramento che vediamo costantemente in atto anche in molti altri comportamenti, ad esempio il fatto che tendiamo a approvvigionarci di informazioni sempre da quelle fonti che la pensano già come noi, o che abbiamo più simpatia per quelle persone che confermano o addirittura sposano le nostre convinzioni più radicate, siano esse di natura politica, ideologica, religiosa o di altro genere.

pregiudizio di conferma 2 pregiudizio di conferma 2

 

Quindi anche il detto citato ha una sua logica, solo che va invertito: non è che solo i cretini non cambino idea, è che tutti siamo in un certo modo un po' cretini, proprio sul piano del funzionamento del cervello - la famosa "ridotta sensibilità neurale" verso le opinioni dissonanti con la nostra, di cui ci parlano i neuroscienziati inglesi -, e di conseguenza ci risulta difficile farlo.

 

pregiudizio di conferma 7 pregiudizio di conferma 7

LA SMENTITA Alla luce dello studio, dovremmo stupirci che, ogni tanto, sia pure raramente, il nostro cervello accetti di smentirsi! Immaginate che sforzo debba essere per lui abbracciare un'opinione contraria e che, dunque, è costituzionalmente incline a sottovalutare, a mettere in ombra, a screditare. La formazione di una convinzione è un processo estremamente complicato e ancora in gran parte misterioso, ma possiamo dire che una volta formata, la natura umana tende a renderla granitica. Non prendiamocela troppo con i testardi dunque, e salutiamo come eroi quei pochissimi capaci di cambiare opinione.

pregiudizio di conferma 6 pregiudizio di conferma 6 pregiudizio di conferma 11 pregiudizio di conferma 11 pregiudizio di conferma 13 pregiudizio di conferma 13 pregiudizio di conferma 8 pregiudizio di conferma 8 pregiudizio di conferma 5 pregiudizio di conferma 5 pregiudizio di conferma 12 pregiudizio di conferma 12 pregiudizio di conferma 10 pregiudizio di conferma 10

 

Condividi questo articolo

media e tv

EMANUELE TREVI E CHIARA GAMBERALE SI SCOMODANO A SCRIVERE A DAGOSPIA PER DARCI DEI FASCISTI: “IN RIFERIMENTO AGLI ARTICOLI OLTRAGGIOSI E CRUDELI PUBBLICATI IN QUESTI GIORNI SUL VOSTRO SITO, NON ABBIAMO NULLA DA PENSARE CHE SIA RIFERIBILE PUBBLICAMENTE. QUELLO CHE CI TURBA DI PIÙ È L'ANONIMATO DI QUESTI SCRITTI, CHE CI RICORDA UNA PRATICA TIPICAMENTE FASCISTA” – DAGO-RISPOSTA: “SERVIAMO LA VERITÀ RIPORTANDO I FATTI E NON CONDANNIAMO PROPRIO NESSUNO PER GLI ERRORI, NEMMENO COLORO CHE HANNO LASCIATO SOLO LIBERO DE RIENZO SCOPRENDOSENE POI AMICI PER METTERE LA MUSERUOLA AGLI ALTRI E DARE LEZIONI DI GIORNALISMO E DI MORALE. E LO FANNO PERALTRO MANDANDO MESSAGGI CRIPTICI E FUMOSI, SENZA ALCUNA CONTESTAZIONE PUNTUALE…”

politica

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

cronache

sport

ACQUA AZZURRA – MARTINENGHI VA IN FINALE ALLE OLIMPIADI NEI 100 RANA CON IL TERZO TEMPO ASSOLUTO E IL RECORD ITALIANO - GABRIELE DETTI, BRONZO A RIO 2016 ARRIVA SOLTANTO SESTO: “NON CERCO SCUSANTI MA È STATO UN ANNO STRANO” – TUTTO FACILE PER LA SQUADRA DI PALLAVOLO FEMMINILE E PER IL SETTEBELLO – LA SORPRESA CAMILA GIORGI, LA DELUSIONE DALLA SPADA (AVANTI SOLO UN ITALIANO SU TRE), LE SPERANZE NEL FIORETTO E NEL CANOTTAGGIO: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA TOKYO 2020 – VIDEO

cafonal

viaggi

salute