VECCHI SI', MA NON RINCOGLIONITI! - UNO STUDIO DIMOSTRA CHE I DEFICIT INTELLETTIVI DOVUTI ALL'ETA' SI SONO RIDOTTI RISPETTO AGLI ANNI '60 - IL MOTIVO PER CUI IL GAP DI QUOZIENTE INTELLETTIVO TRA I GIOVANI E GLI ANZIANI SI È RIDOTTO NON È DOVUTO AL PEGGIORAMENTO DEI RAGAZZI, MA AL MIGLIORAMENTO DEI PIU' VECCHI: "LE RAGIONI SONO LEGATE AGLI STILI DI VITA. L’ESPOSIZIONE AL LINGUAGGIO È AUMENTATA MOLTO E…"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Elena Dusi per "la Repubblica"

 

CAPACITA COGNITIVE ANZIANI CAPACITA COGNITIVE ANZIANI

[…] Non è vero […]i che tra giovani e anziani c’è un solco crescente, per quanto riguarda le capacità intellettive. «Il mio studio suggerisce che le differenze cognitive fra giovani e anziani si stiano riducendo con il passare del tempo» racconta Stephen Badham, psicologo dell’università di Nottingham, che ha pubblicato i suoi risultati sulla rivista scientifica Developmental Review e sul sito divulgativo The Conversation .

 

quoziente intellettivo 1 quoziente intellettivo 1

Il motivo per cui il gap di quoziente intellettivo fra le generazioni si assottiglia, secondo il ricercatore, non è il peggioramento dei giovani, ma il miglioramento dei quozienti intellettivi degli anziani oggi rispetto al passato.[…]

 

Dagli anni ’60 a oggi, spiega Badham, «i deficit dovuti all’età sono diventati sempre più piccoli». La spiegazione non è chiara. «Il declino del cervello inizia piuttosto presto, intorno ai 30 anni, ed è dovuto alla riduzione progressiva dei neuroni» spiega Giuseppe Sartori, che insegna neuropsicologia all’università di Padova ed è stato consulente per la revisione del processo di Erba (la strage del 2006 per la quale a marzo si sono riaperte le porte del tribunale).

 

CAPACITA COGNITIVE ANZIANI CAPACITA COGNITIVE ANZIANI

Ma questa curva in calo si intreccia con un’altra curva in salita: l’effetto Flynn. «Chi fa un test per il quoziente intellettivo oggi ha mediamente un risultato più alto, rispetto allo stesso test fatto a un coetaneo un secolo fa», spiega Sartori, definendo l’effetto Flynn. «Il miglioramento non può avere cause genetiche: qualche decennio è troppo poco perché l’evoluzione produca un effetto. Le ragioni sono probabilmente legate agli stili di vita. L’esposizione al linguaggio è aumentata molto fra i bambini di oggi».

 

quoziente intellettivo quoziente intellettivo

[…] L’aumento del QI, notato negli anni ’80 dallo psicologo americano James Flynn, sembra però essersi fermato. Da quasi un decennio la nostra intelligenza ha smesso di crescere. «Probabilmente ha raggiunto i suoi limiti naturali» secondo Badham. «Gli anziani di oggi — spiega Sartori — ricadono nell’onda crescente dell’effetto Flynn». Questo sta diventando sempre meno vero per i giovani, che si ritrovano invece a cavalcare un’onda in discesa. Nel confronto, la generazione che ha beneficiato di scolarizzazione di massa, miglioramento dell’alimentazione e delle cure mediche, riesce a non perdere terreno nei confronti di una gioventù sottoposta a stimoli assai diversi da quelli tradizionali — più schermi, meno lettura — i cui effetti non sono ancora del tutto chiari.

 

anziano fa le parole crociate 1 anziano fa le parole crociate 1

 Anche i dati sull’incidenza di Alzheimer e altre demenze sono inferiori alle stime: non si può dire che i casi non aumentino, ma almeno nei paesi ricchi la curva si sta appiattendo. Nei test condotti da Badham fra i suoi volontari, durati 7 anni, si notano aspetti dell’intelligenza che migliorano con l’età: abilità linguistiche e vocabolario. Esperimenti precedenti non erano stati così positivi per chi è in avanti con gli anni, ma avevano dimostrato che le capacità verbali sono quelle che calano meno. «Un quadro dei cambiamenti delle varie funzioni intellettive con l’età ci arriva dalle grandi piattaforme online di allenamento cognitivo » spiega Sartori.  […]

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...