I VIRUS DEI POVERI INTERESSANO SOLO QUANDO ARRIVANO AI RICCHI – LA DENGUE E NON SOLO: SONO 20 LE “MALATTIE NEGLETTE”, QUELLE CHE NESSUNO IN OCCIDENTE CERCA DI CURARE PERCHÉ COLPISCONO IL TERZO MONDO, DOVE SI INFETTANO UN MILIARDO E 700 MILIONI DI PERSONE – MA CON LA GLOBALIZZAZIONE OGGI QUESTI VIRUS CIRCOLANO ANCHE DOVE PRIMA ERA IMPENSABILE – IL DOTTOR GIANNI REZZA: “NON POSSIAMO PIÙ SENTIRCI AL RIPARO VISTO CHE…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Russo per “la Stampa”

 

Zanzara Aedes Zanzara Aedes

Dengue ma non solo. Perché nel mondo sono venti le «malattie neglette» che nessuno cerca di curare perché colpiscono solo i Paesi poveri, dove infettano un miliardo e 700 milioni di persone l'anno. Ma la storia insegna che con la globalizzazione anche i virus arrivano dove prima era impensabile circolassero, come spiega Gianni Rezza, già direttore della prevenzione al ministero della Salute e ora Professore di Igiene all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

 

gianni rezza gianni rezza

La Dengue che genera la febbre «spaccaossa» appartiene al gruppo delle «malattie neglette». Cosa sono e perché dobbiamo temerle anche noi?

«Si chiamano così non perché siano rare, dato che colpiscono un miliardo e 700 milioni di persone nel mondo e pesano in termini di morti e contagi come i tre "big killer" messi insieme, tubercolosi, Hiv e malaria.

 

Ma poiché sono diffuse in Paesi poveri, che non hanno risorse per acquistare farmaci e vaccini, finiscono per essere trascurare anche dalla ricerca. Come hanno però già dimostrato proprio la Dengue e Chikungunya, la globalizzazione da un lato e la tropicalizzazione del nostro clima dall'altro non possono più farci sentire al riparo da infezioni che rischiano di diventare endemiche anche da noi visto che le zanzare con le quali si trasmetto si aggirano nelle nostre case anche d'inverno».

Sintomi Dengue Sintomi Dengue

 

[…]

Allo Spallanzani di Roma e nei centri vaccinali specializzati in malattie tropicali è iniziata la campagna vaccinale contro la Dengue. Chi deve immunizzarsi?

«Il vaccino non è per tutti ma per chi deve intraprendere un viaggio nelle zone dove la malattia è endemica, come Brasile, Argentina, India e Sud Est Asiatico. È raccomandato anche a chi ha già avuto una infezione da Dengue, perché reinfettarsi fa aumentare notevolmente il rischio di malattia grave e di morte».

 

Il vaccino protegge bene?

gianni rezza gianni rezza

«L'efficacia complessiva nei confronti dei due sierotipo di Dengue più diffusi a livello globale è dell'80% a 12 mesi dalla seconda dose, contro le ospedalizzazioni è del 90% a 18 mesi. I risultati a lungo termine, a quattro anni e mezzo, hanno dimostrato un'efficacia complessiva del vaccino del 61,2% nel prevenire la malattia e dell'84,1% nel prevenire l'ospedalizzazione. Si tratta di un vaccino a virus vivo attenuato in maniera tale da stimolare una risposta immunitaria senza essere in grado di provocare la malattia».

 

Come si somministra?

«Il vaccino Qdenga deve essere somministrato da un medico o da un infermiere con iniezione sottocutanea nella parte superiore del braccio. Il ciclo vaccinale si compone di due dosi, la seconda va somministrata a distanza di tre mesi dalla prima».

Dengue Dengue

 

Basta il vaccino a proteggerci da nuovi e più diffusi focolai?

«No. Il ministero della Salute ha giustamente inviato una circolare dove agli Uffici di sanità marittima e aerea si chiede di alzare il livello di sorveglianza e di disinfettare gli aerei e le merci provenienti dai Paesi dove circola il virus. Ma con l'arrivo del caldo e la maggiore circolazione della zanzara tigre che trasmette il virus sarà necessario anche aumentare la vigilanza per individuare tempestivamente i casi e disinfestare le aree verdi circostanti i focolai. […]».

Dengue 2 Dengue 2 Disinfestazione a Singapore Disinfestazione a Singapore Dengue Singapore Dengue Singapore gianni rezza gianni rezza Zanzara tigre Zanzara tigre

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO