1- BUM! SALGONO A 1300 LE VITTIME DEI MADOFF DEI PARIOLI, MA ALCUNE POTREBBERO PASSARE DALL’ELENCO DEI TRUFFATI A QUELLO DEGLI INDAGATI PER RICICLAGGIO: SOMME IN NERO AFFIDATE TRA 2009-10 PER POI FARLE RIENTRARE CON LO \"SCUDO\" FISCALE - 2- AFFIORANO DETTAGLI SCONCERTANTI. AI CLIENTI SI PROMETTEVANO RENDIMENTI \"FINO AL 19%\" DELLA SOMMA INVESTITA (PERCENTUALI CONSENTITE SOLO DAL PRESTITO A USURA) E NELLE TRANSAZIONI SI UTILIZZAVANO METODI TANTO RISCHIOSI QUANTO AMBIGUI - 3- TRAVAGLIO IN CAMPO CONTRO IL CORRIERE DI FLEBUCCIO IN DIFESA DI SABINA GUZZANTI: \"ORRORE: UN’ATTRICE DI SINISTRA HA DEI SOLDI E, DOPPIO ORRORE, NON LI TIENE NEL MATERASSO, NON LI PORTA ALL’ESTERO, NON FA SCUDI FISCALI, CI PAGA LE TASSE, LI INVESTE E, TRIPLO ORRORE, SI FA TRUFFARE. CE N’È ABBASTANZA PER MASSACRARLA, DANDOLE IL RESTO CHE NON S’ERA ANCORA PRESA PER AVER OSATO SBERTUCCIARE LA DESTRA E LA SINISTRA MENTRE TANTI PARACULI SE NE STAVANO ACQUATTATI\" -

Condividi questo articolo


1- I VIP TRUFFATI ORA RISCHIANO L\'ACCUSA DI RICICLAGGIO - I NOMI SALGONO A 1300. CI SONO ANCHE RIONDINO E LO CHEF BECK...
Lavinia Di Gianvito e Ilaria Sacchettoni per il \"Corriere della Sera\"

NelloNello Rossi

Salgono a 1300 le vittime dei Madoff pariolini, ma alcune potrebbero passare dall\'elenco dei raggirati a quello degli indagati per riciclaggio di denaro. La svolta nelle indagini del procuratore aggiunto Nello Rossi e dei pm Luca Tescaroli e Francesco Ciardi coincide con nuove denunce e con il recente ritrovamento, tra i molti faldoni Egp (ultima sigla con cui operavano gli arrestati), di un altro elenco di nomi.

Clienti che avrebbero avuto fiducia nei promotori abusivi (mai iscritti alla Consob) fin quasi all\'alba del collasso, tanto da affidargli somme ancora tra il 2009 e il 2010 per far rientrare i capitali con lo «scudo» varato dal governo Berlusconi.

LucaLuca Tescaroli

L\'inchiesta è divisa in due tranche. Una prima è sfociata nelle misure cautelari e nei sequestri dei giorni scorsi, mentre l\'altra dovrà stabilire se tra gli investitori aderenti allo scudo fiscale c\'è chi ha commesso irregolarità. Intanto affiorano dettagli sconcertanti. Ai clienti si promettevano rendimenti «fino al 19%» della somma investita (percentuali consentite solo dal prestito a usura) e nelle transazioni si utilizzavano metodi tanto rischiosi quanto ambigui. «Portavamo i contanti o l\'assegno e ricevevamo una fotocopia o un foglio informale, magari scritto a mano come ricevuta» , ha raccontato agli investigatori una vittima. Nell\'elenco dei 1300 clienti compaiono nobili romani e signore dei palinsesti televisivi, avvocati famosi e autori della radiofonia.

GianfrancoGianfranco Lande

Tutti passati per la centralissima sede della Egp in via Bocca di Leone con molte delusioni. Fra i nomi anche quello di Heinz Beck, pluripremiato chef che vanta tra i suoi ammiratori anche il Papa: Joseph Ratzinge, allora cardinale, cenò da Beck per i suoi 70 anni. Cliente Egp il doppiatore Claudio Sorrentino (voce di Mel Gibson) e Nori Corbucci, vedova del regista Sergio. Ma il passaparola aveva attratto investimenti anche di colleghi come Sabina Guzzanti e il suo ex compagno David Riondino, danneggiandoli nella maggior parte dei casi.

Nella lista spuntano poi Pierdomenico Martino del partito Democratico, il dirigente di Raitre Fernando Masullo, il regista Ruggero Deodato, la costumista Eleonora Bonicelli, Francesca De Cecco (industriale della pasta), la stilista Daniela Malpighi (Denny Rose), l\'architetto Angelo Bucarelli, nipote di Palma, famosa direttrice del Museo d\'Arte Contemporanea di Roma, già compagno di Edwige Fenech, Maria Arabella Salviati, discendente del cardinale che nel Cinquecento fece costruire a Roma l\'ospedale San Giacomo, e l\'ex calciatore Giovanni Stroppa.

HeinzHeinz Becks

E nei faldoni dell\'inchiesta tra i nomi si leggono anche quelli dell\'avvocato Stefano Bortone e di Giancarlo Umani Ronchi, per molti anni direttore dell\'istituto di medicina legale della Sapienza. Nel complicato e plastico intreccio di truffati e truffatori capitava anche che gli uni e gli altri fossero imparentati, come nel caso di Giuseppe Torregiani, cliente e familiare di Roberto, tra gli amministratori della Egp arrestati il 25 marzo scorso.

Ieri il pm Tescaroli ha interrogato Gian Piero Castellacci De Villanova, anch\'egli finito in carcere nei giorni scorsi: assistito dall\'avvocato Mattia La Marra, il promotore ha spiegato, tra l\'altro, che «dal \' 95 al 2009 nessun cliente si è mai lamentato» . E da una settimana, secondo Panorama, ha deciso di fare lo sciopero della fame Gianfranco Lande, l\'altro responsabile della società che avrebbe organizzato la maxitruffa.

2- LEI È VITTIMA? SI DISCOLPI...
Marco Travaglio per \"il Fatto quotidiano\"

NORINORI CORBUCCI

Nel Paese di Sottosopra, sgovernato da un colpevole impunito per legge (fatta da lui), è perfettamente coerente che le vittime diventino colpevoli. È la nuova frontiera del garantismo all\'italiana. Il Pompiere della Sera - che ha dedicato all\'ennesimo rinvio a giudizio del suo editore Ligresti una notiziola rilevabile solo dal microscopio elettronico - racconta così gli insulti di La Russa a Fini: \"Rissa alla Camera. Duro scontro tra ministro della Difesa e presidente della Camera\".

SABINASABINA GUZZANTI

Come se chi grida vaffanculo e chi se lo prende fossero sullo stesso piano. Pigi Cerchiobattista lamenta la \"reciproca delegittimazione\" da cui \"nessuno esce con un profilo di decoro e di innocenza. Non la maggioranza... non l\'opposizione... non i ministri che scambiano col presidente della Camera battute irripetibili... Difficile distribuire le colpe\". Già: bisognerebbe scrivere \"La Russa\" e \"vaffanculo\", per capire di chi è la colpa. A pagina 2 altro titolo memorabile: \"Quel giorno davanti al Raphael che portò Craxi verso l\'esilio\". Cioè latitanza, ma fa lo stesso.

Sotto, Aldo Cazzullo denuncia: \"18 anni dopo siamo ancora qui col Cavaliere, i magistrati, i processi politici...\". Processi politici? Questi sono processi \"ai\" politici, anzi a un politico, per reati comuni che con la politica non c\'entrano nulla (mafia, stragi, corruzione, concussione, frode fiscale, appropriazione indebita, falso in bilancio, prostituzione minorile). Ma il meglio arriva a pagina 27, dove una settimana dopo l\'arresto di un presunto truffatore accusato di aver raggirato 700 persone, si continuano a pubblicare le foto segnaletiche dei truffati. Soprattutto uno: Sabina Guzzanti.

DARIODARIO VERGASSOLA DAVID RIONDINO

Da un anno, come le altre vittime, Sabina aspettava che la magistratura si muovesse, nella speranza di recuperare qualche euro di quelli affidati ai promoter del Madoff italiota. Poi, quando finalmente è scattato il blitz, s\'è resa conto che non era peggio per lui. Ma per lei. Nel Paese di Sottosopra, stampa e tv han preso a sbattere in prima pagina le vittime, come se fossero loro a doversi vergognare. Solo perché alcune hanno il grave torto di non essere povere in canna o, peggio ancora, di essere famose. Orrore: un\'attrice di sinistra ha dei soldi e, doppio orrore, non li tiene nel materasso, non li porta all\'estero come certi editori del Pompiere, non fa scudi fiscali, ci paga addirittura le tasse, li investe e, triplo orrore, si fa truffare.

PIERDOMENICOPIERDOMENICO MARTINO

Ce n\'è abbastanza per massacrarla, dandole il resto che non s\'era ancora presa per aver osato sbertucciare la destra e la sinistra mentre tanti paraculi se ne stavano acquattati aspettando che passasse la nuttata. Lei sulle prime la prende sul ridere e scrive un pezzo ironico per il Fatto, \"Confesso, mi hanno truffata\", \"Posso solo sperare nella clemenza di Minzolini. Sono un verme, chiedo solo di poter continuare a vivere nell\'ombra\". Poi capisce che c\'è poco da ridere.

AngeloAngelo Bucarelli

C\'è una campagna di pestaggio con i soliti rimbalzi sul blog. Ecco il titolo di Libero: \"La toccano nel portafogli e l\'avida Sabina insulta i fan\". Ed ecco l\'intervista-interrogatorio che le ha fatto, sul Pompiere divenuto piromane, Fabrizio Roncone. Un reperto dei nostri tempi: \"Sabina Guzzanti è figlia di Paolo e sorella di altri due attori, Caterina e Corrado. Secondo il parere di numerosi esperti, il vero fuoriclasse del palcoscenico sarebbe Corrado\", mentre Sabina ha pure la \"voce nervosa, rauca, tremante\".

Parte il terzo grado: \"Allora, c\'è questa storia della truffa...\", \"Non sarà che a lei sembrano pazzesche e seccanti, molto seccanti, le critiche che le vengono mosse sul suo blog? Da giorni lei viene accusata, e rimproverata, di aver cercato guadagno facile coi trucchi della finanza...\", \"Non offenda quelli che scrivono sul suo blog\", \"Come mai è così prudente, signora? Non ha perso 400 mila euro?\", \"È vero o no che lei avrebbe già recuperato parte del denaro?\". Domande che parrebbero eccessive anche se rivolte al truffatore. Roncone le riserva alla truffata. Secondo il parere di numerosi esperti, col truffatore sarebbe molto più conciliante.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…